AttualitàMestreTutela ConsumatoriTutela del Cittadino

Non ha pagato le bollette! Ma è la solita truffa

1 minuti di lettura

Imperversano false lettere di avvocati, o mail di agenzie di recupero crediti, e bisogna sapere come fare per evitare di cadere in una truffa. L’associazione consumatori Adico ha smascherato il raggiro, per altro molto usato in questi anni, e ci aiuta con alcuni consigli.

Mestre – Fatture non pagate, relative a una non meglio specificata fornitura (di luce o gas?),  per un totale di 490 euro che diventano 770,94 euro a causa di more e spese varie: è questa la richiesta formulata da una sedicente agenzia di recupero crediti, a un socio Adico, abitante a Mestre, che, ricevuto il sollecito di pagamento, si è subito rivolto all’ufficio legale dell’associazione per chiedere assistenza.

I consigli

L’utente aveva subito fiutato la truffa, visto anche l’errore grammaticale nell’oggetto: “sollicito di pagamento”, ma le anomalie erano comunque numerose.  In primis, l’invio è avvenuto dall’indirizzo “credit factor” ma poi la firma è della Gestione Rischi srl, che non c’entra nulla. Inoltre il saldo, secondo quanto indicato, doveva essere inviato a  Wester Union, servizio solitamente utilizzato dai cittadini stranieri per inviare soldi nel proprio Paese d’origine. In questo caso il destinatario sarebbe un soggetto residente in Tunisia.

Altra stranezza, nella mail (fra l’altro semplice, non Pec) si minaccia la sospensione della fornitura in caso di mancato pagamento, ma nessun recupero crediti ha questa facoltà.

Inoltre, nel sollecito non ci sono indicazioni del tipo di fornitura per cui si chiede il pagamento del debito e dell’azienda teoricamente creditrice. E comunque, al diretto interessato non risulta di aver alcun debito di pagamento di alcuna bolletta.

“Temiamo che questa sia una nuova frontiera delle tante truffe legate ai contratti di luce e gas –- spiega Carlo Garofolini, presidente dell’Adico – Fortunatamente il nostro socio ha fiutato l’imbroglio che, tra l’altro, abbiamo confermato contattando anche Gestione Rischio srl. Sappiamo benissimo, però, che certi utenti, penso soprattutto agli anziani, possono cascarci con maggiore facilità considerando anche l’ansia che si concretizza con la minaccia della sospensione della fornitura. Invitiamo dunque a porre massima attenzione a questi raggiri che sono innumerevoli. Il nostro consiglio di fronte a comunicazioni come questa è di contattare immediatamente persone esperte, come i legali dell’Adico, per confermare o meno la legittimità della richiesta ricevuta”. 

Articoli correlati
AmbienteAttualitàMargheraSlide-main

Parco dell'Idrogeno a Porto Marghera

1 minuti di lettura
Il Consiglio comunale di Venezia ha approvato la delibera per la creazione del Parco dell’idrogeno e delle energie innovative a Porto Marghera…
AttualitàCostume&SocietàItaliaSlide-mainVeneto

Abbiamo scritto tante storie

1 minuti di lettura
Poste Italiane festeggia la Festa della Repubblica, come tutti gli italiani, ma lo fa con una speciale cartolina colorata Festa della Repubblica…
AttualitàSlide-mainSocialeVenezia

Rinnovo del progetto "LavoroSicuro - edizione 2024"

2 minuti di lettura
Il progetto “LavoroSicuro – edizione 2024” è stato rinnovato a Venezia per promuovere la sicurezza sul lavoro e l’inclusione degli studenti nei…