CulturaSlide-mainSocialeVenezia

Nasce a Dolo la biblioteca inclusiva, prima esperienza a livello regionale

2 minuti di lettura

In occasione della Giornata Internazionale deIle Persone con Disabilità istituita ufficialmente dall’ONU nel 1992 e celebrata ogni anno il 3 dicembre, è stato presentato presso il Comune di Dolo il progetto Biblioteca Inclusiva.

Nato all’interno del Patto Locale per la Lettura – Dolo Città che legge 2021-2022, una rete permanente di associazioni, realtà e istituzioni che ha l’intento di sostenere la crescita socioculturale attraverso la diffusione della lettura come valore riconosciuto e condiviso in grado non solo di influenzare positivamente la qualità della vita individuale e collettiva, ma anche e soprattutto di essere strumento per interpretare le dinamiche e i mutamenti del nostro tempo.

Alla rete aderisce anche l’Associazione Famiglie e Abilità – Percorsi di crescita di Campolongo Maggiore (Ve) che ha promosso in collaborazione con il Comune di Dolo il progetto Biblioteca Inclusiva rivolto a bambini/ragazzi con autismo o altre neurodiversità.

La lettura è una delle competenze cognitive più importanti per un bambino. È un’attività importantissima per la crescita e lo sviluppo del pensiero, ancora più preziosa se condivisa.

E una biblioteca per l’inclusione non è soltanto uno spazio fisico. Costruire inclusione, a differenza dell’integrazione, è agire sul contesto e non sull’individuo. La biblioteca per l’inclusione è tassello e motore di una comunità in cui sono rimossi gli ostacoli alla partecipazione dei soggetti deboli; quando gli ostacoli non sono fisici (barriere architettoniche), tutti i soggetti operanti nel contesto sono chiamati ad acquisire ed agire nuove competenze comunicative e linguaggi alternativi. La possibilità di trovare all’interno di una biblioteca dei libri inclusivi che possano essere letti anche da bambini con difficoltà di apprendimento, la rende usufruibile anche da tutte le persone con autismo, disturbi pervasivi dello sviluppo, ritardo mentale, disfasia o da persone con dislessia o bambini con bisogni speciali.

Il progetto partirà dal 2023 presso la Biblioteca comunale di Dolo e vedrà l’attivazione di una sezione di libri in CAA (Comunicazione Aumentativa Alternativa) e ad alta leggibilità, che permettano una lettura agevolata sia ai piccolissimi sia ai bambini con disabilità cognitiva o con DSA, cui si affiancherà una formazione specifica per il personale di biblioteca.

Saranno poi realizzati laboratori di lettura accompagnati da attività artistiche e una serie di altre proposte e microprogetti presentati durante la conferenza stampa e rivolti a migliorare e potenziare l’esperienza inclusiva all’interno della biblioteca comunale sia per i ragazzi che gli adolescenti con autismo e neurodiversità.

Il Sindaco di Dolo, Gianluigi Naletto: ‘Inclusione non è NON esclusione, è processo partecipativo per rendere le fragilità parte attiva nella comunità e per consentire alla comunità di scoprire quale grande risorsa essa possa essere’.

L’Assessore alla Cultura Matteo Bellomo: ‘L’offerta culturale della nostra comunità si arricchisce. Questo progetto costituisce un fondamentale salto di qualità nella costruzione di quella Città Gentile che sa scoprire ricchezze dove altri vedono soltanto barriere e limiti.  Non è un progetto sociale ma un percorso di costruzione culturale e civica, al quale chiediamo a tutti di aderire, in particolar modo alle associazioni con le quali proficuamente ogni giorno collaboriamo’. 

Articoli correlati
CiboSlide-mainTutela del Cittadino

Barbecue fatale

2 minuti di lettura
Una donna, nel napoletano, è stata travolta dalle fiamme del piccolo barbecue che stava accendendo sul balcone. Morta dopo giorni di agonia Napoli –…
AttualitàSlide-mainSociale

Una sfilata di moda con protagonisti speciali

2 minuti di lettura
All’Istituto Bon Bozzolla di Farra di Soligo è andata in scena una sfilata di moda unica, con nonne e nonni come modelli…
Food & LifestyleLe eccellenzeSlide-main

Casatella trevigiana DOP compie 16 anni

2 minuti di lettura
Consorzio, caseifici, ristoratori, chef e pizzerie celebrano sedici anni di freschezza e genuinità. Domenica 2 giugno, a Treviso, la grande festa di…