ArteCulturaTempo libero

Museo Ostiense: un nuovo inizio tra storia e innovazione

2 minuti di lettura

Un rinnovato percorso espositivo all’interno del Parco archeologico di Ostia antica

OSTIA (Roma) – Dopo un significativo restauro finanziato con oltre 3 milioni di euro dal CIPE, il Museo Ostiense, situato nel Parco archeologico di Ostia antica, riapre le sue porte al pubblico. La cerimonia di inaugurazione ha visto la partecipazione del Ministro della Cultura, Gennaro Sangiuliano, del Direttore generale Musei, Massimo Osanna, e del Direttore del Parco archeologico di Ostia antica, Alessandro D’Alessio.

Ristrutturazione e restauro: due fasi distinte

Il progetto di rinnovo del Museo Ostiense è stato suddiviso in due capitoli principali: uno dedicato ai lavori di adeguamento strutturale e allestimento, l’altro al restauro delle opere esposte. La ristrutturazione si è concentrata sul Casone del Sale, un edificio del XVI secolo, aggiornato per migliorare la stabilità strutturale, l’accessibilità fisica e cognitiva, e le dotazioni tecnologiche.

Un racconto museale rivisitato

Il nuovo allestimento del museo offre una narrazione completamente rinnovata della storia di Ostia, prima colonia di Roma e porta d’accesso al Mediterraneo. Fondata nel VII secolo a.C. dal re Anco Marzio, Ostia crebbe notevolmente nel corso dei secoli, diventando un importante scalo commerciale. Il museo ora illustra questo sviluppo attraverso sette macrotemi, che spaziano dalle origini della città all’epoca repubblicana, dal potere imperiale agli spazi civici, fino alle necropoli del territorio.

Innovazione multimediale e restauro delle opere

Il percorso espositivo del Museo Ostiense è arricchito da apparati multimediali, tra cui touchscreen con fotografie storiche e disegni, e video di approfondimento con sistema sound shower. Oltre cento opere della collezione permanente sono state restaurate, affrontando diverse sfide conservative. Per alcune sculture, sono state create strutture autoportanti in metallo che aiutano i visitatori a immaginare le parti mancanti.

Un rinnovato impegno culturale

Il rinnovo del Museo Ostiense si inserisce in una più ampia serie di iniziative del Parco archeologico di Ostia antica, che negli ultimi anni ha visto l’apertura del Museo delle Navi di Fiumicino, dell’area archeologica dei porti di Claudio e Traiano, della Necropoli di Porto e del Castello di Giulio II. La riapertura del museo è stata accolta con entusiasmo dal Ministro Sangiuliano, che ha sottolineato l’importanza dei musei come pilastri dell’identità nazionale.

Una guida per i visitatori

Per accompagnare i visitatori, è stata pubblicata una guida curata da Alessandro D’Alessio e Cristina Genovese, che raccoglie i testi introduttivi e una selezione delle opere più significative. Questo strumento arricchirà ulteriormente l’esperienza di visita, offrendo approfondimenti sulla storia e l’arte di Ostia.

Articoli correlati
AttualitàCulturaItaliaSlide-main

Capitale della Cultura 2027: sfida aperta

1 minuti di lettura
Ventidue città italiane si contendono il prestigioso titolo di Capitale italiana della Cultura 2027, pronte a mostrare il meglio della loro eredità…
CulturaItaliaSlide-main

Il giardino segreto di Villa Borghese torna a fiorire

1 minuti di lettura
A Roma, il giardino segreto di Villa Borghese, nei giorni scorsi, è stato riaperto al pubblico dopo molti anni di abbandono e…
Marca TrevigianaSlide-mainTempo liberoTurismo

Due nuovi percorsi turistici alla scoperta di Villorba

2 minuti di lettura
Assaporando Villorba tra vino, radicchio, ville venete e antiche osterie VILLORBA (TV) – Il Distretto del Commercio di Villorba “Qualitas Vitae”, nell’ambito…