MoglianoPoliticaSlide-main

Mogliano. Le opposizioni, il punto sul bilancio 2021

2 minuti di lettura

Riceviamo e diffondiamo il comunicato stampa a firma dei Consiglieri di minoranza di Mogliano Veneto sul bilancio 2021
 
Dopo quasi due anni dalla sua elezione, pur avendo goduto di un anno di sospensione della rata e una sentenza di secondo grado favorevole sul derivato, Bortolato non è ancora stato in grado di rinegoziare il mutuo del Comune. Un misto di inezia e inettitudine che solo quest’anno drenerà 1 milione e 700 mila € di risorse dai servizi dei cittadini, per poi salire sempre di più negli anni successivi.
 
Il risultato è un bilancio senza un Euro di misure per aiutare famiglie e imprese nell’emergenza Covid, esattamente come l’anno appena trascorso dove i fondi per l’emergenza sono arrivati tutti dallo Stato e non un centesimo è stato aggiunto da questa amministrazione.
 
Il resto è un misto di tagli lineari ed entrate gonfiate per mantenere una parvenza di equilibrio in attesa che arrivi il prossimo trasferimento dal Governo che salverà per il secondo anno consecutivo il bilancio del nostro Comune:
1. meno 189 mila € di contributi per iniziative culturali (taglio del 94%);
2. meno 202 mila € di contributi allo sport (taglio del 100%);
3. meno 90 mila € di contributi per progetti e gestione aree verdi (taglio del 100%);
4. meno 9 mila € di contributi per le pari opportunità (taglio del 56%);
5. meno 90 mila € di contributi per famiglie e imprese per emergenza Covid 19 (taglio del 100%);
6. meno 40 mila € di contributi fondo per la refezione scolastica (taglio del 100%);
7. completamente spariti i capitoli sulla nuova centrale intercomunale della polizia locale;
8. il finanziamento di gran parte dei capitoli del sociale è legato a contributi regionali incerti;
9. Previsioni di gettito tributario in aumenti inverosimili sul 2020, come se in mezzo non ci fosse una crisi economica drammatica.
 
Si doveva e si poteva fare di più, perché in una situazione straordinaria servivano misure altrettanto straordinarie. Si doveva pensare ad un bilancio meno “classico” e più coraggioso che prendesse atto della delicata situazione economica e sociale che la pandemia ha creato e mettesse al centro i cittadini e le attività commerciali del territorio. Sacrificando, se necessario, anche alcune opere pubbliche. Invece, per logiche di spartizioni interne e per paura di perdere voti, non si è voluto procedere con coraggio. Pare che la Giunta non si sia resa conto del momento storico che viviamo: in mezzo ci sono famiglie e imprese che aspettano risposte alla scadenza del blocco dei licenziamenti e della cassa integrazione Covid, in una città dove già prima della
pandemia un terzo della popolazione viveva con meno di 12 mila € all’anno.
 
La storia dunque si ripete: oggi come dieci anni fa la cattiva amministrazione della Lega e dei suoi alleati sta per esporre il Comune all’ennesimo disastro finanziario, cancellando l’intera politica di welfare dell’Ente.
 
Quest’anno non abbiamo presentato emendamenti, perché sarebbe stato da rifare completamente il bilancio da capo. L’amministrazione ha un anno intero per redarlo, noi abbiamo solo 15 giorni per studiarlo, fare un’analisi, chiedere consulenze, condividerla fra di noi e prima ancora con le nostre forze politiche. Abbiamo chiesto con una lettera scritta al Presidente del Consiglio di dilatare i tempi per cortesia istituzionale, ma l’unica cosa che abbiamo ottenuto è stato un colloquio privato col ragioniere. Ci saremo quindi trovati nelle stesse condizioni dell’anno passato, dove eravamo riusciti a presentare emendamenti circostanziali all’ultimo minuto, cassati poi dal primo all’ultimo dalla maggioranza. Salvo vederli riprendere nelle variazioni successive e presentarli pari pari, ma a nome loro. Il dialogo ed il confronto non si fanno solo a parole ma anche con i
fatti.
 
Dal canto nostro offriremo comunque consigli e migliorie puntuali durante la fase dibattimentale in Consiglio, nell’interesse superiore della stabilità dell’Ente e della nostra comunità.
I Consiglieri Comunali di minoranza
Tiziana Baù
Giacomo Nilandi
Daniele Ceschin
Renzo Prete
Ferdinando Minello
Roberta Albanese

Articoli correlati
MestreSlide-mainVenezia

Mestre, scappa alla vista degli agenti, bloccato con dosi di hashish pronte allo spaccio

1 minuti di lettura
La radiomobile della Polizia locale si ferma davanti a un attraversamento pedonale per far attraversare un giovane in sella alla sua bicicletta,…
MargheraMestreSlide-mainVenezia

Venezia. Possibili gelate notturne: spargisale in azione dalla mezzanotte

1 minuti di lettura
La Protezione civile e la Centrale operativa della Polizia locale del Comune di Venezia comunicano che, vista la possibilità di gelate nelle…
Slide-mainTreviso

Il cordoglio della Cisl per la scomparsa di Luigi Cal

1 minuti di lettura
Grande il cordoglio della Cisl Belluno Treviso per la scomparsa di Luigi Cal, ex direttore per l’Italia e San Marino dell’Organizzazione Internazionale…

    RIMANI SEMPRE AGGIORNATO SULLE ULTIME NEWS
    ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER!