NewsPolitica

Ministeri verso il terzo mandato. Lega convocata per l’ufficialità

2 minuti di lettura

L’attuale Sindaco di Cimadolmo (TV), Giovanni Ministeri, annuncia ufficialmente la volontà di ricandidarsi per continuare ad amministrare il Comune dell’asparago bianco, supportato dalla sua squadra e dall’appoggio dei politici locali.

CIMADOLMO (TV) – “Non so dire se ci siano altre liste, ma a sentire certi nomi mi sembra di trovarmi a Scherzi a parte” ha esordito ieri mattina il Sindaco in carica Giovanni Ministeri, con la classica ironia che lo contraddistingue, annunciando ufficialmente la ferma volontà di continuare ad amministrare il Comune di Cimadolmo, ripresentandosi quindi alle elezioni amministrative del 2024, ora che il Consiglio dei Ministri ha rimosso il limite al numero dei mandati nei Comuni inferiori ai 5mila abitanti.

L’annuncio è stato dato durante la conferenza stampa convocata dallo stesso, alla presenza della sua squadra di Assessori e Consiglieri, di numerosi simpatizzati della Lega locale, che a Cimadolmo è guidata da Apollonio Segato, e degli esponenti politici di partito, l’On. Dimitri Coin e l’On. Franco Manzato. Esponenti ringraziati più volte da Ministeri per l’appoggio dimostrato sin dal suo insediamento e per la piena libertà d’azione concessa.

Il Sindaco Giovanni Ministeri

“Il nostro programma è pronto, abbiamo chiaro il lavoro da portare avanti” continua il Sindaco in carica, riferendosi alla costruzione della scuola dell’infanzia, dell’asilo nido e della casa di riposo, poi affronta la madre di tutte le battaglie “a breve, tra marzo e aprile, ci sarà una sentenza importante, che è quella dei derivati, di cui sono abbastanza fiducioso. Risolvendo questa situazione, cambieranno le sorti di questo paese. Dieci anni fa Cimadolmo aveva un debito di 3,8 milioni e di 2,5 milioni di derivati: oggi questo debito lo abbiamo quasi azzerato“.

Ad accogliere con favore la volontà di Ministeri a ricandidarsi, è l’On. Dimitri Coin, che ha espresso pieno sostegno a tutta la squadra, parlando di logica continuità rispetto ad un lavoro buono, portato avanti negli anni. “Giovanni e la sua squadra hanno lavorato bene ed è giusto che abbiano la possibilità di proseguire. Il lavoro portato avanti collegialmente è stato importante, quindi prendo di buon grado la disponibilità di Giovanni a ricandidarsi, avrà tutto il supporto che necessita da parte delle Segreteria Provinciale. “

Non è mancato l’appoggio dell’On. Franco Manzato, che “oltre a confermare la massima fiducia su Giovanni” ha elogiato anche la sua “squadra di giovani, forti e determinati, che in futuro possono tranquillamente prendere il testimone. L’esperienza per proseguire c’è tutta”, ha detto.

Felice che la squadra contenga così tanti giovani si è detto anche Apollonio Segato, poiché “coinvolgere i ragazzi in politica non è facile, vanno appassionati e coinvolti, lasciati liberi di mettersi in gioco”. E Ministeri questo lo sa bene, perché sa di poter contare su una squadra più che compatta, che lo accompagna oramai da dieci anni, con qualche new entry aggiuntasi nel precedente mandato.

“Noi facciamo il nostro dovere, lavoriamo per la gente. Ho sempre detto ai miei ragazzi che il nostro interesse è quello delle persone, abbiamo tutti un debito d’onore verso chi ci ha votati e non possiamo permetterci di sbagliare” ha chiosato Ministeri, pronto a guidare Cimadolmo verso un futuro di continuità e progresso: un impegno confermato, un mandato da rinnovare alle elezioni dell’8-9 giugno 2024.

Articoli correlati
AttualitàMondoNewsSlide-main

730 giorni di guerra

2 minuti di lettura
Dalle bombe molotov ‘fai da te’ ai sofisticati droni, le armi e le strategie sono cambiate in due anni di guerra in…
ItaliaPoliticaSlide-main

Ok al voto degli studenti fuori sede alle Europee

1 minuti di lettura
Strada spianata per gli studenti fuori sede che comunque dovranno inviare una richiesta almeno 35 giorni prima del voto direttamente al proprio Comune di residenza….
AttualitàCoronavirusItaliaMargheraPoliticaSaluteSlide-main

Dimissioni del professor Palù

1 minuti di lettura
Il Presidente dell’Aifa, Agenzia Italiana del Farmaco, Giorgio Palù ha rassegnato le dimissioni. Era da poco stato riconfermato alla presidenza. Roma –…