Home / Cultura  / Ambiente  / Meteo, stato di attenzione per precipitazioni in pianura e sulla pedemontana

Meteo, stato di attenzione per precipitazioni in pianura e sulla pedemontana

METEO. STATO DI ATTENZIONE PER PRECIPITAZIONI, ANCHE FORTI, IN PIANURA E SULLA ZONA MONTANA. ALLERTA PER RISCHIO IDRAULICO E IDROGEOLOGICO Il Centro Funzionale Decentrato della Protezione Civile Regionale ha emesso oggi, venerdì 22 gennaio, un nuovo

METEO. STATO DI ATTENZIONE PER PRECIPITAZIONI, ANCHE FORTI, IN PIANURA E SULLA ZONA MONTANA. ALLERTA PER RISCHIO IDRAULICO E IDROGEOLOGICO

Il Centro Funzionale Decentrato della Protezione Civile Regionale ha emesso oggi, venerdì 22 gennaio, un nuovo bollettino meteo dove si evidenzia lo stato di attenzione per precipitazioni, con conseguente rischio idraulico e idrogeologico, e forti venti sia in Pianura che sulle zone Pedemontane e Montane.

Il bollettino è valido per le piogge, anche abbondanti, con rischio idraulico e idrogeologico, dalle ore 14.00 di oggi fino alle ore 18.00 di domani, sabato 23 gennaio; per le nevicate fino alle ore 00.00 di domenica 24 gennaio; per i forti venti, nelle Zone Costiere e Pianura Limitrofa, fino a domani mattina, mentre nei Rilievi Prealpini, fino alle ore 00.00 di domani.

Tra oggi pomeriggio, venerdì 22 gennaio, e domani, è previsto un tempo a tratti perturbato, con importanti precipitazioni, a tratti anche forti. Il bollettino meteo prevede rovesci, specie sulle zone Prealpine e Pedemontane, abbondanti sulle Zone Montane (60-100 mm). Si attende un limite della neve intorno ai 1000/1200 metri sulle Dolomiti e a 1300/1600 metri sulle Prealpi, in abbassamento nella mattinata di domani. Dopo una pausa nel pomeriggio di sabato, la neve tornerà a cadere molto debolmente sopra i 700/900 metri nelle prime ore di domenica, prima di esaurirsi del tutto.

A causa delle piogge copiose la Protezione Civile raccomanda attenzione per un possibile rischio idraulico e idrogeologico. In particolare il rischio idrogeologico potrebbe interessare la Zona del Piave-Pedemontano, mentre il rischio idraulico potrebbe riguardare la Zona del Basso Brenta-Bacchiglione e la Zona di Livenza, Lemene e Tagliamento.

Questo giornale è gratuito ma, se vuoi, puoi sostenerlo donando un piccolo contributo di 1 euro al mese, impostando un pagamento periodico a questo link.

Commenta la news

commenti

RIMANI SEMPRE AGGIORNATO SULLE ULTIME NEWS
ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER!

Notizie da Venezia, Treviso, Mogliano e dintorni