ArteAttualitàMestreSlide-main

“Mestre Premio Pittura” una bellissima storia

5 minuti di lettura

Questa mattina nel Municipio si è svolta la presentazione dell’ottava edizione del Premio Pittura Mestre. Con l’occasione, è stata “scoperta” l’opera, seconda classificata, nell’edizione 2023, che ora, come da tradizione, è esposta nella sala consiliare del Municipio.

Mestre – È una bella storia, quella del Premio Mestre di Pittura. Nato nel 1958, l’iniziativa è proseguita con cadenza annuale per dieci edizioni. Sono stati molti i grandi nomi dell’arte pittorica veneta e non solo, in concorso. Il premio è stato poi interrotto, dopo l’edizione svoltasi tra dicembre 1967 e gennaio 1968.

La rinascita

Dopo circa un cinquantennio di abbandono, l’iniziativa è stata ripresa nel 2017 e prosegue da allora annualmente, contribuendo all’arricchimento delle raccolte della Galleria Internazionale d’Arte Moderna di Ca’ Pesaro con le opere vincitrici. Inoltre, il premio apre le porte a pittori nazionali ed esteri, ampliando l’iniziativa alla partecipazione senza confini.

Premio Mestre Pittura, la presentazione

A portare i saluti dell’Amministrazione, oggi martedì 27 febbraio, nella conferenza stampa di presentazione, la presidente del Consiglio comunale, Ermelinda Damiano, e la consigliera delegata alla cultura, attività teatrali e cinema”, Giorgia Pea.

Regista dell’evento, il presidente del Circolo Veneto, Cesare Campa. Hanno partecipato il segretario organizzativo della Fondazione Musei Civici di Venezia, Mattia Agnetti, la responsabile di Ca’ Pesaro, Elisabetta Barisoni, il coordinatore organizzativo del Premio Mestre di Pittura, Christiano Costantini, il direttore della Fondazione Bevilacqua La Masa, Bruno Bernardi e lo storico e critico d’arte, Marco Dolfin.

Le collaborazioni

L’ottava edizione si presenta quest’anno come una finestra su un panorama, sempre più esteso, della contemporanea produzione pittorica. C’è l’ambizione di divenire un momento di riferimento internazionale, contribuendo a una Mestre scenario di molte iniziative culturali. Esempio singolare di capacità di aggregare alle proprie finalità, le eccellenze istituzionali cittadine della Fondazione Musei Civici di Venezia, della Accademia di Belle Arti di Venezia e della Fondazione Bevilacqua La Masa.

La presentazione dell’artista

L’annuale cerimonia di consegna al Comune di Venezia da parte del Circolo Veneto dell’opera vincitrice del secondo premio del Premio Mestre di Pittura, è divenuta tradizione. Per la scorsa edizione, 2023, si tratta del dipinto dell’artista Giovanni Di Rosa: Eravamo a Santa Maria del Popolo, realizzata con la tecnica di olio su tavola, delle dimensioni di 40 cm di altezza e 55 cm di base.

Giovanni Di Rosa

La produzione artistica di Giovanni Di Rosa, nato ad Avellino nel 1991, tratta spesso di monumentali interni di chiese, strade o siti archeologici. Sono questi contraddistinti dalla presenza di visitatori che animano lo spazio in una frenetica e disattenta dimensione di puro consumismo culturale. Una pittura dal taglio compositivo fotografico, ma dal tocco vibrante e dinamico, che racchiude, nella sua vivida rappresentazione, un’acuta indagine sociologica.

Dal 15 al 26 novembre 2023 presso la sala espositiva del Palazzo della Provvederia di Mestre è stata ospitata la mostra personale “I luoghi senza tempo di Giovanni Di Rosa”, evento promosso dal Circolo Veneto nel palinsesto de “Le Città in Festa”. Tra le opere esposte, anche il dipinto secondo classificato al Premio Mestre di Pittura 2023 che ora, come da tradizione è consegnato all’Amministrazione comunale e collocato nel Municipio di Mestre.

L’opera va ad arricchire la collezione che si sta formando di anno in anno, esposta presso la sede municipale di Mestre. negli scorsi anni, per l’edizione 2018 è stata l’opera di Ornella Panfilo “Civita Civitatis”. L’edizione 2019 ha visto l’opera di Roberto Cannata dal titolo “Forte Marghera”. Per l’edizione 2020 l’opera di Gianpaolo Callegaro dal titolo “Una sera a punta San Giuliano” e nel 2021 l’opera di Francesco Casati “Il regno delle carte”. L’edizione 2022 con l’opera di Carlotta Mazzariol dal titolo “Ricordo quando ero bambina”.

Mestre Premio Pittura

Il Premio, è divenuto un’iniziativa culturale di valenza internazionale, di crescente prestigio e diffusione. La fase espositiva presso il Centro Culturale Candiani delle opere finaliste, costituisce un’attrattiva verso Mestre. Il concorso mantiene la finalità di valorizzare l’arte pittorica contemporanea, ed è promosso dall’Associazione Il Circolo Veneto con la Fondazione Musei Civici di Venezia, con il sostegno della Accademia di Belle Arti di Venezia e della Fondazione Bevilacqua La Masa. Gode del patrocinio di Regione del Veneto, della Città Metropolitana di Venezia e del Comune di Venezia.

Il concorso

Il bando è pubblicato sul sito http://www.premiomestredipittura.eu/iscrizione e le candidature, tramite il form on line, dovranno pervenire entro DOMENICA 19 MAGGIO 2024.

Il concorso rimane, anche in questa edizione, aperto a tutti senza limiti di età, sesso, nazionalità, e il tema è libero. Le opere dovranno essere classificate come pittura, anche se in piena libertà stilistica e tecnica. Dovranno essere realizzate dal 2023 in poi. Ogni artista può partecipare con una sola opera. Il bando preciserà condizioni e modalità di partecipazione.

Una Giuria Tecnica, di alto livello come per le scorse edizioni, decreterà le 60 opere finaliste che verranno esposte nella Mostra Collettiva dei Finalisti presso il Centro Culturale Candiani di Mestre. Le opere finaliste verranno inoltre pubblicate, a pagina intera, nel catalogo, nonché nella pagina del sito istituzionale dedicata http://www.premiomestredipittura.eu.

La stessa Giuria Tecnica, decreterà successivamente i vincitori dei tre Premi . L’opera vincitrice del primo premio entrerà a far parte della Collezione permanente di Ca’ Pesaro (Galleria Internazionale d’Arte Moderna di Venezia). Le opere vincitrici del secondo e terzo premio acquisto, come per le precedenti edizioni, saranno esposte in modo permanente presso enti o istituzioni culturali cittadine.

I vari premi

Viene confermato il Premio Acquisto Speciale istituito dalla Associazione CGIA di Mestre, assegnato da una propria Giuria, la cui opera entrerà a far parte della collezione d’arte esposta nella sede cittadina dell’Associazione.

L’Organizzazione del Premio Mestre si riserva l’assegnazione di ulteriori premi ad opere ritenute meritevoli. Inoltre verranno assegnate borse di studio a giovani artisti finalisti. Tutti gli artisti finalisti concorreranno anche in questa edizione all’assegnazione del Premio della Giuria Popolare, composta da personalità espressione della società culturale e civile.

Si tratta di un trofeo selezionato dal migliore bozzetto tra quelli proposti dagli studenti del corso di scultura dell’Accademia di Belle Arti di Venezia.

Inoltre il Rotary Club Venezia Mestre attribuirà ad una delle opere finaliste, scelta da una propria commissione, il “Premio di Pittura Rotary Club Venezia Mestre”. La rilevante novità è che sarà in questa edizione un premio acquisto e l’opera verrà donata ad IPAV-Istituzioni Pubbliche di Assistenza Veneziane, per essere esposta presso la sede dell’Antica Scuola dei Battuti di Via Spalti a Mestre.

Residenze d’Artista

Ma il bando 2024 presenta un’ulteriore assoluta importante novità: è infatti previsto un premio speciale consistente in una Residenze d’Artista da destinare ad un/a artista ritenuto/a meritevole, a insindacabile giudizio dell’organizzazione.

La residenza d’artista sarà presso lo spazio per la produzione culturale di Palazzo Poerio a Mestre, che sarà gestito da Fondazione dei Musei Civici di Venezia. La residenza sarà assegnata nei tempi e modalità che saranno successivamente comunicate.

La premiazione

La proclamazione dei vincitori, l’assegnazione dei premi e riconoscimenti, avverrà nella cerimonia di Premiazione al Teatro Toniolo di Mestre. I candidati, finalisti e non, potranno ottenere, a richiesta, una pagina personale nel sito http://www.amici.premiomestredipittura.eu. Questo già conta un’ampia rassegna di opere presentate nelle scorse edizioni, che dilata quell’esperienza oltre il limite temporale e logistico di ogni edizione.

L’Organizzazione del Premio Mestre inoltre conferma l’intenzione di promuovere occasioni espositive per i partecipanti al premio, successive ed autonome rispetto agli esiti concorsuali. Lo scopo è quello di amplificare le opportunità di far conoscere la produzione pittorica contemporanea intercettata dal premio. Si tratta di accompagnare verso nuove vetrine, rivolgendosi ad un pubblico sempre più esteso. 

In programma

La collettiva “Cento Artisti in Villa”, in corso di organizzazione presso Villa Contarini di Piazzola sul Brenta, è riservata su invito ad artisti candidati nella precedente edizione al Premio Mestre di Pittura e sarà inaugurata sabato 16 marzo.

Analogamente si segnala il ciclo di esposizioni “Mestre Lab”, in corso presso la ex Polveriera Francese a Forte Marghera, che è rivolto ad un confronto tra artisti, candidati nella precedente edizione al Premio Mestre di Pittura, ed artisti che fanno riferimento al gruppo Domus Lab. La prima mostra si è tenuta dal 3 al 18 febbraio, la seconda si terrà dal 2 al 17 marzo, la terza dal 29 marzo al 14 aprile.

Articoli correlati
Costume&SocietàPsicologia e DintorniSlide-main

Come superare la prova costume? Usiamo la mente

2 minuti di lettura
Per molti, l’estate non è solo sinonimo di spiaggia, relax e vacanze. Spesso, con l’arrivo della bella stagione, arriva anche la paura…
Rosso d'InvernoSlide-main

Er cameriere inesistente

4 minuti di lettura
Benvenuti nella sezione dedicata ai racconti del Concorso Letterario Nazionale “ROSSO D’INVERNO”, giunto quest’anno alla X edizione con il tema della “Leggerezza”, ispirato…
Al-Anon e AlateenSaluteSlide-mainSociale

Al-Anon: tra passato e presente

1 minuti di lettura
Attenta a tematiche di salute mentale e di benessere della società, la nostra Redazione desidera sensibilizzare i lettori su un tema importantissimo:…