Home / Cronaca di Venezia  / Marcon: sorprendono il ladro in casa, padre ferito e figlio minacciato e preso a pugni

Marcon: sorprendono il ladro in casa, padre ferito e figlio minacciato e preso a pugni

L’episodio è avvenuto mercoledì sera verso le 22 in via Don Bosco a Marcon. All’interno dell’abitazione il nonno, il padre e il figlio con la fidanzata stavano guardando la televisione al piano terra, ma in

L’episodio è avvenuto mercoledì sera verso le 22 in via Don Bosco a Marcon. All’interno dell’abitazione il nonno, il padre e il figlio con la fidanzata stavano guardando la televisione al piano terra, ma in stanze separate. All’improvviso, il cane ha iniziato ad abbaiare insistentemente verso il giardino.

 

Il padre, Angelo Stamati di 70 anni, e il figlio Manuel di 26 sono usciti per andare a controllare e subito si sono accorti che la finestra della camera da letto, situata al primo piano, era aperta. Angelo è rimasto in giardino mentre il figlio è rientrato in casa, dove, salendo, ha trovato la porta della camera bloccata: i ladri avevano già “visitato alcune stanze” e si erano barricati all’interno del locale. Quando Manuel ha forzato la porta per entrare, i due uomini sono saltati dalla finestra cadendo addosso al padre. L’uomo ha cercato di bloccare la portiera dell’auto su cui stavano salendo i ladri, ma nella colluttazione è stato ferito con un cacciavite all’addome.

 

Il figlio, riuscito a raggiungere l’auto, è stato a sua volta ripetutamente colpito, addirittura con il sacco della refurtiva. Quando uno dei due delinquenti dell’Est Europa ha estratto un coltello minacciandolo, anche il ragazzo si è visto costretto a desistere, lasciandoli fuggire.

 

Sul posto sono intervenuti i carabinieri per compiere i necessari rilevamenti. Il ragazzo ha subito contusioni guaribili in 7 giorni. Sia il padre che il figlio sono stati sottoposti a vaccinazione antitetanica.

 

Manuel Stamati ha commentato amaramente: “Tutto il circondario è uscito in strada per le urla, ma loro sono riusciti a scappare. Hanno fatto un salto di 4 metri come niente fosse, poi hanno tirato fuori coltello e cacciavite. Non avevano certo paura di noi”.

 

Fonte: VeneziaToday

Commenta la news

commenti

spessotto@wtn.it

RIMANI SEMPRE AGGIORNATO SULLE ULTIME NEWS
ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER!