EconomiaSlide-mainVeneto

Made in Italy: export del Veneto in crescita

2 minuti di lettura

“L’export del Veneto galoppa con trend di crescita del 5 per cento annuo, grazie a settori trainanti come l’agroalimentare. Ma ci sono ancora potenzialità inesplorate e ampi margini di crescita. “Il ‘made in Italy’ potrebbe essere molto più presente nei mercati mondiali, oltre che nei paesi del Nord America, del Nord Europa e della penisola araba, se investissimo di più nell’e-commerce, valorizzando meglio il grande volano del turismo che, con 17 milioni di arrivi e 63 milioni di presenza l’anno in Veneto,  è un potente vettore per far conoscere e far comprare i prodotti della nostra filiera agroalimentare”. Questo il ragionamento svolto dall’assessore al lavoro della Regione Veneto, Elena Donazzan, intervenendo a Verona al seminario sull’internazionalizzazione promosso da Regione Veneto e dall’università di Verona nel polo Santa Marta, nell’ambito delle programma operativo del Fondo Sociale Europeo e del progetto regionale di internazionalizzazione.

 

Il tema del confronto, “Il made in Italy. Opportunità di sviluppo estero dell’agroalimentare italiano”,  ha messo attorno al tavolo il prorettore dell’università di Verona Mario Pezzotti, l’assessore regionale e ricercatori del dipartimento di Economia aziendale del polo scaligero, che si è aggiudicato l’assegno di ricerca – finanziato dalla Regione Veneto con il programma operativo del FSE 2014-2020 – destinato a progetti che aprano nuove vie commerciali con i paesi dei Balcani, in particolare per imprese dell’agroalimentare.

 

“Le statistiche dell’export sono incoraggianti nonostante gli effetti delle sanzioni russe, ma rivelano anche falle e opportunità del processo di internazionalizzazione – ha affermato l’assessore Donazzan – In Veneto il solo agroalimentare vale 650 milioni di euro, su una bilancia commerciale che ha visto il flusso di esportazioni crescere del 5,3 per cento rispetto al 2014. Con oltre 5 mila tipicità alimentari tradizionali, il ‘made in Italy’ è un ‘competitor’ di primissimo piano sui mercati mondiali. L’export veneto dell’agroalimentare vola negli Usa e nel Regno Unito ( +16%) e la Germania resta sempre il primo partner commerciale. Buone prospettive si aprono anche con i Balcani e con l’Oriente. Ma in realtà gli spazi di commercializzazione potrebbero essere ben più ampi”.

 

“Dobbiamo innovare le modalità di promozione e commercializzazione – ha suggerito l’assessore –  Il fatturato del commercio elettronico realizzato dai siti di e-commerce italiani ammonta a 15 miliardi di euro; invece nei  nostri maggiori partners commerciali il valore del commercio elettronico è almeno 4 volte superiore. Non resta che adeguarsi e potenziare al massimo questa nuova modalità, investendo soprattutto sui dispositivi mobili. Il solo settore enogastronomico è cresciuto del 30 per cento grazie all’e-commerce. Servono fantasia, competenze trasversali e supporti finanziari per sviluppare nuovi canali di promozione e di vendita”.

 

Tra le proposte avanzate dall’assessore c’è quella, in particolare, di abbinare enogastronomia, agroalimentare e turismo. “Il Veneto è regione leader nell’accoglienza turistica, con 17 milioni di arrivi e 63 milioni di presenze l’anno – ha ricordato Elena Donazzan – Chi arriva e scopre la nostra terra con i suoi prodotti, quando rientra a casa è il miglior ambasciatore del ‘made in Italy e del ‘made in Veneto’ nel mondo. Sono loro, gli ospiti di ritorno, i primi potenziali destinatari di azioni mirate di e-commerce. Basta solo fare sistema e collegare, in modo interattivo, le imprese del nostro territorio, superando la logica dei compartimenti ‘stagni’”.

Articoli correlati
DigitalSlide-main

"Il gioco buono”, la ricerca di SWG ed IGT fa il punto sulla crescita del settore

2 minuti di lettura
Porta il nome di “Il gioco buono, regolamentazione ed enti locali” il nuovo report condotto dalle società di ricerca SWG e IGT…
AttualitàCasierSlide-main

Dipendenze. Iniziative di sensibilizzazione rivolte alla cittadinanza per riflettere insieme sul problema

2 minuti di lettura
Le misure di contenimento del contagio da Covid-19 hanno pesantemente inficiato le occasioni di socializzazione della fascia giovanile, favorendo l’aumento del senso…
IntervisteItalia MondoNewsSaluteSlide-mainSpeciale Convegno "Per la vita, nel fine vita"

Per la Vita, nel fine vita. L’intervista al Dott. Maurizio Gallo

1 minuti di lettura
23 novembre 2022. Si è svolto a Legnago il convegno “Per la Vita nel fine della vita: fra cultura dello scarto e…

RIMANI SEMPRE AGGIORNATO SULLE ULTIME NEWS
ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER!

Newletter Il Nuovo Terraglio