Home / Economia  / Politica  / M5S: La Regione riveda la classificazione dell’Ospedale Civile di Venezia

M5S: La Regione riveda la classificazione dell’Ospedale Civile di Venezia

Riceviamo e pubblichiamo un comunicato stampa del Movimento 5 Stelle di Venezia in merito al declassamento dell'ospedale Civile di Venezia, un argomento di cui il nostro giornale si è occupato la scorsa settimana. La Regione,

Riceviamo e pubblichiamo un comunicato stampa del Movimento 5 Stelle di Venezia in merito al declassamento dell’ospedale Civile di Venezia, un argomento di cui il nostro giornale si è occupato la scorsa settimana. La Regione, sostiene il Movimento, deve rispettare la specificità di Venezia e delle isole della laguna.

 

 

Il comunicato stampa del M5S

Il Piano Socio Sanitario della Regione Veneto 2019-2013 approvato con LR n. 48 del 28.12.2018 all’art 4 prevede che “la Regione garantisce e cura assistenza e servizi socio sanitari in modo uniforme, appropriato e responsabile su tutto il territorio regionale in conformità a quanto previsto dall’art 15 della Legge statutaria regionale L.R. n1/2012, le specificità del territorio bellunese, del Polesine e lagunari”.

 

In una mozione presentata al Sindaco dai Consiglieri del Movimento 5 Stelle veneziano mette in evidenza come la Regione Veneto nella redazione delle schede ospedaliere allegate al PSSR Veneto non abbia tenuto in nessun conto la specificità di Venezia riconosciuta invece per gli ospedali degli ambiti montani e per il polesine.

 

“Questa mancata considerazione della specificità del territorio lagunare veneziano ha di fatto portato al declassamento dell’Ospedale Civile di Venezia da ospedale di rete a ospedale di base, laddove nei fatti l’Ospedale Civile è chiamato a fornire servizi di rete a una comunità insediata su un territorio ad alta specificità dovuta alla sua morfologia, alla complessità dei trasporti, ai tempi di percorrenza ed alla massiccia presenza di turisti durante tutto l’anno”.

 

“La causa del declassamento dell’Ospedale – dichiara la capogruppo del M5S Elena la Rocca – non può essere certo attribuita ai cittadini che denunciano il calo dei residenti nel centro storico e nelle isole, come invece ha dichiarato il Sindaco Brugnaro in Consiglio Comunale, il quale sostiene che siano proprio i cittadini con il loro gridare al lupo, al lupo la causa dei tagli della Regione in materia di sanità”.

 

Questo declassamento comporta una perdita di operatori sanitari, la conseguente chiusura di reparti ospedalieri e in genere lo scadere drammatico del livello degli standard qualitativi, strutturali, tecnologici e quantitativi delle strutture sanitarie pubbliche dedicate all’assistenza per l’assistenza ospedaliera nel centro storico e nelle isole lagunari.

 

I cittadini veneziano stanno soffrendo di questa decisione, tanto da essersi mobilitati massicciamente in varie forme che i consiglieri del Movimento 5 Stelle sosterranno, chiedendo alla amministrazione comunale e in particolare al Sindaco – quali tutori della qualità del servizio reso ai cittadini a difesa della salute – di riconoscere la gravità della decisione presa dalla Regione. Chiederanno altresì a quest’ultima di rivedere subito le schede ospedaliere, partendo dal riconoscimento e dalla salvaguardia delle specificità territoriale di Venezia e delle isole della Laguna, allo scopo di garantire servizi socio sanitari appropriati alle necessità di cura e salute della comunità veneziana, del centro storico e delle isole.

Questo giornale è gratuito ma, se vuoi, puoi sostenerlo donando un piccolo contributo di 1 euro al mese, impostando un pagamento periodico a questo link.

Commenta la news

commenti

RIMANI SEMPRE AGGIORNATO SULLE ULTIME NEWS
ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER!

Notizie da Venezia, Treviso, Mogliano e dintorni