MondoSlide-mainVideo

L’Appello dell’UNICEF per il sostegno ai bambini dell’Ucraina afflitti dalla guerra

2 minuti di lettura

L’UNICEF evidenzia la grave crisi emotiva dei bambini in Ucraina a causa del conflitto, dove molti bambini sono costretti a trascorrere migliaia di ore nascosti sotto terra.

UCRAINA. In un comunicato rilasciato al Palazzo delle Nazioni di Ginevra, il Portavoce dell’UNICEF James Elder ha evidenziato la profonda crisi emotiva che sta travolgendo i bambini in Ucraina, a due anni dall’escalation del conflitto.

Il rapporto dell’UNICEF rivela un quadro angosciante: i bambini delle zone di combattimento hanno trascorso tra le 3.000 e le 5.000 ore nascosti sotto terra, cercando rifugio da missili e droni.

Questo lungo periodo di isolamento forzato ha avuto un impatto devastante sulla loro salute mentale. La mancanza di luce naturale, spazio vitale e l’incessante paura dell’attacco imminente hanno generato un clima di ansia costante tra i più giovani.

Portavoce dell’UNICEF, James Elder, visita la scuola distrutta

In questa difficile situazione, il ruolo dei genitori è fondamentale, ma spesso sono anch’essi sottoposti a un’enorme pressione emotiva. I genitori ucraini si trovano ad affrontare una duplice sfida: gestire la propria angoscia e trovare le risorse necessarie per supportare i propri figli. Tuttavia, la continua violenza e l’instabilità hanno minato la capacità delle famiglie di fornire questo importante sostegno emotivo.

L’UNICEF sta svolgendo un ruolo cruciale nel fornire assistenza alle famiglie colpite dalla guerra. Attraverso una rete di infermieri, operatori e psicologi, l’organizzazione offre supporto emotivo e psicologico a bambini e genitori, aiutandoli a gestire il trauma e la paura che li affliggono quotidianamente.

La guerra ha distrutto non solo le case e le infrastrutture, ma ha anche strappato via la normalità dalla vita dei bambini ucraini. La scarsità di servizi sanitari e di supporto sociale, insieme alla continua minaccia di violenza, rende estremamente difficile per i bambini e le loro famiglie trovare un senso di sicurezza e stabilità.

La testimonianza dell’UNICEF getta una luce penetrante sulla devastante realtà che affligge i bambini ucraini coinvolti nel conflitto. Questi giovani innocenti sono intrappolati in un ciclo di paura, ansia e trauma, costretti a vivere nel terrore costante di attacchi imminenti. Tuttavia, dietro questa oscurità, risiede una luce di speranza nell’impegno incrollabile dell’UNICEF e della comunità internazionale nel fornire il sostegno necessario.

È imperativo che i leader globali si uniscano in uno sforzo concertato per garantire che nessun bambino venga lasciato indietro, affrontando questa crisi umanitaria con la compassione, la determinazione e l’urgente azione che richiede. Solo così possiamo sperare di restituire ai bambini ucraini il diritto fondamentale alla sicurezza, alla stabilità e alla speranza per un futuro migliore.

Articoli correlati
Le eccellenzeMarca TrevigianaSlide-mainTurismo

L'eccellenza al femminile: la storia di Dal Din, un viaggio tra terroir e passione

3 minuti di lettura
Il cuore delle colline di Valdobbiadene, culla del vino di qualità, custodisce una storia che merita di essere conosciuta: è la storia…
ItaliaSlide-main

Giorgia Meloni: nuova direzione del Governo sulla sfida demografica

2 minuti di lettura
Il Presidente del Consiglio Giorgia Meloni e il Ministro per la Famiglia Eugenia Roccella hanno ribadito l’impegno del governo italiano nel contrastare…
Marca TrevigianaSlide-mainSPECIALE ELEZIONI 2024Treviso

Esplosione centrale idroelettrica a Bargi: recuperati i corpi di due dispersi

1 minuti di lettura
I Vigili del Fuoco hanno recuperato i corpi di due persone dopo l’esplosione alla centrale idroelettrica di Bargi, portando il bilancio delle…