MoglianoSlide-main

“La scuola che vorrei” in una lettera di studenti, docenti e genitori

3 minuti di lettura

A Mogliano, come a Barbiana, nella scuola di Don Lorenzo Milani a 50 anni dalla sua scomparsa: un progetto del Comune, con Rete Radié Resh Istituti Comprensivi Liceo Berto, Collegio Astori, UNITRE, SOMS, CCR, Gruppo Fuori Classe.

 

A cinquant’anni dalla morte, e dalla pubblicazione del libro simbolo di un’intera generazione “Lettera a una professoressa”, Mogliano dedica a Don Lorenzo Milani, un progetto che attraverserà trasversalmente l’anno scolastico, coinvolgendo studenti, famiglie, docenti e istituzioni scolastiche, dal titolo “I care. Ho a cuore, ci tengo, mi interessa”, il motto della scuola di Barbiana, fondata da Don Milani.

 

Il progetto nasce dalla collaborazione tra l’amministrazione comunale, le scuole del territorio e alcune associazioni di volontariato di Mogliano Veneto (Rete Radié Resh gli Istituti Comprensivi “Nelson Mandela” e “Marta Minerbi”, il Liceo Berto, il Collegio Astori, UNITRE, SOMS,  CCR, Gruppo Fuori Classe.) impegnate a promuovere, a partire dalla scuola,  iniziative di partecipazione, accoglienza, solidarietà e sviluppo nel territorio moglianese, in collaborazione con l’Amministrazione Comunale di Mogliano Veneto e le scuole del territorio.

 

Ricordare l’opera e il credo del priore di Barbiana, località isolata e montana del Mugello dove venne “esiliato” nel 1954 il sacerdote scomodo Don Milani, e interrogarsi sulla scuola di oggi, a cinquant’anni da quella straordinaria esperienza avviata da Don Milani, un primo tentativo di scuola a tempo pieno dedicato alle classi popolari dove si sperimentava la scrittura collettiva, e che diventò il modello di un nuovo modo di fare scuola, un luogo dove tutti potessero andare a capire e apprendere, senza barriere, senza distinzioni, dove si studiava l’italiano, ma anche le lingue e per questo il motto inglese della scuola, I care.

 

“La conoscenza rende sovrani, cittadini responsabili ed eguali, affermava Don Milani, ed è un pensiero universale e senza tempo, il suo, per affermare il quale a Mogliano l’Amministrazione dedica tutte le risorse possibili, consapevoli che solo una buona scuola possa forgiare cittadini responsabili, come quelli che frequentavano la scuola di Barbiana”, ha dichiarato il Sindaco di Mogliano, Carola Arena nel presentare l’iniziativa, assieme all’Assessore alle politiche educative, Daniele Ceschin.

Lunedì 16 ottobre il via alla rete di iniziative che culmineranno nel marzo 2018 nel Forum della città educativa.

 

Mario Lancisi, giornalista e scrittore terrà una conferenza, che aprirà l’anno accademico UNITRE, sul tema “Don Milani sacerdote di frontiera“ (16.30, sala Don Bosco del Collegio Salesiano Astori), per poi ragionare sul tema “La solidarietà riaccende la speranza. L’invito profetico di Don Milani ad osare il coraggio di una fraternità senza limiti” nel corso di un incontro con la cittadinanza (20.45, centro pastorale, Via De Gasperi 1). Il giorno successivo (martedì 17 ottobre) Lancisi sarà protagonista di un incontro per le scuole secondarie di Mogliano Veneto sul tema “Don Milani: la scuola come profezia” (9.00, sala Don Bosco del Collegio Salesiano Astori).

 

Dal 17 al 31 ottobre presso il Centro Sociale (9.00-12.30 /15.00-18.30 sabato e domenica / Negli altri giorni su prenotazione a uff. scolastico 041/5930810) sarà allestita la mostra “Don Milani e la scuola di Barbiana”, a cura della Fondazione Don Lorenzo Milani.

 

Lunedì 30 ottobre arriverà a Mogliano uno dei primi sei allievi di Barbiana, Agostino Burberi, che parlerà dell’attualità del pensiero di Don Milani nelle scuole secondarie moglianesi (anche martedì 31) e in un incontro aperto al pubblico (20.45, Centro Sociale, Piazza Donatori di Sangue),

 

“Questa non vuole essere solo una iniziativa celebrativa di Don Milani, ma vuole prendere spunto dal suo pensiero e dal suo agire per sollecitare le varie componenti della nostra scuola, studenti, famiglie e docenti a scrivere cosa ne pensano della scuola ed a lanciare proposte per migliorarla. I testi saranno elaborati e diventeranno oggetto del Forum della città educativa a Marzo. Cercheremo di fare applicare il metodo  Barbiana dal quale scaturì la famosa lettera ad una professoressa”, ha affermato l’Assessore moglianese alle politiche educative, Daniele Ceschin.

 

Da ottobre a dicembre, infatti, studenti e studentesse, docenti e genitori potranno scrivere una “lettera sulla scuola”, con le proprie riflessioni e proposte, rispondendo ad alcuni fondamentali quesiti: la scuola di oggi è davvero una scuola di tutti e di tutte, in grado cioè di combattere le diseguaglianze, di dare ai ragazzi e alle ragazze gli strumenti per comprendere il mondo in cui vivono e favorire  la partecipazione alla vita democratica  della comunità a cui ciascuno e ciascuna appartiene? Viene chiesto di raccontare le esperienze positive che esistono e andrebbero potenziate e valorizzate, gli aspetti della scuola che non funzionano o funzionano male,  e di indicare le proposte di cambiamento per una scuola migliore.

 

A marzo il progetto si concluderà col Forum della città educativa che, a partire dalle lettere solleciteranno un confronto tra scuola, ente locale, associazioni e società civile sull’offerta formativa del nostro territorio, per individuare progetti e proposte per il futuro.

Articoli correlati
MestreSlide-mainVenezia

Mestre, scappa alla vista degli agenti, bloccato con dosi di hashish pronte allo spaccio

1 minuti di lettura
La radiomobile della Polizia locale si ferma davanti a un attraversamento pedonale per far attraversare un giovane in sella alla sua bicicletta,…
MargheraMestreSlide-mainVenezia

Venezia. Possibili gelate notturne: spargisale in azione dalla mezzanotte

1 minuti di lettura
La Protezione civile e la Centrale operativa della Polizia locale del Comune di Venezia comunicano che, vista la possibilità di gelate nelle…
Slide-mainTreviso

Il cordoglio della Cisl per la scomparsa di Luigi Cal

1 minuti di lettura
Grande il cordoglio della Cisl Belluno Treviso per la scomparsa di Luigi Cal, ex direttore per l’Italia e San Marino dell’Organizzazione Internazionale…

    RIMANI SEMPRE AGGIORNATO SULLE ULTIME NEWS
    ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER!