La Regione vende a Venezia immobili dell’ULSS 3

La Regione Veneto autorizza l’Ulss 3 Serenissima a mettere all’asta 32 beni immobiliari di proprietà, per un valore complessivo di 13,4 milioni di euro. I primi beni ad andare all’incanto saranno 22 appartamenti situati nel centro storico di Venezia,  liberi da contratti di locazione, vincoli  o servitù, tutti di valore superiore a 150 mila euro, per un ammontare complessivo della prima tranche del piano di alienazioni di 8,7 milioni di euro. La decisione di autorizzare l’azienda sanitaria veneziana a mettere in vendita gli immobili, a partire da quelli immediatamente disponibili e di maggior valore,  è stata data oggi dalla Giunta regionale e diventerà operativa dopo il parere di competenza della commissione Sanità del Consiglio veneto.

“Si tratta di una decisione importante, che porterà nuove risorse per il potenziamento delle strutture e delle strumentazioni della sanità veneziana – ha dichiarato il presidente della Regione Luca Zaia alla stampa convocata a palazzo Balbi – I quasi 9 milioni di introiti previsti da questa prima tranche piano di vendita, verranno ad aggiungersi agli oltre 25 milioni ricavati da precedenti vendite di immobili di proprietà regionale. Da quando sono presidente del Veneto ho dato mandato alle strutture di mettere in vendita, quando le procedure lo consentono, i beni immobili che non sono funzionali alle nostre attività istituzionali: ville, palazzi, terreni agricoli, valli da pesca, alberghi dismessi… La Regione non può e non deve fare l’immobiliarista, non ne è titolata, né dispone degli strumenti di gestione del privato”.

“Vendere i beni immobili non funzionali – ha specificato Zaia – non significa depauperare il patrimonio pubblico, ma riqualificarlo, investendo il ricavato in opere e obiettivi di pubblica utilità, come la sanità”.

Il piano complessivo di vendita presentato dall’Ulss 3 Serenissima riguarda 32 immobili diversi, d cui 31 appartamenti a Venezia centro storico. L’autorizzazione alla vendita riguarda i beni disponibili già da subito, cioè sfitti e già sottoposti a perizia di stima: si tratta di 9 alloggi tra San Marco e Rialto, 6 nel sestiere di Castello, 3 a Cannaregio e 3 nel sestiere di Dorsoduro, per un valore complessivo stimato dall’Agenzia delle Entrate in 8.696.300 euro.

Commenta la news

commenti

Redazione Il Nuovo Terraglio

Condividi
Pubblicato da
Redazione Il Nuovo Terraglio

Articoli Recenti

Accademia Tersicore danza di Montegrotto Terme

      Continua la presentazione delle scuole di danza curata dalla nostra lettrice, Maria Meoni. Oggi viene presentata l'Accademia…

2 ore ago

Coronavirus: nidi e scuole dell’infanzia e rapporto con il digitale

Coronavirus: con i nidi e le scuole dell'infanzia chiusi anche per i più piccoli si pone la questione del rapporto…

2 ore ago

Videomessaggio di Papa Francesco per la Settimana Santa

È "nel silenzio delle città" che deve nascere "la speranza di un tempo migliore", pregando il Signore affinché "ci liberi…

3 ore ago

Il sindaco Brugnaro in sopralluogo al mercato di Rialto

Il sindaco Brugnaro in sopralluogo al mercato di Rialto: "Sforzo straordinario per garantire apertura dei mercati comunali, teniamo viva la…

3 ore ago

Coronavirus: l’ordinanza che regola l’accesso e l’organizzazione del mercato coperto di Marghera

Il comandante generale della Polizia locale di Venezia, di concerto con il direttore della Direzione comunale Servizi al cittadino e…

3 ore ago

Coronavirus: l’ordinanza che regola l’accesso e l’organizzazione del mercato coperto “San Michele” a Mestre

Il comandante generale della Polizia locale di Venezia, di concerto con il direttore della Direzione comunale Servizi al cittadino e…

3 ore ago