Slide-mainVeneto

La Legge di Bilancio 2018 punisce le scuole dell’infanzia paritarie

1 minuti di lettura

Il sistema scolastico nazionale, nel segmento delle scuole dell’infanzia, si avvale di scuole paritarie le quali accolgono, a livello nazionale, 582 mila bambini, pari quasi al 40% dei bambini scolarizzati dai 3 ai 6 anni. Nel Veneto tale percentuale sale al 65%, con oltre 81 mila bambini accolti nelle 1.128 scuole diffuse in ogni località, gestite da parrocchie, associazioni, enti no profit ed altri enti.

 

È un patrimonio straordinario di servizio pubblico, di grande valore culturale e sociale per il loro profondo radicamento nelle comunità locali, che va tutelato e valorizzato in modo concreto, con adeguate provvidenze economiche pubbliche, anche in funzione di equità sociale (i fruitori delle scuole materne statali e/o paritarie comunali godono della gratuità della frequenza).

 

Questo prezioso “pilastro” del sistema nazionale di istruzione costa molto poco allo Stato.
Nel bilancio 2017 erano stati previsti uno stanziamento di 500 milioni (cap. 1477/1), per l’intero comparto delle “paritarie”, che accoglie quasi un milione di alunni/studenti, €. 24 milioni (cap. 1477/2) per l’integrazione dei disabili ed €. 50 milioni (cap. 1479) per le sole scuole dell’infanzia.

 

Con disappunto e grave preoccupazione abbiamo appreso che il Senato, nonostante le nostre sollecitazioni a ripristinare quantomeno i medesimi stanziamenti dell’anno corrente, ha confermato il pdl di Bilancio 2018 del Governo con il taglio degli stanziamenti dei cap. 1477/1 e /2 di circa 10 mil e con l’eliminazione dei 50 mil destinati alle scuole dell’infanzia nel cap.1479.

 

Le conseguenze dei “tagli” ricadranno, purtroppo, su migliaia di famiglie che dovranno ingiustamente subire imprevisti aumenti di retta, allargando il divario del trattamento con i fruitori del servizio statale.
Chiediamo con forza ai Deputati e al Governo, ora che il pdl di Bilancio 2018 è all’esame della Camera, che siano recuperati per intero i fondi già presenti nel bilancio del 2017, specie quelli per le scuole dell’infanzia.

 

È questione di equità sociale, di concreto riconoscimento del fondamentale ruolo delle scuole paritarie nel sistema nazionale di istruzione che consente, tra l’altro, un enorme risparmio alla finanza pubblica.

Prima i bambini!

 

Stefano Cecchin
Presidente FISM Veneto

Articoli correlati
ArteItalia MondoSlide-main

Natura morta di Morandi venduta all'asta per 3,4 milioni: è record assoluto per un'opera italiana

2 minuti di lettura
Per aggiudicarsi il dipinto 15 minuti di rilanci via telefono partiti dalla cifra di 700mila euro. La Contemporary Art Evening Auction di…
CryptoDigitalSlide-main

L'sola di Tuvalu si sta ricreando nel Metaverso mentre il cambiamento climatico rischia di cancellarla dalla mappa

2 minuti di lettura
La nazione insulare del Pacifico di Tuvalu è stata a lungo una causa celebre per i rischi sul cambiamento climatico. Situata quasi…
AttualitàItalia MondoSlide-main

Frana a Ischia. Morta una donna, 11 dispersi

3 minuti di lettura
“Al momento c’è un decesso accertato”, quello di una donna, “i dispersi sono 11. Gli sfollati circa 130. Entro stasera saranno sistemati…

RIMANI SEMPRE AGGIORNATO SULLE ULTIME NEWS
ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER!

Newletter Il Nuovo Terraglio