Slide-mainVeneto

La Legge di Bilancio 2018 punisce le scuole dell’infanzia paritarie

1 minuti di lettura

Il sistema scolastico nazionale, nel segmento delle scuole dell’infanzia, si avvale di scuole paritarie le quali accolgono, a livello nazionale, 582 mila bambini, pari quasi al 40% dei bambini scolarizzati dai 3 ai 6 anni. Nel Veneto tale percentuale sale al 65%, con oltre 81 mila bambini accolti nelle 1.128 scuole diffuse in ogni località, gestite da parrocchie, associazioni, enti no profit ed altri enti.

 

È un patrimonio straordinario di servizio pubblico, di grande valore culturale e sociale per il loro profondo radicamento nelle comunità locali, che va tutelato e valorizzato in modo concreto, con adeguate provvidenze economiche pubbliche, anche in funzione di equità sociale (i fruitori delle scuole materne statali e/o paritarie comunali godono della gratuità della frequenza).

 

Questo prezioso “pilastro” del sistema nazionale di istruzione costa molto poco allo Stato.
Nel bilancio 2017 erano stati previsti uno stanziamento di 500 milioni (cap. 1477/1), per l’intero comparto delle “paritarie”, che accoglie quasi un milione di alunni/studenti, €. 24 milioni (cap. 1477/2) per l’integrazione dei disabili ed €. 50 milioni (cap. 1479) per le sole scuole dell’infanzia.

 

Con disappunto e grave preoccupazione abbiamo appreso che il Senato, nonostante le nostre sollecitazioni a ripristinare quantomeno i medesimi stanziamenti dell’anno corrente, ha confermato il pdl di Bilancio 2018 del Governo con il taglio degli stanziamenti dei cap. 1477/1 e /2 di circa 10 mil e con l’eliminazione dei 50 mil destinati alle scuole dell’infanzia nel cap.1479.

 

Le conseguenze dei “tagli” ricadranno, purtroppo, su migliaia di famiglie che dovranno ingiustamente subire imprevisti aumenti di retta, allargando il divario del trattamento con i fruitori del servizio statale.
Chiediamo con forza ai Deputati e al Governo, ora che il pdl di Bilancio 2018 è all’esame della Camera, che siano recuperati per intero i fondi già presenti nel bilancio del 2017, specie quelli per le scuole dell’infanzia.

 

È questione di equità sociale, di concreto riconoscimento del fondamentale ruolo delle scuole paritarie nel sistema nazionale di istruzione che consente, tra l’altro, un enorme risparmio alla finanza pubblica.

Prima i bambini!

 

Stefano Cecchin
Presidente FISM Veneto

Articoli correlati
AttualitàLa terza paginaSlide-main

Anniversario della tragedia mineraria di Marcinelle. Presidente Zaia: "Memoria e onore ai figli di un Veneto che conosce il sacrificio"

1 minuti di lettura
“Quando parliamo di Marcinelle non possiamo dimenticare che i minatori in Belgio erano manodopera inviata in cambio di quintali di carbone per…
Slide-mainSostenibilità

ItaliaRimborso fa un importante passo avanti a favore della sostenibilità ambientale

2 minuti di lettura
Lo sviluppo digitale, in chiave sostenibile, al servizio del passeggero che ha subito un volo cancellato o un volo in ritardo. Questa…
Slide-mainSpettacolo

Checco Zalone a Conegliano (TV): la sua comicità alla Zoppas Arena

1 minuti di lettura
#kt-adv-heading_cd4a05-19, #kt-adv-heading_cd4a05-19 .wp-block-kadence-advancedheading, .wp-block-kadence-advancedheading.kt-adv-heading_cd4a05-19[data-kb-block="kb-adv-heading_cd4a05-19"], .kadence-advanced-heading-wrapper .kt-adv-heading_cd4a05-19[data-kb-block="kb-adv-heading_cd4a05-19"]{text-align:center;color:#f84203;} Undici anni dopo il Resto Umile World Tour  e dopo aver battuto tutti i record della storia del cinema italiano, il comico pugliese torna…

    RIMANI SEMPRE AGGIORNATO SULLE ULTIME NEWS
    ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER!