NarrazioneSlide-main

La contadina e il lupo

1 minuti di lettura

Le caviglie più grosse, eppure non sono quelle a far la differenza. Quella la fa la calza che avvolge le brutte caviglie, che sale sulle colonne d’ercole che separano il mondo dal nulla.
Le puoi amare delle caviglie tozze? Sostengono il peso della vita con una forza contadina che porta il vivere ad uno stadio originario, dimentico delle quotidiane comodità di questa modernità di belle donne su schermi troppo sottili.
 
Su su per le gambe come su un tennero non falciato, le tue gambe belle come un giorno di vendemmia, dure come la terra arsa dal sole, terra coltivata da uomini per il dolce succo che il sudore regala.
Campagnola, le tue gonne oggi sono corte, prima erano lunghe per coprire le tue corse a far l’amore come non si fa più e nostalgico, ti immagino tra l’erba distesa.. sono di nuovo alle tue tozze caviglie che risalgo la via del peccato che tu dai, con l’ospitalità dei sogni ameni.
 
Frughi, cane ramingo, dove speranza ripone l’osso smarrito tolto dal tuo costato, ti affanni con le tue zampe e la bocca da ultima, prima conoscitrice del mondo, trova quel che Dio ti ha tolto per crearmi donna.
La tua foga sulle mie cosce le fa fremere con te, spasmi che il pudore di antiche tradizioni mi spinge a trattenere ma tu non vuoi da me quel pudore ormai diventato moderno, vuoi la mia voglia contadina ed i miei seni alti. Ed io mi riconosco nella tua voglia.
 
Sento nella bocca un sapore agrodolce, lingua libera solo se libera del linguaggio, pervase le narici del sudore del tuo pelo, abbraccio le tue natiche come stringere un bambino che profuma di latte, madre donna carne della mia carne con me crei la vita questa notte e se non fosse, sarà domani, sarà tra 10 anni sarà tra cento.

Articoli correlati
AttualitàSaluteSlide-mainTutela del Cittadino

L’ultimo saluto a Stefano Gheller

2 minuti di lettura
Si svolgeranno domani, nella chiesa di San Giuseppe, a Cassola, in provincia di Vicenza, i funerali di Stefano Gheller, simbolo d’impegno civile….
Slide-mainViaggi

Viaggi di primavera per tornare più felici

4 minuti di lettura
Proposte ad hoc per la primavera, come le Dolomiti, Lanzarote, Marrakech e Abu Dhabi, l’emirato meno scontato, o New York, città cosmopolita…
Sior Pare & miSlide-mainVenezia

I nomi impossibili del Sior Pare

2 minuti di lettura
Ognuno ha dei suoi modi di dire. Il Sior pare non si accontenta, per i nomi impossibili ha addirittura una lingua tutta…