JesoloSlide-mainSociale

Jesolo, Servizio Civile. Candidature fino al 10 febbraio

2 minuti di lettura

Quattro progetti aperti per contribuire a migliorare il territorio e promuovere la cultura.

L’amministrazione comunale ha pubblicato il bando per partecipare al Servizio civile universale. L’iniziativa è rivolta ai giovani di età compresa tra i 18 e i 28 anni, che possono presentare la propria candidatura entro il 10 febbraio 2023 per uno dei quattro progetti che verranno attuati. I volontari scelti, prendono parte al progetto per 12 mesi, con un orario di servizio pari a 25 ore settimanali. L’obiettivo di ciascuna iniziativa è quello di migliorare il territorio, promuovere la cultura e supportare i cittadini. Ciascun operatore volontario selezionato sottoscriverà un contratto con il Dipartimento per le politiche giovanili e il Servizio civile universale, avendo diritto a un rimborso mensile di 444, 30 euro.

I progetti

Oltre l’età: l’obiettivo del progetto è innalzare il livello della qualità della vita degli adulti e anziani in condizione di disagio, per garantirgli una condizione di maggiore benessere: ascolto, assistenza e solidarietà sociale e non si limita a dare a tali persone occasioni di socializzazione e stimolo. Soprattutto per la fascia debole della terza età, il perseguimento dell’obiettivo permetterà alle famiglie di usufruire di spazi temporali propri, alleggerendogli il carico assistenziale e implementando la disponibilità nel mantenere a domicilio il proprio caro. I volontari collaboreranno alla calendarizzazione di eventi e lezioni per coinvolgere gli anziani ma anche alla diffusione e divulgazione di materiale informativo.

Nuovo Ven(e)to: il progetto prevede azioni volte ad incrementare, potenziare e organizzare le informazioni in materia di diritto del cittadino a disposizione della popolazione, affiancando ai tradizionali mezzi di comunicazione e sensibilizzazione locale anche l’utilizzo dei principali social network. I processi informativi saranno ampliati attraverso iniziative di animazione socio-culturale, volti alla diffusione di comportamenti attenti al sociale, alla condivisione, nonché alla sensibilizzazione ambientale e all’adozione di uno stile di vita sano che contribuisca all’aumento del benessere psico-fisico individuale e comunitario. I volontari parteciperanno alla raccolta e alla divulgazione di materiale informativo riguardante la tutela, la valorizzazione e la promozione dei diritti della persona.

Gioventù animata: in questa fase post pandemica l’intervento punterà a promuovere la conoscenza sulle difficoltà che i giovani affrontano in questa fase e sulle opportunità formative e socializzanti a loro indirizzate, operando, nel contempo, un potenziamento dell’offerta dei servizi ne degli interventi di socializzazione e inclusione sociale a loro rivolti. I volontari parteciperanno allo sviluppo di attività educative e formative rivolte ai più giovani ma anche all’organizzazione di momenti ludici e sportivi per coinvolgerli.

Biblioteca amica: il progetto è volto a tutelare, valorizzare e promuovere l’Istituto Biblioteca in quanto presidio e catalizzatore culturale e sociale. L’obiettivo del progetto punterà, infatti, ad operare sulla tutela e sull’accessibilità del patrimonio culturale locale e delle sue fonti, ospitate presso le biblioteche cittadine. I volontari parteciperanno all’organizzazione delle attività, collaborando all’aggiornamento dei cataloghi e alla sistemazione del materiale ma supporteranno anche gli utenti nell’utilizzo degli spazi e dei sistemi a disposizione.

Gli aspiranti operatori volontari presentano la domanda di partecipazione, indirizzata direttamente all’ente titolare del progetto prescelto, esclusivamente attraverso la piattaforma DOL -Domanda On Line, tramite PC, tablet o smartphone all’indirizzo https://domandaonline.serviziocivile.it.

Per compilare e presentare la domanda sulla piattaforma DOL occorre che il candidato sia riconosciuto dal sistema. I cittadini italiani residenti in Italia o all’estero possono accedervi esclusivamente con SPID, il Sistema Pubblico di Identità Digitale.

“Il Servizio civile universale rappresenta un’occasione per contribuire alla crescita della comunità in cui viviamo, rafforzando e recuperando valori fondamentali che ci tengono uniti perché nati, cresciuti o accolti dallo stesso territorio – dichiara l’assessore alle Politiche giovanili, Martina Borin -. I progetti messi sul tavolo aiuteranno concretamente all’espletamento di servizi o mansioni, anche piccoli, ma che hanno un altissimo valore intrinseco”.

Articoli correlati
Slide-mainTutela del CittadinoVenetoViabilità

Cinque incidenti tra mezzi pesanti in A4: un ferito

1 minuti di lettura
Vigili del Fuoco impegnati dalle 16.00 di oggi, martedì 7 febbraio, per cinque diversi incidenti tra mezzi pesanti in A4 dal km…
AttualitàEsteriSlide-main

Un Veneto tra i dispersi del terremoto in Turchia

2 minuti di lettura
Si chiama Angelo Zen e i familiari non hanno sue notizie da domenica scorsa, 5 febbraio. Continua ad aggravarsi il bilancio delle…
LavoroMarca TrevigianaSlide-main

Carabinieri: tre attività sospese nel settore dell’edilizia in provincia di Treviso

2 minuti di lettura
Il Nucleo Ispettorato Carabinieri del Lavoro di Treviso, in collaborazione con le articolazioni territoriali del Comando Provinciale Carabinieri, ha svolto nei giorni…

RIMANI SEMPRE AGGIORNATO SULLE ULTIME NEWS
ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER!

Newletter Il Nuovo Terraglio