IntervisteLavoroSlide-main

Intervista al consulente del lavoro Dott. Antonio Guerretta. Decreti Sostegni e smart working: cosa è cambiato con l’avvento del Covid

3 minuti di lettura

L’emergenza sanitaria in corso ha costretto ad una riorganizzazione della modalità di lavoro, tale da consentire una maggiore tutela del personale dipendente. Nell’intervista rilasciata dal consulente del lavoro dott. Antonio Guerretta si chiariranno alcuni aspetti inerenti alle novità sui Decreti Sostegni e Sostegni bis e relativamente agli incentivi per gli smart worker.

 

 

• Dott. Guerretta, quali sono le principali novità apportate dal Decreto Sostegni?

Le nuove misure in materia di gestione del personale dipendente prevedono il coinvolgimento di tre istituti, il primo dei quali fa riferimento al sostegno del reddito dei lavoratori dipendenti. Al secondo e al terzo punto, invece, si inseriscono la proroga del divieto di licenziamento e la gestione del contratto a tempo determinato.

 

 

• Il Decreto Sostegni Bis entrato in vigore invece il 26 maggio che novità prevede?

Il Decreto prevede 4 novità interessanti nel tema di diritto di lavoro, in particolare relativamente a:

– Cassa Integrazione: riguarda le aziende industriali che sono soggette alla cassa integrazione ordinaria e straordinaria. Per queste la cassa Covid terminerà alla fine di giugno 2021, con tutte le agevolazioni previste da questa cassa. In caso di necessità queste aziende se vorranno lasciare a casa i dipendenti dovranno utilizzare quindi la cassa “Precovid” disciplinata dal Dlgs. n. 148/2015 che prevede una richiesta più articolata come domanda, degli adempimenti più marcati e le settimane disponibili di utilizzo che variano da 13 settimane a 52 settimane. A livello economico invece non ci sarà differenza tra le due casse.

– Divieto di licenziamento per giustificato motivo oggettivo: confermato al 30 giugno per tutte le aziende del settore industrie, a meno che utilizzino la cassa integrazione e in questo caso il divieto viene prorogato fino al 31 dicembre 2021.

– Naspi – Trattamento di disoccupazione: qui troviamo una particolarità, per i pagamenti di trattamento di agevolazione Naspi dal 1° giugno 2021 fino a dicembre 2021 viene bloccata la riduzione del 3% dell’indennità.

– Contratto di rioccupazione: introduzione di un contratto a tempo indeterminato rivolto a quei lavoratori che sono in stato di disoccupazione con previsione di un progetto di reinserimento lavorativo della durata di 6 mesi. Questo progetto prevede che il lavoratore verrà inserito nell’ambito aziendale e formato con nuove competenze. Al termine dei 6 mesi il datore di lavoro ha facoltà di confermare o di dare disdetta al Il vantaggio è che il Governo garantisce 6 mesi di agevolazione contributiva pari al 100% dei contributi. Un contratto che sotto taluni aspetti potrebbe andare in concorrenza con il contratto di apprendistato che ha però una durata maggiore.

 

 

• Divieto dei licenziamenti. Come si è evoluta la normativa in materia?

Fino al 30 giugno 2021 nessun lavoratore dipendente potrà essere licenziato per giustificato motivo oggettivo o per licenziamento collettivo, quindi per fini economici. Inoltre, dal 1° luglio 2021 al 31 ottobre 2021 non potranno essere licenziati i dipendenti di quelle aziende che possono usufruire degli ammortizzatori sociali, come l’assegno ordinario e la cassa integrazione in deroga. In sostanza, le piccole aziende come bar e ristoranti o le attività soggette agli istituti, quali gli ammortizzatori sociali, avranno un divieto di licenziamento esteso fino al 31 ottobre 2021.

 

 

• Può chiarire quali sono le nuove norme in tema smart working?

Innanzitutto una premessa. Tale modalità lavorativa è stata introdotta nel nostro ordinamento giuridico nel 2017 e prevede lo svolgimento della prestazione lavorativa non più solo all’interno dei locali aziendali, ma anche all’esterno, in luoghi sempre variabili e senza una postazione fissa, purché siano rispettati i limiti massimi degli orari di lavoro previsti dalla legge e dai contratti collettivi. Tale modalità di esecuzione della postazione lavorativa deve essere disciplinata da entrambe le parti (datore di lavoro e lavoratore) tramite la stipula di un accordo, successivamente inviato agli istituti competenti per presa visione e conoscenza.

 

Con l’emergenza Coronavirus l’ordinamento giuridico ha incentivato tale modalita’ di svolgimento della prestazione lavorativa c.d. agile prevedendo meno restrizioni. Ecco perché non si sono resi più necessari la stipula dell’accordo e altri obblighi di comunicazione. L’unico compito spetta al datore di lavoro il quale e’ tenuto ad inviare al Ministero del lavoro l’elenco dei lavoratori soggetti a tale forma di prestazione lavorativa, con relativa scadenza.

 

 

• Si è parlato di incentivi anche in merito alla modalità lavorativa smart working. Può presentarci un caso specifico?

È vero, con il susseguirsi della normativa in materia di Coronavirus sono state implementate nuove situazioni, nelle quali il lavoro agile diventa importante se non obbligatorio. Infatti, il Decreto Legge n. 30 del 2021 prevede, per i genitori di figli conviventi minori ai 16 anni, la facoltà di prestare la modalità smart working nei seguenti casi: infezione SARS Covid-19 del figlio; quarantena del figlio; sospensione dell’attività didattica in presenza del figlio. Questo è senz’altro un caso in cui, se vi è la possibilità di svolgere la prestazione lavorativa in tale forma, il lavoratore ne ha pieno diritto. Diversamente, dovrà chiedere il congedo pari al 50% della retribuzione per restare a casa con la garanzia dell’INPS.

 

 

• Che tipo di agevolazioni riguardano i lavoratori “fragili”?

Dal momento che per queste persone la loro presenza in azienda può risultare particolarmente pericolosa a rischio di contrarre il Covid, la normativa ha spostato al 30 giugno 2021 l’obbligo di prestazione lavorativa in modalità agile. Laddove l’esecuzione lavorativa non possa essere resa in smart working, il periodo di assenza è equiparato al ricovero ospedaliero.

 

Articoli correlati
#instacultCulturaSlide-main

I trolley dorati

1 minuti di lettura
Altro che valige di cartone e viaggi all’infinito in cerca di fortuna e lavoro, qui si parla di milioni di euro e…
RegioneSlide-mainSport

Complimenti di Zaia per l'oro nell'inseguimento a squadre di ciclismo

1 minuti di lettura
TOKIO. ORO ITALIA NELL’INSEGUIMENTO A SQUADRE DI CICLISMO. I COMPLIMENTI DI ZAIA, “ORA CHIAMIAMOLI FRECCIAZZURRA. UN MARE DI EMOZIONI IN POCHI SECONDI….
Slide-mainVenezia

Centri estivi: gli assessori Venturini e Besio in visita a “La Bottega dei Sogni” a Favaro

1 minuti di lettura
Centri estivi: gli assessori Venturini e Besio in visita a “La Bottega dei Sogni” a Favaro   Continuano i sopralluoghi nei Centri…

    RIMANI SEMPRE AGGIORNATO SULLE ULTIME NEWS
    ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER!