Intervista a Sabrina Salerno, tra le stelle del 70° Festival della Canzone Italiana

Domani sera tutta Italia vedrà l’intramontabile icona genovese scendere le mitiche scale del Teatro Ariston. Alla vigilia della sua apparizione su Rai1 a fianco di Amadeus, abbiamo intervistato la splendida Sabrina Salerno, trevigiana d’adozione ormai da molti anni.

• Felice o sorpresa per l’invito a partecipare a Sanremo?

Sorpresa no, felice sì. Sanremo per me è tornare un po’ nel posto e nel teatro dove tutto è cominciato, avendo io vissuto a Sanremo dai 5 ai 15 anni, quindi in un periodo della mia vita molto importante.

• Che effetto ti fa tornare nella tua terra natale?

Sono legata affettivamente a quella città e al teatro dell’Ariston dove sono successe tante cose. Mi ricordo che lì per la prima volta vidi Grease, perché faceva anche cinema. Da ragazzina, fino ai 12-13 anni, mi imbucavo ogni volta che arrivavo al Festival di Sanremo per chiedere l’autografo e vedere i vari cantanti in gara. Diciamo che da lì sono nati un po’ i miei sogni.

• Cosa pensi dell’invito di Amadeus a partecipare al Festival?

Amadeus cercava donne con percorsi diversi, che avessero ancora molto da raccontare.

• Credi sia possibile che la tua storica amica Jo Squillo ti raggiunga sul palco dell’Ariston?
Siete sempre molto amiche, vi sentite?

Sì, con Jo siamo ancora molto amiche, ci siamo sentite anche ieri, ma la sua partecipazione non è prevista.

• Quali sono le tue impressioni in merito allo studio di incisione delle star della musica riaperto recentemente a Villa Condulmer di Mogliano Veneto?

Condulmer Recording Studio è stato inaugurato da poco e ne sono molto felice, perché di lì sono passate alcune delle più famose star mondiali e italiane al mondo.

• Perché hai deciso di vivere nella provincia trevigiana e cosa ti affascina di questi luoghi?

A dire il vero non ho deciso, è stata una scelta dettata dal destino perché come tutti sanno sono sposata con Enrico Monti e stiamo insieme da trent’anni, quindi mi sembrava una scelta fin troppo logica.
Comunque sia in Veneto c’è un’ottima qualità di vita e si sta bene (clima a parte)!

Questo giornale è gratuito ma, se vuoi, puoi sostenerlo donando un piccolo contributo di 1 euro al mese, impostando un pagamento periodico a questo link.

Commenta la news

commenti

Ultima modifica il 20 Settembre 2020 22:18

Nicole Casagrande

Leave a Comment
Condividi
Pubblicato da
Nicole Casagrande

Articoli Recenti

Multati in 14 perchè giocavano a calcio

È tempo di Covid e di Dpcm più o meno condivisibili ed è anche tempo…

% giorni fa

Modello Veneto Teseo, più di 10 mila ora di formazione

MODELLO VENETO TESEO: OLTRE 1O MILA ORE DI FORMAZIONE, 1358 PARTECIPANTI, 48 GIOVANI ARTISTI SCRITTURATI…

% giorni fa

Meteo, stato di attenzione per precipitazioni in pianura e sulla pedemontana

METEO. STATO DI ATTENZIONE PER PRECIPITAZIONI, ANCHE FORTI, IN PIANURA E SULLA ZONA MONTANA. ALLERTA…

% giorni fa

“Chiudiamo gli schermi, apriamo le scuole”

Il Movimento “Priorità alla Scuola” di Treviso, con la sua referente Roberta Bruccoli di Mogliano…

% giorni fa

Sanità. Baldin (M5S): «Ospedale di Schiavonia (PD). Presentata interrogazione in Regione»

Sanità. Baldin (M5S): «Ospedale di Schiavonia (PD), Zaia faccia chiarezza su numeri terapie intensive e…

% giorni fa

La poliedrica figura di Don Luigi Sturzo: uomo di cultura, sacerdote e politico di spicco

Nota della Redazione de Il Nuovo Terraglio ai propri Lettori e Lettrici Innanzitutto ci è…

% giorni fa