MoglianoSlide-main

Inaugurata la seconda casetta dell'acqua di Mogliano

2 minuti di lettura

Il successo di utilizzo della prima casetta dell’acqua, installata solo due anni fa, con un consumo giornaliero di 600 litri, ha spinto l’Amministrazione ad attivare un secondo punto di erogazione per i cittadini, in Piazza Berto, luogo che favorisce un facile accesso.
 
“Meno plastica, meno inquinamento, più convenienza”. Questo il motto che accompagna il progetto dell’erogazione automatica dell’acqua in spazi pubblici che l’Amministrazione comunale ha avviato due anni fa con l’allestimento di una prima “casetta dell’acqua” e che ora ha deciso di potenziare, dato il crescente utilizzo da parte dei cittadini.
 
Domenica 4 febbraio, alle ore 10.45, è stata inaugurata in Piazza Berto la seconda “casetta dell’acqua”, che va ad aggiungersi alla già esistente casetta posta nel parcheggio del Parco Arcobaleno in via Scoutismo.
 
“Tale il successo di utilizzo di questo servizio – ha dichiarato con soddisfazione il Sindaco, Carola Arena – con oltre 600 litri prelevati ogni giorno, da motivarci ad incrementare i punti di fruizione per favorire e incoraggiare le buone pratiche ambientali dei nostri cittadini. Una scelta, quella della nostra Amministrazione, di installare la prima casetta dell’acqua, e ora di attivarne una seconda, e magari aumentarle ancora nel prossimo futuro, che è anche in linea con gli impegni assunti con la Comunità Europea con il Piano di Azione dell’Energia Sostenibile PAES”.
 
La casetta dell’acqua è un punto di erogazione di acqua, in funzione 24 ore su 24. E’ collegata direttamente all’acquedotto, eroga acqua fresca naturale o frizzante. Il costo è di 0,05 euro a litro. Quali i vantaggi di questa erogazione? L’acqua arriva direttamente dalla fonte, pura, di qualità e controllata, con un sapore gradevole grazie al processo di microfiltrazione alla quale viene sottoposta (per eliminare eventuale cloro), abbinato alla sterilizzazione, prima d’essere refrigerata.
 
“Servendosi dell’erogazione dell’acqua presso queste casette – ha commentato l’assessore alle politiche ambientali, Oscar Mancini – e usando bottiglie di vetro si contribuisce a combattere lo spreco, a ridurre notevolmente l’impatto ambientale legato allo smaltimento della plastica.  Si tratta, infatti, di un servizio a chilometro zero, che limita l’uso della plastica e riduce, implicitamente, il trasporto su gomma. La scelta di Piazza Berto come ubicazione per la seconda casetta è per l’idonea collocazione logistica, per parcheggi e accesso”.
 
L’acqua può essere acquistata versando le monetine nell’apposito distributore, oppure attraverso una scheda prepagata acquistabile presso la Bottega Altromercato di commercio equo e solidale di via De Gasperi, 21 (verso piazza Pio X°).
 

Articoli correlati
LavoroSlide-mainTreviso

Tragedia sul lavoro nella Marca, muore un 57enne

1 minuti di lettura
La Cisl chiede più controlli, più personale per i sopralluoghi e la prevenzione, pene più severe ed educazione alla sicurezza obbligatoria per…
SaluteSlide-mainTrevisoVeneto

Il “Giovanni XXIII” dona 5000 euro alla Lilt per l’acquisto di un nuovo ecografo

2 minuti di lettura
La neoplasia al seno è la prima causa di morte nella donna ed è sempre maggiore il numero delle giovani che vengono…
MestreSlide-mainSocialeVenezia

L'assessore Costalonga all'Emporio solidale per la consegna di indumenti da donare ai detenuti

1 minuti di lettura
Una mano tesa a chi vive situazioni di difficoltà e un aiuto ancora più sentito in questo perido che porta al Natale….

RIMANI SEMPRE AGGIORNATO SULLE ULTIME NEWS
ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER!

Newletter Il Nuovo Terraglio