SaluteSlide-mainVenezia

In vendita l'ospedale San Camillo

2 minuti di lettura

Riceviamo e pubblichiamo un comunicato stampa a firma di Giancarlo Da Lio (CGIL FP Venezia) e Massimo Grella (CISL FP Venezia)
 
 
Le scriventi Organizzazioni sindacali in considerazione dell’annullamento del programmato incontro, peraltro già rinviato, poi di fatto annullato da Villa Salus, Fondazione San Camillo e Fondazione Opera, denunciano l’irresponsabile comportamento tenuto. Si sottolinea inoltre l’assoluta mancanza di rispetto sia nei confronti delle lavoratrici e dei lavoratori e sia verso la Prefettura, Regione ed Enti territoriali, da noi sollecitati a garanzia. 
 
 
Hanno prima richiesto un differimento e poi comunicato la non partecipazione in Prefettura, negando quindi qualsiasi confronto sulla preoccupante situazione in ordine alla “compravendita” di un Ospedale, di un Istituto di ricerca di prestigio internazionale, oltreché di una Casa di Riposo. Complessivamente parliamo di centinaia di lavoratori occupati nelle diverse strutture. Il mancato confronto rafforza i dubbi e le perplessità circa la continuità, ovvero il mantenimento degli standard qualitativi dei servizi e della ricerca. 
 
 
Proveniamo da due anni di discussioni, meglio da impegni disattesi, che hanno prodotto un esodo significativo di professionalità altamente specializzate, quindi operatori, fisioterapisti, medici e ricercatori, determinando disagi e difficoltà. Fatto questo che si ripercuote sui lavoratori attualmente presenti, quindi sul servizio offerto. Citiamo ad esempio la neuro-riabilitazione. Questa specialità ha bisogno di conoscenza, disciplina, competenze, esperienza e spazi; in quanto riabilitare un individuo dopo un grave danno neurologico necessita la disponibilità di locali adeguati ed anche in questo il San Camillo è nel panorama nazionale e non solo, un unicum. I pazienti hanno a disposizione palestre ampie e luminose, locali riservati agli esiti di coma ed ai pazienti con problematiche cognitivo-comportamentali, uno straordinario Giardino Terapeutico, gli spazi per lo sport- terapia (tennis, bocce, tiro con l’arco, tennis tavolo, vela). Perfino l’Ippoterapia purtroppo chiusa in questo periodo di assoluta confusione. 
 
 
Il mancato incontro nega quindi ogni risposta in ordine alla tenuta occupazionale, per esempio quella dei ricercatori precari o degli operai della squadra manutentiva e comunque di tutti i lavoratori che ad oggi non hanno un contratto a tempo indeterminato. Non vi è nessuna certezza relativa al passaggio dei dipendenti alla paventata società privata che avrebbe poi dovuto passare alla Congregazione delle Suore Mantellate, attuale proprietà di Villa Salus. Si faranno questi passaggi? Quando? Come? Quali le garanzie? Queste devono essere le preoccupazioni per un Sindacato. Questo hanno pensato di fare Cgil e Cisl, non certo anticipare attraverso la stampa, la posizione del futuro datore di lavoro, condividendone inusualmente ogni strategia. 
 
Photo Credits: FB, gruppo pubblico SiAmo il San Camillo

Articoli correlati
EconomiaSlide-mainTreviso

Rincaro trasporti e materie prime per importazioni dalla Cina. ITA Agency perde parte dei ricavi di un anno da record

2 minuti di lettura
Spese per i viaggi dei container da Shanghai quasi decuplicate da inizio anno. E negli ultimi due mesi salito del 22% il…
MestreSlide-mainVenezia

Al Teatro del Parco prende vita una minirassegna musicale gratuita con due date imperdibili

1 minuti di lettura
Al Teatro del Parco prende vita una minirassegna musicale gratuita con due date imperdibili: il 12 novembre con Tamikrest e il 3…
EconomiaRegioneSlide-main

Il Veneto riparte dopo il buio del Covid. Crescono il Pil, consumi e vola il vino

2 minuti di lettura
Dopo i mesi di stop causati dalla pandemia il Veneto riparte. A dirlo è il bollettino socio-economico del Veneto ripotando i principali…

    RIMANI SEMPRE AGGIORNATO SULLE ULTIME NEWS
    ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER!