Home / Slide-main  / Il Venezia affonda la Reggiana con una prestazione di carattere. Al Penzo finisce 2-1

Il Venezia affonda la Reggiana con una prestazione di carattere. Al Penzo finisce 2-1

Il Venezia affonda la Reggiana con una prestazione di carattere. Al Penzo finisce 2-1 Nell’anticipo della ventiseiesima giornata del campionato di Serie BKT, il Venezia ospita al Pierluigi Penzo di Sant’Elena la formazione della Reggiana. Dopo

Il Venezia affonda la Reggiana con una prestazione di carattere. Al Penzo finisce 2-1

Nell’anticipo della ventiseiesima giornata del campionato di Serie BKT, il Venezia ospita al Pierluigi Penzo di Sant’Elena la formazione della Reggiana. Dopo il pareggio con la capolista Empoli, la corazzata arancioneroverde ha la prua rivolta verso il secondo posto in classifica, la Regia sbarca in laguna con l’obiettivo di uscire dalla zona playout e cercare di replicare la vincente prestazione dell’andata al Mapei Stadium.
Mister Zanetti schiera il 4-2-3-1: in avanti il bomber Forte in tandem con Esposito, Aramu e Di Mariano a supporto, in mediana rientra Maleh, turn-over in difesa con Svoboda e Ricci al posto di capitan Modolo e Felicioli.
Anche mister Alvini opta per il 4-2-3-1: In avanti Mazzocchi con Laribi, Pezzella e Lunetta a supporto sulla tre quarti, in difesa Giamfry e Costa, prendono il posto di Kirwan e Martinelli.

In campo sono i granata a dare l’impressione di essere maggiormente in partita, al 12’ sono proprio gli ospiti ad avere la prima occasione: un errore di Esposito permette a Lunetta di entrare in area e far partire il sinistro, Pomini si distende e riesce a respingere.
Gli arancioneroverdi sembrano soffrire sulla trequarti.
Gli ospiti sbloccano il risultato al 20’: erroraccio di Di Mariano, sbaglia il tempo su Libutti che con un grandissimo destro al volo batte Pomini. Venezia 0, Reggiana 1.
I Leoni reagiscono alla rete e cominciano a pressare la Regia sulla propria metà campo.
I granata si arroccano in difesa cercando di concludere la prima frazione senza subire reti.
Al 44’ Esposito svirgola malamente il pallone in piena area di rigore, Lunetta interviene fallosamente sull’attaccante arancioneroverde e l’arbitro Camplone indica senza indugio il penalty. Aramu si prepara dagli undici metri: 3,2,1… tiro centrale, Venturi vola a destra, goal!! Venezia – Reggiana 1-1.
Il direttore di gara non concede recupero e con il triplice fischio manda le due squadre negli spogliatoi.
Nella ripresa Alvini lascia fuori Del Pinto ed al suo posto entra Siligardi.
Gli arancioneroverdi dimostrano fin da subito di crederci, la reazione è veemente. Il secondo tempo è un assedio alla porta difesa da Venturi. Al 54’ Aramu fa vibrare la traversa con una splendida punizione di sinistro. Passano tre minuti e ancora i leoni si avvicinano al vantaggio: Di Mariano per Ricci, Esposito manca il tocco sottoporta di un niente.
Al 59’ è ancora Mattia Aramu a provarci dai 25 metri ma Venturi riesce a respinge con i pugni. L’assedio al fortino granata continua un minuto dopo con Francesco Forte che da calcio d’angolo incorna perfettamente di testa ma la sfera si stampa nuovamente sulla traversa.
Al 66’ è Di Mariano a provarci ma l’onnipresente Giamfy di testa riesce a respingere.
Al 68’ Alvini opta per una tripla sostituzione: escono Pezzella, Laribi e Costa ed entrano rispettivamente Kirwan, Radrezza e Espeche.
Al 71’ Zanetti decide di dare spazio a Johnsen al posto di Esposito.
Al 74’ i leoni completano la rimonta: grande giocata di Johnsen che vince un paio di dribbling in area, cross deviato da Varone ed Aramu che si ritrova il pallone fra i piedi a zero metri non sbaglia. Doppietta per lui! Venezia – Reggiana 2-1.
Il tempo scorre, gli ospiti cercano la reazione finale e Zanetti decide di inserire forze fresche e coprire in difesa: esce Aramu, Ricci e Forte, al loro posto rispettivamente Modolo, Felicioli e Bocalon.
Gli ultimi minuti sono gli ospiti a tentare l’arrembaggio finale.
Il direttore di gara concede cinque minuti di recupero dove gli arancioneroverdi si arroccano in difesa pronti alle ripartenze, al quinto ed ultimo minuto di recupero la Regia sfiora clamorosamente il pareggio: cross di Kirwan, Zamparo ci prova di testa ma Pomini compie un intervento miracoloso prima e poi riesce ad allontanare con il pugno il pallone del possibile tap-in.
Il triplice fischio dell’arbitro Camplone mette fine all’incontro che vede il Venezia vittorioso sulla Reggiana per 2-1.

Dopo un inizio gara decisamente fuori giri, i padroni di casa non hanno mai smesso di crescere sia dal punto di vista delle azioni che della qualità. Un secondo tempo quasi a senso unico ha permesso ai leoni di ribaltare il risultato permettendo loro di aggiudicarsi i preziosissimi tre punti. I granata hanno reagito tardivamente solo negli ultimi dieci minuti sfiorando nel finale il goal del pari con Zamparo.
Per gli arancioneroverdi si tratta della quarta vittoria consecutiva in casa che permette loro di raggiungere il momentaneo secondo posto alle spalle dell’Empoli ad una sola lunghezza.

Nella ventisettesima giornata campionato, sabato prossimo, i lagunari giocheranno nuovamente al Penzo con il Brescia, la Reggiana ospiterà al Mapei Stadium il Lecce.

Photocredits: Facebook @veneziafc

Questo giornale è gratuito ma, se vuoi, puoi sostenerlo donando un piccolo contributo di 1 euro al mese, impostando un pagamento periodico a questo link.

Commenta la news

commenti

RIMANI SEMPRE AGGIORNATO SULLE ULTIME NEWS
ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER!

Notizie da Venezia, Treviso, Mogliano e dintorni