Home / Economia  / Il mercato immobiliare a Treviso segna una crescita per il centro storico. In picchiata San Paolo

Il mercato immobiliare a Treviso segna una crescita per il centro storico. In picchiata San Paolo

San Paolo, San Liberale, Monigo e Santa Bona sono quartieri che perdono appeal agli occhi di potenziali acquirenti.

San Paolo, San Liberale, Monigo e Santa Bona sono quartieri che perdono appeal agli occhi di potenziali acquirenti: stando ai dati elaborati da impREsa srl, nel primo semestre 2019 ricevuto in media il 37% di richieste di acquisto in meno rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente.

 

Da una parte, sostenere concretamente la ricerca e la cura delle patologie pediatriche; dall’altra, accendere i riflettori sulle necessità di alcuni quartieri di Treviso in ottica compravendita di immobili. È con questo duplice obiettivo che lo staff di impREsa srl ha deciso di partecipare all’iniziativa benefica “Camminare per la vita”, in programma domani, domenica 22 settembre: tra le zone interessate dalla manifestazione, infatti, non manca chi perde drasticamente appeal agli occhi di potenziali acquirenti.

 

Stando a quanto emerge dall’analisi condotta da impREsa srl relativamente ai quartieri San Paolo, San Liberale, Monigo e Santa Bona, in queste aree la domanda di un tetto di proprietà nel primo semestre del 2019 rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente è precipitata in media del più del doppio (-37%) di quanto non siano riuscite a portare a segno le altre aree periferiche di Treviso (-18%). Un trend negativo che ha particolarmente investito San Paolo (-53%), mentre San Liberale e Monigo hanno ricevuto rispettivamente il 48% e il 45% di richieste in meno. Santa Bona invece, grazie al processo di riqualificazione di cui è stata protagonista negli ultimi anni, ha visto volatilizzarsi “solo” il 23% delle domande (meglio che in passato). In controtendenza, la zona di Ca’ del Galletto (-18%), complice la vicinanza del Fuori mura di viale Luzzati.

 

Dati che stridono se confrontati con i risultati raggiunti nello stesso periodo di riferimento dal centro storico (+47%), dall’immediato fuori mura (+28%), così come dalla zona dello stadio Omobono Tenni (+7%) o da quella di Santa Maria della Rovere (+6%).

Un altro spunto di riflessione arriva dall’analisi degli immobili venduti a Treviso nel periodo gennaio 2018-agosto 2019: nei quartieri interessati dalla manifestazione “Camminare per la vita” il prezzo medio al mq si è attestato sui 1.294 euro, il 7% in meno rispetto alle altre zone periferiche, dove si è spinto fino a quota 1.390 euro.

«Ci piacerebbe – commenta Lucio D’Ambrosi, amministratore di impREsa srl – che il processo di riqualificazione partito per Santa Bona, che sta dando i suoi frutti, coinvolgesse anche altre aree di Treviso, zone con punti di forza e opportunità che, però, per essere sviluppati necessitano di maggiori energie».

Commenta la news

commenti

RIMANI SEMPRE AGGIORNATO SULLE ULTIME NEWS
ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER!

Notizie da Venezia, Treviso, Mogliano e dintorni