Home / Cultura  / Ambiente  / Il M5S di Mogliano ha presentato due mozioni per l’ambiente

Il M5S di Mogliano ha presentato due mozioni per l’ambiente

Il Movimento Cinque Stelle in prima linea per l'ambiente: presentate due mozioni dalla capogruppo del Movimento Cinque Stelle di Mogliano Veneto, Cristina Manes   La tematica è la lotta all'uso della plastica, diventata centrale nel dibattito mondiale

Il Movimento Cinque Stelle in prima linea per l’ambiente: presentate due mozioni dalla capogruppo del Movimento Cinque Stelle di Mogliano Veneto, Cristina Manes

 

La tematica è la lotta all’uso della plastica, diventata centrale nel dibattito mondiale e nelle politiche adottate dal Parlamento Europeo, dove è in via di approvazione la “Direttiva della Commissione europea sulla Plastica monouso”, nuove norme UE per ridurre i rifiuti marini, che prevedono lo stop alla produzione di una serie di prodotti di plastica monouso che più inquinano le spiagge e i mari d’Europa.

 

Per noi è doveroso che l’amministrazione “in primis” sia d’esempio per la cittadinanza eliminando la plastica monouso; ormai tutti i prodotti in plastica monouso trovano un valido sostituto con prodotti biodegradabili e compostabili.

 

Il ministro dell’Ambiente Sergio Costa ha avviato una campagna invitando ufficialmente tutte le Istituzioni, di qualsiasi livello governativo, Regioni, Città metropolitane, Comuni, a concretizzare il proprio impegno per liberarsi dalla plastica, annunciando che entro il mese di ottobre lo stesso ministero dell’Ambiente sarà “plastic free”.

 

Con la mozione “Sensibilizzazione ed interventi per limitare l’uso e la dispersione della plastica usa e getta nell’ambiente: Mogliano Veneto Comune plastic free” impegniamo Sindaco e Giunta a:

– aderire alla campagna “Plastic Free Challenge” lanciata dal ministro dell’Ambiente;

– ad attivare una campagna informativa indirizzata ad ogni scuola presente nel territorio e a ogni cittadino per ottenere i seguenti obiettivi: il divieto di uso della plastica monouso presso tutte le sedi comunali e uffici ad esso connessi e un graduale e progressivo divieto dell’uso di materiali plastici non compostabili per le attività ristorative e ricettive del territorio.

 

L’Unione europea, con la direttiva 2008/98/CE, si è data l’obiettivo di diventare una “società del riciclo ad alto livello di efficienza”, cercando di limitare la produzione di rifiuti e di utilizzarli come risorse. La raccolta differenziata è parte essenziale di questo obiettivo.
La normativa nazionale in materia di gestione dei rifiuti, anche in attuazione delle direttive comunitarie, propone la riduzione della quantità di rifiuti da smaltire in discarica e l’incremento della raccolta differenziata dei materiali recuperabili da avviare al riciclo.

 

In commercio esistono oramai da tempo sistemi, gli eco-compattatori facilmente installabili e utilizzabili che consentono di compattare, ad esempio, bottiglie di plastica e lattine di alluminio in modo da differenziare più agevolmente il rifiuto e ottimizzarne la sua raccolta.

 

Come da tempo avviene in molte città che già utilizzano questi sistemi, si potrebbe ripagare il conferimento dei rifiuti differenziabili negli eco-compattatori, con dei buoni sconto da poter utilizzare direttamente in tutte le attività commerciali aderenti, soprattutto i piccoli e medi esercenti, con i quali il Comune potrebbe stipulare delle convenzioni al fine di favorire anche il commercio di prossimità.

 

Le amministrazioni di molti comuni in Italia hanno adottato gli eco-compattatori in comodato d’uso, senza alcun aggravio di spese nel bilancio comunale, anzi con risparmi sui costi di gestione della raccolta differenziata.

 

Grazie alla possibilità di ridurre il volume dei rifiuti solidi riciclabili dell’80% si otterrebbero dei vantaggi economici legati al miglior rendimento dei trasporti a cui sono legati benefici ambientali in termini di riduzione di inquinamento atmosferico.

 

Poiché la percentuale di raccolta differenziata ascrivibile a bottiglie di plastica e lattine di alluminio è suscettibile di miglioramento, chiediamo all’Amministrazione comunale, con la seconda mozione presentata (“Introduzione di eco-compattatori sul territorio comunale”), di installare degli eco-compattatori sul territorio comunale, al fine di incrementare la raccolta e il recupero dei suddetti rifiuti da imballaggio conferiti dai cittadini, incentivando sia i cittadini che gli esercizi commerciali presenti sul territorio.

Commenta la news

commenti

RIMANI SEMPRE AGGIORNATO SULLE ULTIME NEWS
ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER!

Notizie da Venezia, Treviso, Mogliano e dintorni