AmbienteIstruzioneSlide-mainVenezia

Il Green Deal Europeo parte anche dal mare

1 minuti di lettura

Il nuovo programma di ricerca sulla Pianificazione spaziale del mare, sostenuto dalla Commissione Europea e coordinato da Iuav, CNR Ismar e Corila.

VENEZIA – “Non possiamo raggiungere gli obiettivi del Green Deal Europeo se non ci prendiamo cura dell’ambiente marino”. con queste parole Evangelia Tzika, Policy Officer DG Mare dell’European Commission (ed ex allieva Iuav), ha avviato la Conferenza di lancio del nuovo programma di ricerca MSP (Maritime spatial Planning) Green, organizzata dall’Università Iuav, CORILA e CNR-Ismar nell’aula magna ai Tolentini.

Adottando un approccio trasversale, il progetto, finanziato dal Fondo europeo per gli affari marittimi (EMFAF) e da Horizon Europe con 1.930.000  euro, intende contribuire ad allineare i piani spaziali marittimi alle sfide dell’European Green Deal, creando un quadro di riferimento per i piani considerati temi chiave dell’EGD per l’ambiente marino e rilevanti per la transizione sostenibile blu: cambiamento climatico, economia blu circolare, protezione della biodiversità marina, energie marine rinnovabili, approvvigionamento alimentare sostenibile.

Affermati esperti di settore hanno delineato il quadro; rappresentanti del National Biodiversity Future Centre, della Federazione del Mare, della piattaforma Europea per l’acquacoltura hanno portato punti di vista internazionali e pragmatici, mentre dalle Università di Lisbona, di Gdansk e Padova sono stati avanzati utili contributi teorici e scientifici. Il progetto riunisce partner provenienti da Italia, Spagna, Francia, Lettonia, Finlandia, Bulgaria e Germania, coprendo cinque bacini dell’UE, e durerà due anni.

Per il rettore Benno Albrecht “È un onore ospitare questa conferenza all’Iuav, sede della prima scuola di pianificazione italiana. Progettare lo spazio marittimo è un ambito operativo consolidato a cui l’Università Iuav di Venezia riconosce un ruolo di primo piano per immaginare futuri sostenibili. Il nostro Ateneo promuove progetti e lavora sul tema dal 2013, con l’Erasmus Mundus sulla pianificazione marittima, a livello sia di ricerca che di terza missione”.

Continua il direttore della Ricerca Iuav, Francesco Musco: “I piani spaziali marittimi sono ormai in fase avanzata nei diversi Stati Membri costieri: ora lo scenario dell’implementazione è decisivo per allineare e armonizzare le iniziative promosse a livello europeo e globale, rendendo questi piani strumenti che possano indirizzare gli enti territoriali e contribuire a una migliore gestione dello spazio marino, combinando competitività e sostenibilità”.

L’esito dell’evento porterà alla stesura delle prime raccomandazioni su come rafforzare l’ambizione dell’European Green Deal nei piani spaziali del mare nei paesi europei, considerando le specificità ambientali, socio-economiche e culturali, attraverso una comunicazione dedicata guidata dalla Ocean Literacy.

Articoli correlati
Slide-mainTutela del CittadinoVenetoViabilità

Cinque incidenti tra mezzi pesanti in A4: un ferito

1 minuti di lettura
Vigili del Fuoco impegnati dalle 16.00 di oggi, martedì 7 febbraio, per cinque diversi incidenti tra mezzi pesanti in A4 dal km…
AttualitàEsteriSlide-main

Un Veneto tra i dispersi del terremoto in Turchia

2 minuti di lettura
Si chiama Angelo Zen e i familiari non hanno sue notizie da domenica scorsa, 5 febbraio. Continua ad aggravarsi il bilancio delle…
LavoroMarca TrevigianaSlide-main

Carabinieri: tre attività sospese nel settore dell’edilizia in provincia di Treviso

2 minuti di lettura
Il Nucleo Ispettorato Carabinieri del Lavoro di Treviso, in collaborazione con le articolazioni territoriali del Comando Provinciale Carabinieri, ha svolto nei giorni…

RIMANI SEMPRE AGGIORNATO SULLE ULTIME NEWS
ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER!

Newletter Il Nuovo Terraglio