Food & LifestyleSlide-main

Il dolce di San Martino

2 minuti di lettura

Il dolce di san Martino è caratterizzato dalla frolla a forma di cavaliere in sella al proprio cavallo che rispecchia la leggenda di san Martino.

La lavorazione del dolce si distingue in due diverse fasi: la frolla della base dell’impasto e la decorazione fatta con la glassa e decorata con caramelle e cioccolatini vari. Immancabili le liquirizie ripiene e gli smarties nella tradizione di casa, arricchite poi dai cioccolatini extra fondenti per i palati intolleranti al lattosio.

Ingredienti per l’impasto

  • 250 gr. di farina 00
  • 2 cucchiaini di lievito per dolci
  • 100 gr. di zucchero semolato
  • 1 bustina di vanillina
  • 1 pizzico di sale
  • 1 fialetta di aroma di limone (2ml)
  • 1 uovo intero
  • 125 gr di burro freddo a pezzetti
  • 1 stampo a forma di san Martino
Per la decorazione
  • 1 bianco d’uovo
  • zucchero a velo
  • caramelle e cioccolatini vari

oppure

  • 1 barretta di cioccolato

Preparazione

Mettete in una ciotola gli ingredienti nell’ordine:
Farina, il lievito, lo zucchero, la bustina di vanillina, il sale e la fialetta di aroma.
Mescolate un po’ e aggiungete l’uovo. Mescolate l’uovo nell’impasto e poi aggiungete il burro freddo a pezzetti. Mescolate finché il burro non si amalgama.

Quando il burro si è amalgamato del tutto fate una palla con l’impasto, avvolgetela nella pellicola e lasciate riposare in frigorifero per 30 minuti.

Dopo i 30 minuti di riposo prendete la pasta e stendetela sopra un foglio di carta forno. Lasciatela alta 1cm circa e tagliate la sagoma di san Martino. Lo stampo lo trovate in un negozio che vende prodotti di pasticceria, oppure lo potete fare scaricando un’immagine del cavaliere da internet, stampandola e ritagliando la forma su un cartoncino spesso.

Intagliata la pasta della forma, infornate a 150° per 10 minuti. Controllate bene la cottura, lasciando il forno chiuso, la cottura è molto delicata e veloce, potrebbe cuocere prima dei 10 minuti, quindi fate attenzione a controllare come reagisce l’impasto con il calore del vostro forno.

Una volta cotta, toglietela dal forno e aspettate che si freddi.

Preparazione della glassa di zucchero

Prendete il bianco di un uovo e sbattetelo con una forchetta su una ciotola, aggiungendo pian piano lo zucchero a velo. Mamma dice:” andate a occhio, dipende quanto il bianco dell’uovo chiama”. Cercando alcune ricette il rapporto è di 1 uovo a 200 grammi di zucchero, ma dipende sempre dalla grandezza delle uova. Quando lo mescolate ne sentite la consistenza, e se tirando su la forchetta lo vedete troppo liquido, potete aggiungere un po’ alla volta ancora zucchero.
Dev’essere cremoso, perché poi si addensa e solidifica.
La glassa la potete colorare con dei colori alimentari, e dare più brio alla decorazione.

Preparazione della glassa al cioccolato

Prendete una barretta di cioccolato, scegliete voi se al latte, fondente o bianco, e rompetela a pezzetti.
Scioglietela a bagno maria, o mettetela nel microonde a sciogliere per 10 secondi.

Decorazione

Una volta che il San Martino è freddo, potete procedere decorandolo con le glasse. Potete usare una siringa da cucina o una sac à poche per creare disegni con la glassa sulla frolla.

Una volta che la glassa è messa sopra al San Martino procedete decorandola con le caramelle e i cioccolatini, posizionandoli quando la glassa è ancora cremosa. Aspettate poi la solidificazione per poterlo mangiare.

Grazie a Mamma Franca per la ricetta!

Articoli correlati
MoglianoSlide-mainSpeciale 25 novembre contro la violenza sulle Donne

Continuano gli eventi a Mogliano Veneto per dire NO alla violenza in ogni sua forma

2 minuti di lettura
L’annuale Staffetta lungo il Terraglio termina quest’anno con l’inaugurazione di un’opera in memoria di tutte le vittime di violenza Nell’ambito delle molte…
AmbienteCulturaSlide-mainVenezia

Venezia e i cambiamenti climatici all'Ateneo Veneto

1 minuti di lettura
Venezia è un patrimonio tanto inestimabile quanto fragile e ha mostrato tutta la sua fragilità nel novembre 2019, quando l’acqua alta ha…
Slide-mainVeneto

Selva di Cadore, 3,1 milioni di euro per la sicurezza del territorio

2 minuti di lettura
L’Assessore al Dissesto Idrogeologico Gianpaolo Bottacin si è recato a Selva di Cadore, nel bellunese, per un sopralluogo a due cantieri curati…

RIMANI SEMPRE AGGIORNATO SULLE ULTIME NEWS
ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER!

Newletter Il Nuovo Terraglio