Slide-mainSociale

I corpi dei malati di MEN dipinti e immortalati in un calendario artistico in vendita da domani

2 minuti di lettura

Il calendario 2020 sarà presentato lunedì 28 ottobre al FabLab di Castelfranco Veneto. Gli scatti sono dei fotografi trevigiani Arcangelo Piai e Renato Zanette

 

Anche quest’anno i fotografi CNA hanno messo la loro arte e il loro cuore a servizio di una causa benefica, la lotta alle neoplasie endocrine multiple (MEN), producendo insieme all’associazione Aimen 1 e 2 il calendario 2020 “Love your Body”.

 

L’iniziativa

L’iniziativa editoriale nasce per ricordare il dirigente CNA Alessio Rosin, prematuramente scomparso all’età di soli 40 anni nel 2016.

 

Il calendario sarà presentato domani, lunedì 28 ottobre, in apertura del ciclo di conferenze “Il nostro futuro nell’era dell’intelligenza artificiale” che prende avvio a Castelfranco Veneto (FabLab via Sile 24, ore 20.30).

 

Sono di Arcangelo Piai le immagini che ritraggono i corpi di diverse persone affette da MEN, provenienti da varie parti d’Italia che per un giorno sono diventati la tavolozza per sette body painter diretti da Michele Codazzi e Martha Rini. Sono del fotografo Renato Zanette gli scatti che raccontano il backstage di un’intensa giornata di esplorazione artistica, amicizia e riscatto umano.

 

 

Calendario “Love your Body”: i corpi dei malati di MEN diventano opere di Mirò

Le cicatrici chirurgiche impresse nella carne dei pazienti MEN si sono, quest’anno, trasformate in scorci di quadri di Joan Mirò, pittore, scultore e ceramista spagnolo, esponente del surrealismo. Gli scatti dei fotografi hanno restituito l’oggettività di questa trasfigurazione, fisica e interiore.

Molto significativa la copertina del calendario che vede un intera famiglia colpita da questa patologia.

 

Le neoplasie endocrine multiple di tipo 1 e di tipo 2 (MEN 1 e 2)  sono patologie molto rare ed ereditarie, quindi spesso nella stessa famiglia ci sono più soggetti affetti da questa invalidante malattia.

 

I pazienti MEN sviluppano più forme tumorali in diversi organi endocrini per cui, nel corso della vita, subiranno diversi interventi che li porteranno a “esibire” varie cicatrici.

«Questo progetto –  racconta Alessandra Londoni, vicepresidente Aimen 1 e 2 – ci vede per la seconda volta protagonisti di un’esperienza straordinaria: vedere i nostri corpi e le loro cicatrici trasformarsi in un messaggio d’arte, di bellezza e di speranza».

 

 

Quando e come acquistare il calendario

Il calendario artistico sarà acquistabile domani sera al FabLab Castelfranco Veneto e inviando una richiesta all’indirizzo mail [email protected].

Il ricavato andrà interamente all’associazione Aimen 1 e 2.

 

Il progetto ha avuto la direzione artistica di Filippo Della Villa.

Articoli correlati
#instacultBlogMusicaSlide-main

Via Verdi

1 minuti di lettura
Via Verdi, che poi non si parla di toponomastica spiccia ma di Band, che con un contratto discografico alla fine del 1985…
AmbienteAttualitàMargheraSlide-main

Parco dell'Idrogeno a Porto Marghera

1 minuti di lettura
Il Consiglio comunale di Venezia ha approvato la delibera per la creazione del Parco dell’idrogeno e delle energie innovative a Porto Marghera…
Slide-mainSociale

Carlo Acutis primo santo «millennial» il futuro patrono di internet

1 minuti di lettura
Carlo Accutis sarà il primo santo dei millennials e della Rete Giovedì 23 maggio 2024 la Congregazione dei Santi ha annunciato i…