Home / Cultura  / Arte  / Hear the Noise!

Hear the Noise!

Masterclass per curatori e artisti per la creazione e lo sviluppo del pensiero critico e l’acquisizione di competenze pratiche   Hear the Noise! è un programma di workshop creato dalla curatrice Giovanna Maroccolo e promosso dall'Associazione Fusion Art Center*,

Masterclass per curatori e artisti per la creazione e lo sviluppo del pensiero critico e l’acquisizione di competenze pratiche

 

Hear the Noise! è un programma di workshop creato dalla curatrice Giovanna Maroccolo e promosso dall’Associazione Fusion Art Center*, dedicato alle pratiche curatoriali e artistiche come modelli di creazione di un pensiero critico.

 

Un weekend al mese per quattro mesi ci sarà l’occasione di discutere argomenti nuovi e importanti per la pratica di giovani artisti e curatori, insieme a note voci della scena artistica contemporanea.

 

Ad eccezione del primo incontro, i successivi impegneranno i partecipanti per 7 ore il sabato e 3 ore la domenica. Questa seconda giornata sarà dedicata all’approfondimento di competenze pratiche e necessarie per chi desidera lavorare nell’ambito dell’arte e della curatela.

 

Inoltre, alla fine del ciclo di incontri sarà selezionato il progetto che verrà esposto a Padova, nello spazio di produzione artistica e culturale Neo.

Proprio qui infatti si terranno i workshop, che invitano curatori, artisti, studenti, operatori culturali e ricercatori al confronto con personalità attive a livello internazionale, capaci di innestare nuove esperienze e produrre nuove visioni rispetto ai temi attuali che vanno a indagare.

 

Hear the Noise! propone dunque un primo incontro di curatela e performance art per venerdì 30 novembre con VestAndPage**, il duo formato dalle artiste Andrea Pagnes e Verena Stenke.

L’appuntamento si concluderà con Giovanna Maroccolo nella data di venerdì 7 dicembre, con la comunicazione di una mostra e di un progetto culturale.

 

 

I successivi workshop in programma si terranno nelle date di:

12/13 gennaio (Il corpo nello spazio fisico come strumento di indagine)

9/10 febbraio (Il curatore come filosofo nella società contemporanea)

16/17 marzo (Linguaggio e sfera pubblica)

 

 

Info e iscrizioni 

I workshop si terranno allo spazio Neo (via Nazareth 17) di Padova.

La partecipazione è riservata ai soci dell’associazione Fusion Art Center. È possibile tesserarsi al costo di 5 euro.
Il costo del singolo workshop è di 100 euro.
Prezzo agevolato per l’iscrizione a tutti i workshop di 350 euro.

[email protected]

339.8417088

 

 

*Fusion Art Center
È un’associazione culturale attiva dal 2015 nel campo dell’arte contemporanea, che nasce dalla fusione di competenze tra gli ambiti della curatela e del management culturale e cresce con una mission ben precisa: innestare nella città un fulcro di produzione artistica vivo e partecipato, con una dimensione locale e uno sguardo globale, in grado di diventare generatore e raccoglitore di esperienze che parlino del presente e che contribuiscano a migliorarlo.
Fino al 2016 ha diretto in collaborazione con il Comune di Padova la programmazione artistica e culturale dell’ex Fornace Carotta, per arrivare oggi a co-fondare uno spazio artistico condiviso – Neo – nel quale si occupa di progetti di ricerca sui nuovi linguaggi e di curatela come pratica di cambiamento e attivismo civile.

www.fusionartcenter.it

 

 

**VestAndPage
L’artista di origini veneziane Andrea Pagnes e l’artista tedesca Verena Stenke lavorano insieme dal 2006 come VestAndPage. La loro pratica artistica e curatoriale è contestuale, concepita psico-geograficamente in risposta a situazioni sociali, luoghi naturali, siti archeologici, architetture storiche e ambienti non convenzionali quali miniere e rovine urbane. Operano attraverso la realizzazione di performance cycles, performance-based films, visuals, progetti artistici a carattere comunitario e la scrittura teoretico-creativa. Esplorano temi quali la sublimazione del dolore, la sofferenza interiore, la fragilità, lá dove concetti quali l’essere arrischiante, la trasformazione, la fiducia nel cambiamento, l’unione e la resistenza determinano il loro originale, radicale approccio alla performance.

 

Nella loro opera si evince un’attenzione per la metafisica e l’antropoetica, utili a ridiscutere categorie e convenzioni che regolano le sfere del privato, del sociale, del politico, e individuare nella realtà oggettiva elementi poetici quale motivo di ribellione nei confronti dell’esercizio del potere e della attività discriminatorie perpetrate a sfavore dell’individuo.

 

VestAndPage sono ideatori e curatori della “Venice International Performance Art Week” fondata nel 2011. Il loro ultimo film basato sulla performance “Plantain” ha ricevuto il premio per il miglior film al Festival del Cinema Indipendente di Berlino (2018).

Commenta la news

commenti

RIMANI SEMPRE AGGIORNATO SULLE ULTIME NEWS
ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER!

Notizie da Venezia, Treviso, Mogliano e dintorni