AmbienteSlide-mainTrevisoVeneto

GSE premia Cimadolmo per il risparmio energetico nella Pubblica Amministrazione

2 minuti di lettura

Il 26 marzo il GSE (Gestore Servizi Elettrici) ha premiato l’amministrazione comunale di Cimadolmo come miglior intervento per il risparmio energetico in Italia realizzato su edifici pubblici.
 
Il GSE ha voluto premiare con una targa il lavoro e l’impegno dell’amministrazione comunale, indicando Cimadolmo come migliore Best Practice italiana nell’utilizzo delle risorse per il risparmio energetico; questo reso disponibile grazie al conto termico.
 
 

Cos’è il GSE

Il GSE è la società individuata dallo Stato italiano per perseguire e conseguire gli obiettivi di sostenibilità ambientale; nei due pilastri delle fonti rinnovabili e dell’efficienza energetica, e rende disponibile competenze e risorse per aiutare la Pubblica Amministrazione ad affrontare questa sfida.
 
 

L’amministrazione comunale di Cimadolmo

Negli ultimi anni, l’amministrazione comunale cimadolmese ha lavorato per poter rendere sostenibili i propri edifici, mirando alla riqualificazione energetica e al risparmio delle risorse.
 
I lavori sono stati seguiti direttamente dai tecnici dell’amministrazione nell’ambito delle attività previste dal Piano d’Azione per l’Energia Sostenibile (PAES), che l’amministrazione ha fortemente voluto.
 
“Il risparmio delle risorse pubbliche, visto come minori costi di gestione, di energia e di emissione di CO2, è un tema che ci ha visto molto coinvolti come amministrazione. Inoltre il tema investe le tematiche anche della programmazione di investimenti; con i risparmi dati dall’utilizzo di nuove tecnologie, possiamo destinare risorse sul miglioramento dei processi e dei servizi diretti ai cittadini”, spiega il sindaco Giovanni Ministeri.
 
Sempre il sindaco commenta: “Questo premio, ci rende molto orgogliosi del lavoro fatto; può essere di esempio ad altre amministrazioni comunali per lavorare con le sfide quotidiane, per le prossime generazioni, in un’ottica di utilizzo delle nuove tecnologie per lo sviluppo del nostro territorio, sapendo che una grossa fetta dell’economia presente e futura sarà rappresentata da tutta la filiera green. Questo potrebbe avere degli impatti assolutamente positivi per il nostro territorio; se riusciremo a fare massa critica con gli altri comuni riusciremo a dare sviluppo sostenibile e ottime possibilità di migliorare la vita e prospettive di lavoro ai nostri cittadini”.
 
 

L’edificio premiato

A essere premiato come migliore caso italiano è l’Innovation Hub, sede del T.oo.B. Un edificio a quasi zero emissioni (NZEB – Nearly Zero Energy Building), progettato dall’Arch. Piccin – Studio QuattroPiulab, che permette di avere un edificio in Classe A4. L’edificio è altresì messo a disposizione delle scuole, con dei laboratori di lingue, e alla popolazione di Cimadolmo.
 
“A fronte di questo importante risultato il prossimo 9 maggio organizzeremo un incontro pubblico, in collaborazione con il GSE e lo I.E.S.T. (Istituto europeo per lo sviluppo tecnologico), per presentare gli aspetti più tecnici”, ha dichiarato la vicesindaca Chiara Lovat.

Articoli correlati
TrevisoZero Branco

Carabinieri, le ultime attività in provincia di Treviso

1 minuti di lettura
I Carabinieri della Stazione di Zero Branco hanno denunciato per porto d’armi od oggetti atti ad offendere un 28enne originario del Burkina…
IntervisteSlide-mainSpeciale Peregrinatio Beati Rosarii LivatinoVideo

L'emozione del Dott. Alfredo Robledo alla vista della camicia del Beato Livatino (VIDEO)

1 minuti di lettura
Tra le tappe conclusive della Peregrinatio Livatino, la sede di Confindustria. Nel convegno dedicato alla figura del giudice Livatino dal titolo “Beato…
Tempo liberoTreviso

Carnevale, un mese di spettacoli e divertimento nei Comuni della Marca

3 minuti di lettura
Novanta tra carri allegorici e gruppi mascherati, 8.500 figuranti, 21 sfilate per altrettanti Comuni e sette eventi per famiglie, almeno 250mila spettatori attesi lungo…

RIMANI SEMPRE AGGIORNATO SULLE ULTIME NEWS
ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER!

Newletter Il Nuovo Terraglio