CiboFood & LifestyleMondoSaluteSlide-main

Giornata mondiale del Cioccolato: una delizia senza tempo

5 minuti di lettura

Il 7 luglio 2024, gli appassionati di cioccolato di tutto il mondo si uniscono per festeggiare la Giornata Mondiale del Cioccolato, un evento ricco di storia, tradizione e innovazione culinaria

La Giornata Mondiale del Cioccolato, celebrata ogni anno il 7 luglio, è un’occasione per onorare la lunga e affascinante storia di questo amato alimento. La prima edizione della celebrazione risale al 2009 e commemora l’introduzione del cioccolato in Europa nel 1550. La scelta della data, il 7 luglio, è probabilmente un omaggio a Joseph Fry, l’inventore delle tavolette di cioccolato nel 1847, che trasformò il cioccolato in deliziose barrette facilmente consumabili.

Storia del cioccolato

Per comprendere appieno l’importanza del cioccolato, bisogna risalire alle antiche civiltà precolombiane dei Maya e degli Aztechi. Questi popoli usavano le fave di cacao, chiamate “cacahuat”, per preparare una bevanda chiamata “xocolatl”, arricchita con peperoncino, anice, cannella e altre spezie. Questa bevanda sacra era offerta agli dei per ringraziarli di nascite e altri eventi felici e usata nei rituali della pubertà.

Gli Aztechi attribuivano un grande valore alle fave di cacao, utilizzandole come moneta di scambio. Fu così che Cristoforo Colombo scoprì questo seme prezioso il 30 luglio 1502, quando gli venne offerto dagli Aztechi in cambio di altri prodotti. L’importazione massiccia del cacao in Europa avvenne però solo nel Cinquecento grazie a Hernán Cortés, il conquistatore del Messico, che abbatté l’Impero azteco sottomettendo le popolazioni indigene al regno di Spagna. Gli spagnoli iniziarono a modificare la bevanda originale, aggiungendo zucchero e vaniglia per renderla più dolce. Col tempo, il cioccolato divenne una prelibatezza per le corti europee e la sua popolarità continuò a crescere.

Nel Seicento, la produzione di cacao si diffuse anche in Italia, soprattutto a Firenze e a Venezia. Nell’Ottocento, la Svizzera rivoluzionò il mondo del cioccolato inventando il cioccolato al latte, e negli anni Ottanta del Novecento, la Francia introdusse la prima collezione di cioccolato fondente.

Benefici del cioccolato

Il cioccolato non è solo delizioso, ma offre anche numerosi benefici per la salute. Secondo uno studio pubblicato nel 2021 sulla rivista Food and Chemical Toxicology, il cioccolato extra fondente può proteggere la pelle dai danni del sole grazie ai flavonoli, che aumentano la soglia minima di dose eritemica (MED), ovvero la quantità minima di raggi UVB necessaria per causare arrossamento della pelle 24 ore dopo l’esposizione. I composti bioattivi nel cioccolato fondente possono migliorare il flusso sanguigno, la densità e l’idratazione della pelle, proteggendola dai danni solari.

Inoltre, il cioccolato ha effetti positivi sulle funzioni cognitive. I flavonoli migliorano il flusso di sangue al cervello, mentre sostanze stimolanti come la teobromina e la caffeina possono migliorare nel breve termine la funzione cerebrale. Numerosi studi hanno dimostrato che il consumo di cacao o cioccolato può abbassare la pressione sanguigna e migliorare la salute cardiovascolare. I flavonoidi nel cioccolato fondente stimolano l’endotelio, il rivestimento delle arterie, a produrre ossido nitrico, che aiuta a rilassare le arterie e ridurre la pressione sanguigna.

Tuttavia, è importante consumare il cioccolato con moderazione, poiché è altamente calorico e contiene zuccheri anche nella sua forma fondente. Ma come viene prodotto il cioccolato?

Dalle fave di cacao al cioccolato: i processi di trasformazione

Dopo la raccolta, le fave di cacao vengono lasciate fermentare in vari modi a seconda del paese, come in canestri, scatole di legno o sotto foglie di banano, al riparo dalla luce. Questo processo è fondamentale per sviluppare i precursori degli aromi. Successivamente, le fave vengono essiccate al sole e sottoposte a un rigoroso controllo di qualità. In seguito, i semi di cacao vengono puliti e grossolanamente macinati con una macchina chiamata “rompi cacao”, che separa la buccia dai granelli mediante setacci. I granelli vengono poi tostati, un passaggio essenziale per liberare completamente gli aromi del cacao.

Le fave di cacao così trattate danno vita a tre principali prodotti:

  • Pasta di cacao: Il prodotto puro ottenuto dalla macinazione, decorticazione e tostatura delle fave di cacao, senza aggiunta di zucchero o latte. Si ottiene una massa morbida e oleosa con un aroma caratteristico e unico.
  • Burro di cacao: La parte più grassa della pasta di cacao. Estratto dalla macinazione delle fave tramite grosse presse, viene filtrato e purificato. Il burro di cacao, chiaro nell’aspetto, è essenziale per la scioglievolezza del cioccolato.
  • Polvere di cacao: Questo prodotto deriva dall’ulteriore macinazione dei residui delle fave di cacao dopo l’estrazione del burro. Questi residui vengono polverizzati per ottenere la classica polvere di cacao amaro.

Ogni fase della lavorazione delle fave di cacao è fondamentale per sviluppare i sapori e le texture che caratterizzano i diversi prodotti derivati dal cacao, culminando nella produzione di cioccolato di alta qualità.

Il cioccolato nel cinema, le pellicole più iconiche

Nel corso degli anni, anche il cinema ha spesso celebrato il cioccolato attraverso varie pellicole. Tra le più celebri troviamo:

Chocolat: racconta la storia di Vianne, che si trasferisce con la figlia in un piccolo paese e apre un negozio di cioccolato, dove vende la pralina perfetta per ogni cliente. Tuttavia, i conservatori del luogo cercano di ostacolarla, definendo il cioccolato “cibo del demonio”. L’arrivo dello zingaro Roux, che difende Vianne e il suo lavoro, cambia le dinamiche del villaggio.

La Fabbrica di Cioccolato: questo classico di Roald Dahl ha ispirato ben tre film. Il primo, diretto da Mel Stuart nel 1971, vede Gene Wilder come protagonista. Il secondo, diretto da Tim Burton nel 2005, ha Johnny Depp nel ruolo di Willy Wonka. La storia segue un bambino che vince un concorso per visitare la leggendaria fabbrica di cioccolato di Willy Wonka. Tra Umpa-Lumpa cantanti e fiumi di cioccolato, i partecipanti alla visita subiscono le punizioni del proprietario, ma il finale resta uno dei più dolci e commoventi della storia del cinema. Il terzo film, “Wonka” del 2023, vede il talentuoso Timothée Chalamet nei panni di un giovane Willy Wonka appena arrivato in una nuova città con il sogno di aprire una cioccolateria alle Gallerie Gourmet.

La Guerra dei Cioccolatini: basato sul romanzo di Robert Cormier, questo film racconta la vicenda di Jerry, che viene costretto a vendere scatole di cioccolatini per beneficenza da una gang nota come i Vigilanti. Il rifiuto di Jerry scatena una serie di violenze a scuola.

Lezioni di Cioccolato: diretto da Claudio Cupellini, questo film del 2007 narra la storia d’amore tra i personaggi interpretati da Luca Argentero e Violante Placido, con il cioccolato che gioca un ruolo centrale in varie scene, diventando un dolce protagonista della trama.

Festival del cioccolato in Italia

In Italia, i festival del cioccolato sono eventi molto attesi, organizzati durante l’anno in diverse città. Questi festival, come il famoso Eurochocolate a Perugia, promuovono la cultura del cioccolato artigianale e l’arte della sua lavorazione. Durante questi eventi, gli artigiani del cioccolato presentano le loro creazioni, offrendo ai visitatori un’esperienza unica e deliziosa. Eurochocolate, dal 1993, è il più grande festival europeo a tema cioccolato e attira migliaia di visitatori ogni anno.

Celebrazioni internazionali del cioccolato

Oltre al 7 luglio, ci sono molte altre date dedicate alla celebrazione del cioccolato. Negli Stati Uniti, la Giornata Nazionale del Cioccolato è il 28 ottobre, mentre il 13 settembre è riconosciuto come la Giornata Internazionale del Cioccolato dalla National Confectioners Association. In Ghana, il secondo maggior produttore di cacao al mondo, il cioccolato viene celebrato il 14 febbraio. Esistono anche feste specifiche per diversi tipi di cioccolato: la Giornata del cioccolato agrodolce il 10 gennaio, la Giornata del cioccolato al latte il 28 luglio, la Giornata del cioccolato bianco il 22 settembre e la Giornata del cioccolato ricoperto il 16 dicembre.

La Giornata Mondiale del Cioccolato è molto più di una semplice celebrazione; è un’opportunità per esplorare la ricca storia e i benefici del cioccolato, scoprire nuovi usi creativi in cucina e godere di questo delizioso alimento in tutte le sue forme. Celebrando questa giornata, onoriamo un alimento che continua a portare gioia e benessere a milioni di persone in tutto il mondo.

Crediti fotografici: https://se.pinterest.com/pin/13721973848931029/

Articoli correlati
AttualitàIntravisti per voiPrima FilaSlide-main

Matrimonio con Sorpresa

1 minuti di lettura
Matrimonio con Sorpresa è un film diretto da Julien Hervé e ci narra la storia di una coppia di fidanzati, Alice Bouvier…
ItaliaSlide-mainSportVideo

A 90 minuti da EURO2025

3 minuti di lettura
L’Italia di Soncin pareggia 0-0 in Olanda. Ora si giocherà la qualificazione diretta a Euro 2025 nell’ultima partita con la Finlandia SITTARD…
Economia&LavoroItaliaSlide-mainVeneto

Il Veneto rinforza la sua presenza in Federmeccanica

2 minuti di lettura
La recente elezione di sette rappresentanti veneti nel Consiglio Generale per il biennio 2024-2026 rafforza ulteriormente la presenza veneta in un settore…