AttualitàMondoSlide-main

Gaza, decine di bambini uccisi e feriti quotidianamente

1 minuti di lettura

“La Striscia di Gaza è il luogo più pericoloso al mondo per essere un bambino. Secondo le notizie, decine di bambini vengono uccisi e feriti quotidianamente. Interi quartieri, dove i bambini giocavano e andavano a scuola, sono stati trasformati in cumuli di macerie, senza vita”, è la dichiarazione di Adele Khodr, Direttrice regionale dell’UNICEF per il Medio Oriente e il Nord Africa.

GAZA – “L’UNICEF e altri attori umanitari hanno lanciato l’allarme per settimane. Il nostro team sul campo descrive di aver incontrato bambini senza arti e ustioni di terzo grado, e di averli visti sotto shock a causa della continua violenza che li circonda.

Quasi un milione di minori sono stati sfollati con la forza dalle loro case. Ora vengono spinti sempre più a sud in aree minuscole e sovraffollate, senza acqua, cibo o protezione, esponendoli a un rischio maggiore di infezioni respiratorie e malattie trasmesse dall’acqua. Le loro vite sono ulteriormente minacciate da disidratazione, malnutrizione e malattie. 

Le restrizioni e le sfide poste alla consegna degli aiuti salvavita che entrano e attraversano la Striscia di Gaza sono un’altra condanna a morte per i bambini. Le quantità in arrivo non sono affatto adeguate rispetto al livello di necessità e la distribuzione degli aiuti è diventata una sfida sempre più ardua a causa dei bombardamenti e della mancanza di carburante. Il sistema umanitario sta cedendo, soprattutto sotto l’estrema pressione causata dalle misure imposte dopo la fine del cessate il fuoco, mentre la popolazione viene spinta sempre più nella disperazione.

Un cessate il fuoco umanitario immediato e duraturo è l’unico modo per porre fine all’uccisione e al ferimento dei bambini, l’unico modo per proteggere i civili e l’unico modo per consentire la consegna urgente di aiuti salvavita disperatamente necessari.

Gli aiuti umanitari devono poter entrare su larga scala per evitare ulteriori sofferenze.  L’UNICEF e le organizzazioni umanitarie devono avere accesso sicuro a tutti i bambini e alle loro famiglie ovunque si trovino nella Striscia di Gaza, anche nel nord.

Il mondo sta guardando, impotente e devastato: non possiamo agire abbastanza rapidamente. Tutto questo deve finire immediatamente”.

Articoli correlati
ItaliaSlide-mainSport

Paolo Monna oro europeo e pass olimpico

2 minuti di lettura
Paolo Monna vince l’oro europeo nella pistola ad aria compressa da 10 metri e stacca il pass olimpico per Parigi 2024. GYOR…
ArteSlide-mainVenezia

Due qui / To Hear: il Padiglione Italia alla 60ª Biennale di Venezia

3 minuti di lettura
“Due qui / To Hear” il progetto espositivo nel Padiglione Italia alla 60ª Biennale di Venezia Il mondo dell’arte contemporanea si prepara…
ArteAttualitàMestreVenezia

Mestre Lab #2

1 minuti di lettura
S’inaugura domani a Forte Marghera, il secondo evento espositivo, di un ciclo di tre, curato da Circolo Veneto e Domus Lab Mestre…