Home / Venezia  / Mestre  / Furti alla Venice Marathon: i maratoneti si presentano armati di bastoni al campo rom

Furti alla Venice Marathon: i maratoneti si presentano armati di bastoni al campo rom

Amara sorpresa per una ventina di atleti che domenica scorsa hanno gareggiato alla Venice Marathon. Al rientro dalla gara hanno trovato le loro auto e camper scassinati e ripuliti di tutto quello che avevano lasciato all’interno:

Amara sorpresa per una ventina di atleti che domenica scorsa hanno gareggiato alla Venice Marathon.

Al rientro dalla gara hanno trovato le loro auto e camper scassinati e ripuliti di tutto quello che avevano lasciato all’interno: soldi, documenti, telefoni e qualche oggetto prezioso.

 

Uno degli atleti, tramite un altro dispositivo, ha attivato l’App “Trova il mio iPhone”, individuando immediatamente la posizione del suo telefono. I venti atleti, provenienti dall’est Europa e per nulla intimoriti, si sono armati di bastoni per riavere i loro beni. Seguendo le indicazioni del GPS si sono ritrovati di fronte al campo rom in via del Granoturco.

 

Il clima si è subito surriscaldato e i residenti della zona, mentre assistevano a ciò che stava accadendo, hanno chiamato le forze dell’ordine. Gli uomini della Polizia di Stato, intervenuti con tre volanti, e i carabinieri con due pattuglie, si sono frapposti tra i runners e gli abitanti del campo rom, evitando una maxi rissa.

 

Alla fine il telefono, solo quello, è stato recuperato e gli atleti non hanno potuto far altro che denunciare i furti subiti nel park San Giuliano e rientrare.

 

Uno dei residenti al campo rom è stato denunciato per ricettazione del cellulare rubato.

 

Non è la prima volta che auto e camper parcheggiati nei pressi del parco San Giuliano sono ripuliti e la refurtiva viene ritrovata al campo rom.

 

Fonte: La Nuova Venezia

Commenta la news

commenti

RIMANI SEMPRE AGGIORNATO SULLE ULTIME NEWS
ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER!

Notizie da Venezia, Treviso, Mogliano e dintorni