AnimaliSlide-main

Freddo alle porte: come proteggere i nostri pet?

2 minuti di lettura

Dopo le temperature miti autunnali di quest’anno, finalmente sono arrivati i primi freddi della stagione. Nel prepararsi all’inverno, non possiamo dimenticarci dei nostri pet: a cosa dobbiamo prestare più attenzione e quali accortezze è bene adottare per proteggerli dal freddo?

È importante fare attenzione agli sbalzi di temperatura: aria fredda, umidità dell’erba, brina o ghiaccio possono causare infiammazioni delle alte vie respiratorie, come laringiti e tracheiti, che possono anche trasformarsi in patologie delle basse vie, come le bronchiti” risponde Martina Asti, Regional Medical Partner di AniCura Italia. “Se il pet presenta eccessi di tosse, è bene evitare parchi affollati con altri cani o aree di sgambamento, perché potrebbe soffrire di tracheite infettiva o tosse dei canili, facilmente trasmissibile ad altri cani. In questi casi, una visita dal medico veterinario di fiducia è consigliata per assicurarsi che sia solo un problema transitorio”.

8 consigli per proteggere il proprio pet in inverno

  1. Alimentazione adeguata – A causa delle basse temperature, l’organismo impegna più energia per riscaldarsi, pertanto il fabbisogno giornaliero tende ad aumentare: ecco perché in questo periodo i pet sono più affamati del solito. Per supportare le necessità di termoregolazione, è importante somministrare cibi che abbiano un adeguato apporto calorico ed energetico.
  2. Aqua fresca in una ciotola idonea – Ricordatevi di fornire sempre acqua fresca al pet. Se vive in giardino, verificate che l’acqua non si ghiacci, preferendo l’utilizzo di ciotole in plastica anziché di metallo.
  3. Cuccia confortevole – In particolare per i pet che vivono all’esterno è consigliabile allestire una cuccia che possa tenerli al riparo dal freddo. Sollevate la cuccia da terra, isolatela all’interno, ad esempio con del polistirolo, posizionatela in luoghi non esposti a pioggia o correnti d’aria. Potete renderla accogliente ricoprendo l’interno con coperte che dovranno essere pulite regolarmente.
  4. Uscite nelle ore più calde – Se il vostro pet è abituato a vivere in casa, cercate di garantirgli l’accesso al giardino nelle ore più calde della giornata, così da potergli far godere di un po’ di tepore e relax al sole.
  5. Asciugate il pelo quando si bagna – In caso di pioggia, asciugate il più possibile il mantello del vostro animale, con un asciugamano o con l’asciugacapelli, per evitare che il pelo rimanga bagnato e il nostro amico percepisca una sensazione persistente di freddo. Ricordatevi anche delle orecchie, specie se avete Cocker o Bassethound!
  6. Usate impermeabili e cappottini – Se portate il vostro pet a fare la sgambatura quotidiana in caso di pioggia e temporale, ricorrete all’utilizzo dell’impermeabile: sarà più facile asciugarlo al rientro a casa. Per rendere meno traumatico il passaggio dal tepore casalingo al freddo fuori casa, soprattutto per quelle razze di cani e gatti di piccole dimensioni, cuccioli e/o a pelo corto, raso o senza pelo, è consigliabile usare il cappottino o il pile.
  7. Proteggete i cuscinetti plantari – In caso di ghiaccio e neve, i cuscinetti plantari dei pet sono da proteggere perché sono a rischio di ustione da congelamento. Si possono utilizzare delle scarpette apposite o delle pomate idrorepellenti da spalmare sui cuscinetti e negli spazi interdigitali prima di uscire. Se portate il vostro cane con voi sulla neve, tenetelo al guinzaglio: il rischio di perdersi è molto alto perché può non sentire le tracce coperte dalla neve per trovare la strada del ritorno.
  8. Non dimentichiamoci dei pet anziani – Gli animali anziani hanno bisogno di maggiori attenzioni in questo periodo: essendo più letargici, svolgono meno attività durante il giorno e tendono a subire di più le basse temperature; pertanto, è bene garantire loro una cuccia morbida e dotata di pile o copertine sotto le quali si possano rifugiare. Se soffrono di artrosi o osteoartrite, fatevi consigliare dal vostro medico veterinario di fiducia possibili integratori da assumere o protocolli terapeutici antidolorifici da effettuare per ridurre il dolore/fastidio.
Articoli correlati
Italia MondoNewsSlide-mainSport

Le nobili decadute del calcio mondiale

2 minuti di lettura
Belgio, Germania, Uruguay e Serbia. Quattro esclusioni eccellenti. I verdetti dei gironi in questi campionati Mondiali di calcio ci hanno regalato delle…
CulturaSlide-mainSocialeVenezia

Nasce a Dolo la biblioteca inclusiva, prima esperienza a livello regionale

2 minuti di lettura
In occasione della Giornata Internazionale deIle Persone con Disabilità istituita ufficialmente dall’ONU nel 1992 e celebrata ogni anno il 3 dicembre, è…
LavoroSlide-mainSociale

Giornata internazionale delle persone con disabilità: con la macchina a trazione elettrica di CREA e Inail l’agricoltura è accessibile

2 minuti di lettura
Il progetto di ricerca del prototipo Libera 2 è nato con l’obiettivo di permettere anche a chi non può usare gli arti inferiori…

RIMANI SEMPRE AGGIORNATO SULLE ULTIME NEWS
ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER!

Newletter Il Nuovo Terraglio