Home / Cultura  / Narrazione  / Finta carica

Finta carica

Jim, un sessantenne ex marine, si trovava nel nord dell’Arizona a Tonto National Forrest a campeggiare per un fine settimana. Se ne è andato da solo, con l’intento di stare un po’ di pace dallo

Jim, un sessantenne ex marine, si trovava nel nord dell’Arizona a Tonto National Forrest a campeggiare per un fine settimana. Se ne è andato da solo, con l’intento di stare un po’ di pace dallo stress quotidiano della vita moderna. Era l’ultimo giorno quando, uscendo dalla tenda, ha notato a solo una cinquantina di metri da lui due orsi: si stavano divorando un enorme alce. Ha fatto un sospiro di sollievo quando uno se ne è andato. Peccato che l’altro non solo sia rimasto, ma lo abbia anche notato. Per chi frequenta i boschi abitualmente come Jim sa che gli orsi sono soliti compiere una “finta carica”: corrono verso di te e cercano semplicemente di farti scappare. Così, quando l’orso ha iniziato a correre verso di lui, nonostante il cuore a mille, Jim è rimasto calmo, fermo a tenergli testa nella sua postazione. Peccato che non fosse una finta carica. Quando Jim ha capito che avrebbe potuto fare la fine dell’alce si è lanciato a prendere lo spray al pepe. È riuscito a fare cambiare idea all’orso quando questo era solo a un metro da lui, e se ne è uscito con un graffio soltanto. Poi con calma ha levato le tende e ha deciso che era ora di tornare, felicemente, allo stress quotidiano della vita moderna.

 

 

Per avere un’idea di che cosa sia una “finta carica” (“fake charge” in inglese): https://www.youtube.com/watch?v=eK0pO79YkvY

Commenta la news

commenti

RIMANI SEMPRE AGGIORNATO SULLE ULTIME NEWS
ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER!

Notizie da Venezia, Treviso, Mogliano e dintorni