CulturaIstruzioneMarca TrevigianaMusicaTempo libero

Grande successo per il Festival Cultura Liberata

2 minuti di lettura

Festival Cultura Liberata: se l’anno scorso i ragazzi dell’organizzazione avevano stupito, quest’anno hanno lasciato tutti a bocca aperta

CONEGLIANO (TV) – Nella giornata di domenica 16 giugno moltissima gente ha riempito le sale del centro storico di Conegliano per il Festival Cultura Liberata, fin dalla mattina.


Apertura di giornata

In apertura della giornata conclusiva si è tenuta la conferenza di Sabino Pavone con quasi tutta la sala di palazzo Sarcinelli colma. A seguire, la Messa alle ore 10:00 celebrata da sua Eccellenza Giampaolo Crepaldi, vescovo emerito di Trieste. Lo psicologo Marco Crepaldi ha poi affascinato la platea sull’argomento Hikikomori, fenomeno sociale in crescita anche in Italia che colpisce soprattutto i giovani e li porta all’isolamento sociale.


Giovani e potere delle parole

Il vero exploit è avvenuto nel pomeriggio: da Ilaria Bifarini e la storia di vita da “ex-bocconiana redenta”, alla professoressa di storia e filosofia del “Da Collo”, Novella Varisco, con il professor Roberto Bonuglia, che hanno parlato del potere delle parole e le istruzioni per l’uso su come dovrebbero essere utilizzate.

L’evento a seguire ha destato quasi ancora più scalpore, vedendo partecipi la professoressa Elisabetta Frezza e Suor Anna Monia Alfieri, volto noto televisivo, che hanno parlato di educazione ed esempi da dare ai giovani. Nel tardo pomeriggio come già lo scorso anno, Don Roberto Bischer, parrocco del Duomo, San Rocco e Costa di Conegliano e Matteo Rizzato, psicologo e ricercatore in neuroscienze, hanno lasciato il pubblico incantato spiegando “ Che cos’è la solitudine?” sia dal punto di vista della fede che della scienza.


Una conclusione esplosiva

A seguire forse il volto più atteso, insieme a Luca Ricolfi e Marcello Foa, Francesco Borgonovo, non ha deluso le aspettative e con il suo umorismo cinico, che ha intrattenuto il pubblico facendolo sorridere senza mai cadere nel banale, riflettendo su quanto è importante fare attenzione alla tecnica e al consumismo. Dopo Francesco Borgonovo, un bellissimo intervento di Eugenio Andreatta, per la presentazione del Meeting di Rimini e della collaborazione con il Festival cultura liberata, ha accompagnato alla conclusione.

Il gran finale si è tenuto in una animata piazza alle 21:30, con i Vertical Smile, una nota band musicale della zona, che ha fatto divertire e ballare tutti i presenti nel centro storico di Conegliano. La serata è stata indimenticabile e ha riempito la città di energia e allegria come non succedeva da tempo.


Il grandissimo successo ottenuto

Il titolo dell’evento – “L’economia della solitudine” – ha guidato e ispirato tutti gli eventi dal venerdì alla domenica sera, offrendo al pubblico un viaggio culturale intorno a un tema così poco conosciuto ma affascinante.

La collaborazione e l’impegno di tutti i partecipanti hanno reso questa esperienza unica e memorabile, dimostrando come la cultura e la musica possono unire le persone e creare momenti indimenticabili. Un applauso a tutti coloro che hanno reso possibile tutto questo, rendendo Conegliano un luogo di celebrazione e condivisione culturale.

Tantissimi sono stati i complimenti ai giovani che hanno organizzato questo Festival, in particolare al presidente dell’associazione Alberto Gava per avere coordinato e amalgamato una bellissima squadra che fa ben sperare per il futuro.

Articoli correlati
AttualitàCulturaItaliaSlide-main

Capitale della Cultura 2027: sfida aperta

1 minuti di lettura
Ventidue città italiane si contendono il prestigioso titolo di Capitale italiana della Cultura 2027, pronte a mostrare il meglio della loro eredità…
Città Metropolitana di VeneziaMarca TrevigianaNewsSlide-main

Il Piave consegna il corpo di un uomo

1 minuti di lettura
Rinvenuto oggi il cadavere di un uomo che galleggiava nelle acque del fiume, nel comune di San Donà di Piave, in provincia…
CulturaItaliaSlide-main

Il giardino segreto di Villa Borghese torna a fiorire

1 minuti di lettura
A Roma, il giardino segreto di Villa Borghese, nei giorni scorsi, è stato riaperto al pubblico dopo molti anni di abbandono e…