AmbienteMoglianoSlide-main

Emergenza smog rientrata: a Mogliano scatta l’ordinanza preventiva

2 minuti di lettura

In seguito alla perturbazione di domenica la qualità dell’aria a Mogliano e in tutto l’agglomerato di Treviso è tornata ad essere di buona qualità. Le concentrazioni di PM 10, le famigerate polveri sottili, sono scese al di sotto della soglia prevista dalla legge. Le previsioni meteorologiche anche per domani sono favorevoli alla dispersione degli inquinanti e di conseguenza è previsto il rientro al livello verde con effetto a partire da domani (martedì 24 ottobre).

 

“Tuttavia siccome è purtroppo prevedibile che l’ allarme smog torni a ripresentarsi, siamo corsi preventivamente ai ripari con un’ordinanza che mira a limitare le emissioni in atmosfera e che rimarranno in vigore fino al prossimo aprile”, ha annunciato il Sindaco di Mogliano Carola Arena.

“E’ ormai noto a tutti che la pianura padano-veneta è una delle aree più inquinate d’Europa. Le sue caratteristiche antropiche, orografiche e meteoclimatiche, con scarsità di venti e inversione termica, favoriscono la formazione e l’accumulo nell’atmosfera d’inquinanti nocivi alla salute. Trasporti e riscaldamento domestico sono le fonti principali delle emissioni, in particolare la combustione della legna e del gasolio”, sottolinea l’assessore Oscar Mancini.

 

Sotto la spinta dell’Unione Europea, che ha aperto una procedura d’infrazione, le Regioni del Bacino Padano hanno cominciato finalmente ad adottare primi provvedimenti demandando ai comuni il compito di assumere misure strutturali e misure emergenziali, che il Comune di Mogliano Veneto ha adottato.

“Fin dal 2015 abbiamo adottato il PAES, il Piano d’Azione per l’Energia Sostenibile e numerose sono iniziative strutturali”, sostiene l’Assessore all’ambiente Osacr Mancini.

 

Il Comune investe importanti risorse per la produzione energetica da fonti rinnovabili e per l’efficientamento energetico di edifici e impianti pubblici; incentiva il cambio delle caldaie domestiche e la mobilità dolce, realizzando piste ciclabili e il Pedibus; punta sulla raccolta differenziata, anche al fine di sottrarre agli inceneritori che avvelenano l’aria tonnellate di materiali riciclabili; promuove un’agricoltura sostenibile a basso uso di prodotti fitosanitari di sintesi. Promuove buone pratiche e fornisce consulenze ai cittadini: una casa efficiente non disperde calore, quindi riduce le emissioni e la bolletta energetica.

Si aggiungono ora misure emergenziali e il Comune, coordinandosi con gli altri comuni dell’ “Agglomerato di Treviso” ha emesso l’ordinanza antismog valida fino al 30 aprile 2018 che in estrema sintesi prevede:
1) Il divieto di circolazione delle auto e moto più inquinanti (Euro 0, Euro 1, Euro 2) dal da lunedì a venerdì dalle 8,30 alle 12,30 dalle 14,30 alle 18,30 ed a valere dalla data di apposizione dell’apposita segnaletica stradale, eccetto dal 18 dicembre 2017 al 5 gennaio 2018. Naturalmente sono esclusi dal divieto gli autoveicoli alimentati a metano o gpl e veicoli che assolvono a un ruolo di pubblico servizio, elettrici o ibridi purchè funzionanti a motore elettrico, car pooling.
2) l’abbassamento delle temperature negli edifici di abitazione a 20 gradi e a 18 per quelli adibiti ad attività produttive.
3) Il divieto di utilizzare apparecchi di riscaldamento a biomassa legnosa con rendimento inferiore al 63% nel caso siano presenti altri impianti alimentati con combustibili ammessi (ad esempio metano);
4) Il divieto di combustioni all’aperto;
5) La regolamentazione dei falò e dei Panevin (uno per quartiere e della dimensione massima di 2 metri di base per 2 metri di altezza.

Articoli correlati
Scelti per voi: libriSlide-main

Con gli occhi di un artista

1 minuti di lettura
Ogni persona è unica, così come il suo modo di guardare, al mondo non esistono due artisti uguali. Edito da 24 ORE…
Italia MondoScelti per voi: filmSlide-main

Donato Bilancia, il docufilm sul serial killer più prolifico della nostra storia criminale

5 minuti di lettura
Donato Bilancia è il serial killer che nella nostra storia criminale ha accatastato più cadaveri lungo la sua traiettoria, 17 vittime: 9…
AmbienteEconomiaItalia MondoPoliticaSlide-main

Il ministero del Mare sia guida di tutto il sistema, serve una nuova visione

4 minuti di lettura
Lo dice il professore avvocato Alessandro Botti, presidente di Ambiente Mare Italia-Ami. “Il Mare rappresenta la risorsa italiana più importante, sia da…

    RIMANI SEMPRE AGGIORNATO SULLE ULTIME NEWS
    ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER!