Slide-mainTreviso

È trevigiano il vincitore della categoria digitale dell’Oscar Green Veneto

2 minuti di lettura

Si tratta di Guido Manera di Castelfranco veneto con la sua App che cura il vigneto

E’ il progetto di un giovane imprenditore agricolo trevigiano ad essersi aggiudicata, nel tardo pomeriggio di ieri, la Categoria Digitale dell’Oscar Green Veneto. Si tratta di Giacomo Manera di Castelfranco Veneto che è risultato tra i 7 premiati su oltre 80 candidati. Ha vinto la sua categoia grazie ad una App che cura il vigneto.   Le finali si sono svolte oggi pomeriggio a Villa Godi Malinverni –  prima dimora progettata dall’architetto Palladio – a Lugo di Vicenza nell’ultimo atto che ha decretato i vincitori suddivisi in sei categorie: Campagna Amica, Impresa 5.Terra, Creatività, Fare Rete, Noi per il sociale, Sostenibilità.  La consegna dei premi è stata anticipata da un talk show moderato dalla giornalista Nicoletta Masetto sul tema: ”Il valore del bene terra nella transizione ecologica”.  “Suolo agricolo, una questione strategica – ha sottolineato Alex Vantini leader degli under 30 di Coldiretti Veneto – confermando che in sala, solo in questa occasione, ottanta candidati con una media di 20 ettari aziendali ne presidiano, almeno, 1600 circa”.

Con la petizione “Sì all’energia rinnovabile senza consumo di suolo agricolo” i giovani agricoltori di Coldiretti propongono che le Regioni e gli enti locali identifichino nelle aree da bonificare nei fondi abbandonati, nelle zone industrialli obsolete e sui tetti delle strutture produttive anche rurali, il luogo idoneo all’installazione di pannelli solari per la corretta produzione di energia da fonti rinnovabili.

Dei vincitori veneti due andranno alle finali dell’Oscar green nazionale. Si tratta della rodigina Giulia Caniato, primatista veneta della categoria Campagna Amica con il progetto Teatro Equestre e le vicentine Elisa Bevilacqua e Paola Campanaro per la categoria Fare rete con il progetto “Nutrimente, l’orto del benessere”.

L’APP CHE CURA IL VIGNETO DI GIACOMO MANERA

L’intelligenza artificiale applicata alla cura delle viti. L’idea è del trevigiano Giacomo Manera che ha inventato una app in grado di riconoscere le malattie funginee del vigneto. Sensibilità e alta tecnologia permettono di riconoscere già dalle  prime fasi di manifestazione degli attacchi quando sono ancora in grado di essere recuperate. Lo strumento funziona  in maniera propria, non richiede una connessione internet (utile in zone con poca copertura) permette un rapido riscontro dei risultati e può essere condiviso in tutti i dispositivi che sono in grado di gestire modelli di intelligenza artificiale. Comporta benefici di tempistiche di lavori in campo e quindi una rapida risposta a possibili problemi, utile per tutti i tipi di agricoltori, poichè sono disponibili più tipologie in base al tipo di coltivazione.

Articoli correlati
CasierSlide-main

Casier. In RSA il saluto del Sindaco Carraretto e la benedizione di Padre Adriano Farvin

1 minuti di lettura
A Casa Mia Casier presenti alla funzione anche l’assessore Leonella Mestriner e l’assistente sociale Patrizia Gottardi E’ stata una mattina importante per…
MestreSlide-mainVenezia

A Mestre 10. edizione del Forum nazionale “La Polizia locale e l’educazione stradale”

1 minuti di lettura
Insegnare ai più giovani le regole della circolazione ma anche educarli alla legalità: con questo obiettivo da anni il Corpo della Polizia…
MestreSlide-mainVenezia

Settimana Europea dell'Energia Sostenibile

3 minuti di lettura
La Settimana europea dell’energia sostenibile si terrà da lunedì 25 a venerdì 29 ottobre. Le prime tre giornate di convegni saranno allo…

    RIMANI SEMPRE AGGIORNATO SULLE ULTIME NEWS
    ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER!