Continuiamo con la pubblicazione a puntate del libro scritto dal nostro concittadino, Nuccio Sapuppo. In questa raccolta l’autore ha voluto raccontare – in forma di monografie – luoghi, avvenimenti e personaggi figli di Mogliano che si sono distinti per le opere che hanno compiuto nella loro vita

 

Prima di cominciare la carrellata dei Sindaci di Mogliano sento il bisogno di fare anche l’elenco di alcune persone che pur non sono mai arrivate a ricoprire la carica di Sindaco, però hanno dedicato parecchi anni del loro tempo libero alla politica, trascorrendo serate e giorni interi tra i banchi del Consiglio Comunale ed il “Palazzo” collaborando attivamente alle scelte politiche fatte nel passato a beneficio dei cittadini moglianesi.

 

Dott. Stelio Cocconcelli

 Il Dottor Stelio Cocconcelli è stato un emerito Consigliere Comunale per Mogliano, oltre che un ottimo dentista. Venne eletto regolarmente per diverse legislature nelle liste del P.R.I.
Rifiutò cariche politiche perché troppo impegnato con la sua professione che svolse per tutta la vita scrupolosamente ed in maniera efficace.

 

Appassionato di corse in macchina, partecipò per diverse edizioni alla Trento-Bondone con la partenza da Trento e l’arrivo sulla cima del monte Bondone ed a quella che si svolgeva sul Cansiglio partendo da Vittorio Veneto.

 

Questa passione lo ha mortificato pesantemente, perché a bordo di macchine di grossa cilindrata, che lui teneva sempre a casa di sua proprietà, ha perso ben due figli, uno sul ponte della Libertà a Venezia e l’altro sul Terraglio nella curva così detta del Baron Bianchi.

 

Dopo tali circostanze, che avvennero a poca distanza l’una dall’altra, il buon senso gli suggerì di smettere di gareggiare con la macchina, portandosi nel cuore un grosso dolore per la perdita dei suoi due ragazzi.

 

Oltre che affabile fuori dei modi, il Dr. Cocconcelli era anche di gran cuore e caritatevole con lo spirito di un religioso. A chi aveva problemi economici e viveva nell’indigenza riparava i denti guasti completamente gratis.

 

Aveva spiccato il senso dell’umorismo. Oltre che auto ironizzarsi spesso in presenza dei suoi amici, sapeva anche raccontare le barzellette che fra l’altro adoperava come segreto per tenere distratti i suoi clienti durante la riparazione dei denti.

Questo giornale è gratuito ma, se vuoi, puoi sostenerlo donando un piccolo contributo di 1 euro al mese, impostando un pagamento periodico a questo link.

Commenta la news

commenti

Ultima modifica il 22 Aprile 2021 12:18

Redazione Il Nuovo Terraglio

Leave a Comment
Condividi
Pubblicato da
Redazione Il Nuovo Terraglio

Articoli Recenti

“Un nuovo progetto per la spiaggia di Eraclea”. Regione partecipa alla presentazione

  TURISMO. CALZAVARA E CANER PARTECIPANO ALLA PRESENTAZIONE DEL PROGETTO “UN NUOVO RESPIRO NELLA SPIAGGIA…

% giorni fa

Chiuso per 30 giorni immobile in via Felisati luogo di degrado e rischio pandemico

Il sindaco firma l'ordinanza per chiudere per 30 giorni un immobile in via Felisati diventato…

% giorni fa

Al via ‘A maggio mi Affido’, campagna di sensibilizzazione sull’affido familiare

  Torna, per il quinto anno consecutivo, la campagna del Comune di Venezia per promuovere…

% giorni fa

FdI Speranzon. Iniziativa contro la violenza sulle donne a Chioggia

Iniziativa contro la violenza sulle donne a Chioggia. Speranzon: “Donne ancora discriminate al lavoro, in…

% giorni fa

La Polizia locale smantella una centrale della droga a Zelarino

La Polizia locale smantella una centrale della droga a Zelarino: tre persone arrestate, due denunciate.…

% giorni fa

Lorenzo Maria Monti espone a Palazzo Bomben della Fondazione Benetton la prima opera del progetto “Space Candy”

      L’artista trevigiano Lorenzo Maria Monti espone a Palazzo Bomben della Fondazione Benetton…

% giorni fa