JesoloSlide-mainViabilità

Danni da radici, acque meteoriche e marciapiedi: il fitto piano di interventi per migliorare le strade di Jesolo

2 minuti di lettura

L’amministrazione ha definito le opere da realizzare lungo alcune delle principali strade della città, cantieri al via entro l’anno. Via Roma Destra, installato il cordolo per la ciclabile.

L’amministrazione comunale ha definito il programma di manutenzione e di asfaltatura di alcune delle strade più utilizzate di Jesolo. Gli interventi previsti con il progetto consistono nella sistemazione del manto d’usura, di parti di marciapiede, di parti di cunetta, poi nell’eliminazione di dissesti dovuti alla presenza di radici di pino marittimo a lato delle strade, nella realizzazione di nuove reti di smaltimento delle acque meteoriche nei tratti mancanti e di nuovi marciapiedi in continuità agli esistenti.

Tra le strade oggetto di intervento vi è via Danimarca, nel tratto che va dall’incrocio con via Correr all’immissione nella rotatoria di via Martin Luther King. La strada presenta, infatti, alcuni avvallamenti dovuti al cedimento per i carichi circolanti, con alcune porzioni degradate a causa della normale usura del manto. I lavori si concentreranno anche lungo via Ca’ Gamba, tra l’incrocio con la Provinciale 42 a via Goldoni, segnata da imperfezioni e rotture. Altri importanti interventi riguarderanno via Fornaci, dove il tappeto risulta degradato in conseguenza a una serie di lavori relativi ai sottoservizi, poi via Nazario Sauro, nel tratto tra piazza I Maggio e il ponte Spano, via Martin Luther King, in particolare lungo la corsia lato nord della carreggiata sud, via Oriani, nel tratto compreso tra via Vicenza al mare, e infine via Borgonuovo.

Nei giorni scorsi, nel frattempo, è stato realizzato un primo intervento di messa in sicurezza del tratto di pista ciclabile che affianca l’ansa del fiume Sile lungo via Roma Destra, attraverso l’installazione di un cordolo di delimitazione stradale in gomma con paletti di 10 centimetri.

“Gli interventi calendarizzati non sono più derogabili. Ne va della sicurezza degli automobilisti, dei pedoni e di tutti gli utenti della strada nonché del rispetto per i residenti, senza considerare che una strada o un marciapiede dissestato non sono certo un bel biglietto da visita per la nostra città – dichiarano il sindaco della Città di Jesolo, Christofer De Zotti, e l’assessore ai lavori pubblici, Alessandro Perazzolo. Per quanto riguarda il cordolo di delimitazione installato in via Roma Destra per dividere la ciclabile dalla carreggiata, lo abbiamo ritenuto indispensabile in questa fase per garantire la sicurezza degli utenti della strada dato che quel tratto è utilizzato da biciclette ma anche pedoni. Resta comunque obiettivo primario di questo mandato, la realizzazione della pista ciclopedonale a sbalzo lungo l’argine, da via Riviera Sile al ponte rosso”.

Articoli correlati
ArteItalia MondoSlide-main

Natura morta di Morandi venduta all'asta per 3,4 milioni: è record assoluto per un'opera italiana

2 minuti di lettura
Per aggiudicarsi il dipinto 15 minuti di rilanci via telefono partiti dalla cifra di 700mila euro. La Contemporary Art Evening Auction di…
CryptoDigitalSlide-main

L'sola di Tuvalu si sta ricreando nel Metaverso mentre il cambiamento climatico rischia di cancellarla dalla mappa

2 minuti di lettura
La nazione insulare del Pacifico di Tuvalu è stata a lungo una causa celebre per i rischi sul cambiamento climatico. Situata quasi…
AttualitàItalia MondoSlide-main

Frana a Ischia. Morta una donna, 11 dispersi

3 minuti di lettura
“Al momento c’è un decesso accertato”, quello di una donna, “i dispersi sono 11. Gli sfollati circa 130. Entro stasera saranno sistemati…

RIMANI SEMPRE AGGIORNATO SULLE ULTIME NEWS
ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER!

Newletter Il Nuovo Terraglio