RegioneSlide-mainTempo liberoTurismo

Dal Veneto lungo La Via Francisca del Lucomagno

2 minuti di lettura

Lungo la Via Francisca del Lucomagno: l’esperienza di un gruppo di pellegrini provenienti da Veneto e Lombardia che, partiti da Lavena Ponte Tresa (VA), si soffermeranno sui laghi, fiumi, canali e torrenti che caratterizzano i 135 km del cammino dalla Svizzera a Pavia.

 

Due fiumi, quattro laghi, altrettanti canali e un’infinità di torrenti. La Via Francisca del Lucomagno è interamente accompagnata dall’acqua nei suoi 135 km che da Lavena Ponte Tresa al confine con la Svizzera portano a Pavia, sulla tomba di Sant’Agostino nella basilica di San Pietro in Ciel d’Oro. Ed è dedicata all’acqua l’esperienza che un gruppo di pellegrini provenienti dal Veneto e dalla Lombardia sta facendo. Partiti domenica 4 luglio dalle rive del lago Ceresio, arriveranno al Ticino, al ponte coperto di Pavia, domenica 11 luglio. Nel mezzo le otto tappe del cammino, dove l’acqua è sempre protagonista e testimone della storia e dello sviluppo di un territorio. Acqua che ha alimentato l’insediamento di popoli antichissimi e nel tempo ha dato impulso allo sviluppo industriale, ma che è stata spesso maltrattata e adesso sta tornando a essere pulita grazie agli sforzi di Alfa, la società che gestisce il Servizio idrico integrato in provincia di Varese.

 

La Via Francisca si apre sullo specchio d’acqua che si insinua tra Italia e Svizzera e che assume il nome di Ceresio o Lugano a seconda del lato da cui lo si guarda. Prosegue a Cadegliano Viconago nel parco dell’Argentera, dove il torrente Dovrana ha dato vita a un sistema di mulini che secoli fa permetteva di produrre la farina di castagne. Oggi questi mulini sono affrescati all’esterno e rappresentano un elemento di grande suggestione. Passa dai piccoli laghi di Ghirla (balneabile) e di Ganna con la sua torbiera. Quindi costeggia le sorgenti del fiume Olona per approdare a Varese dove l’omonimo lago ospita il più antico sito palafitticolo dell’arco alpino. Si immerge nella Valle Olona, dove la presenza di molte industrie per anni ha inquinato il fiume, passando dall’approdo dei Calimali, un luogo incantato gestito dall’omonima associazione che sorge tra l’Olona e gli stagni didattici.

 

Ancora acqua, passando sopra il canale Villoresi, opera idraulica che collega il Ticino all’Adda e che fu costruito più di 130 anni fa per portare acqua ai campi della provincia milanese. L’ultimo tratto della Via Francisca del Lucomagno si snoda dapprima lungo il Naviglio Grande, opera che porta acqua alla Darsena di Milano e rappresenta il canale più importante del sistema navigli reso navigabile da Leonardo da Vinci; quindi passa lungo il Canale Ticinetto, costruito nel XII secolo con scopi difensivi, e il Naviglio di Bereguardo. Sono opere che consentirono non solo di alimentare una fitta rete di irrigazione, ma anche di collegare commercialmente Milano con il Po. L’ultimo passaggio è il Ticino, il secondo fiume italiano per portata d’acqua, che viene costeggiato nell’ottava tappa fino al ponte coperto di Pavia.

Articoli correlati
Slide-mainVenezia

San Donà di Piave. Si presenta dai Carabinieri per denunciare lo smarrimento del documento d’identità. Arrestato.

1 minuti di lettura
Nella serata di ieri, presso la caserma dei Carabinieri di San Donà di Piave (VE), si è presentato un uomo, 32enne di…
ArtePreganziolSlide-main

Preganziol. Elle Galleria d'arte. Aperte iscrizioni per quarta Fiera del Miniquadro

1 minuti di lettura
Sono aperte le iscrizioni per la 4a edizione della Fiera del Miniquadro con la partecipazione straordinaria del prof Giorgio Grasso Dopo lo…
SileaSlide-mainTreviso

Silea. Il Comune sostiene i pomeriggi attivi al Parco dei Moreri

1 minuti di lettura
Nuova proposta di socializzazione, rivolta alla fascia “adulta” del territorio Silea (TV), 22 ottobre 2021 – L’Amministrazione Comunale di Silea, in collaborazione…

    RIMANI SEMPRE AGGIORNATO SULLE ULTIME NEWS
    ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER!