Home / Economia  / Cresce il mercato libero di luce e gas, dal 2020 il via definito

Cresce il mercato libero di luce e gas, dal 2020 il via definito

Il mercato libero di luce e gas si conferma in continua espansione, in attesa del passaggio definitivo in programma nel 2020.   In attesa di questa data, nuovi competitors entrano in un settore al centro di una

Il mercato libero di luce e gas si conferma in continua espansione, in attesa del passaggio definitivo in programma nel 2020.

 

In attesa di questa data, nuovi competitors entrano in un settore al centro di una grande rivoluzione, mentre i consumatori sono chiamati a confrontarsi con il nuovo paradigma del libero mercato.

 

Gli ultimi dati, riferiti al 2018, raccolti dall’ARERA e pubblicati sul “Monitoraggio dei mercati retail 2018”, mostrano la costante crescita del numero di utenze che si spostano dal vecchio regime al nuovo mercato libero dell’energia.

 

Sono 4,3 milioni le utenze che a dicembre 2018 sono già passate al mercato libero, cifra vicina al 60%, cui vanno aggiunti 13,5 milioni di privati, cifra che rappresenta quasi il 50% delle famiglie italiane.

 

Quelli più inclini alle novità, grazie alla loro maggiore propensione ai cambiamenti, sono le nuove generazioni, con una percentuale elevata di persone dai 20 ai 40 anni che hanno già risposto presente al mercato libero.

 

Questa tendenza è favorita anche dalla maggiore facilità con cui i giovani si informano e cercano sul web le tariffe più adatte alle loro esigenze.

 

Aumentando il numero dei contratti che passano al mercato libero, aumenta anche il numero delle aziende che operano nel settore.

 

Sono ben 554 i gestori e 290 i semplici rivenditori, un numero destinato ancora a crescere anche nel settore della fornitura di gas, arrivato in un secondo momento alla liberalizzazione rispetto a quello dell’elettricità.

 

Questo regime di libero mercato permette alle aziende di entrare nel settore della vendita della luce e del gas, beni primari che in precedenza erano erogati in regime di monopolio dalle aziende nazionali.

 

Questo sistema stimola la concorrenza e l’aumento del numero e tipologia di tariffe disponibili, sempre più rivolte alle specifiche esigenze del cliente, come quelle messe a disposizione da E.ON Energia, uno dei principali operatori energetici in Italia, che si concentra nel proporre prodotti competitivi e per un utilizzo più smart e intelligente dell’energia, nel totale rispetto dell’ambiente.

 

Queste offerte proposte nel mercato libero sono vantaggiose grazie alla possibilità degli operatori di rimodulare il prezzo della componente energia, la quale rappresenta il 60% del costo complessivo che l’utente si ritrova in bolletta.

 

Tutto questo è effettuato mantenendo inalterata la continuità del servizio garantito al cliente e la qualità che è stata offerta finora dal mercato di maggior tutela.

 

L’ARERA, per facilitare gli utenti nel passaggio al mercato libero e alla conseguente scelta del proprio fornitore e tariffa, ha imposto dai rivenditori di garantire la massima chiarezza in bolletta, oltre a dover garantire un semplice e veloce passaggio tra fornitori.

 

Tutto questo consente al cliente di poter scegliere con estrema libertà e tranquillità l’offerta a lui più consona per le sue esigenze di utilizzo della componente gas o energia, un punto importante per garantire che questo mercato sia effettivamente libero e vantaggioso per tutti.

 

Il passaggio ufficiale al mercato libero è stato spostato dal Governo a luglio, tutti gli utenti hanno ancora 13 mesi per informarsi e per arrivare pronti a tale scadenza.

Commenta la news

commenti

RIMANI SEMPRE AGGIORNATO SULLE ULTIME NEWS
ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER!

Notizie da Venezia, Treviso, Mogliano e dintorni