AttualitàNewsSlide-main

Corsa alla carta igienica: come si spiega il fenomeno più strano della pandemia?

2 minuti di lettura

Durante la pandemia i supermercati sono stati presi d’assalto, e si è verificata una corsa all’approvvigionamento di beni di prima necessità come la farina, il pane e il gel igienizzante, e degli altri prodotti che usiamo quotidianamente. Durante la crisi sanitaria anche la carta igienica è andata incontro a un periodo di particolare notorietà, tanto da risultare esaurita quasi dappertutto. Ma come si spiega questa corsa alla carta igienica?


La corsa alla carta igienica

In realtà non esiste un motivo in grado di spiegare la corsa all’accaparramento della carta igienica. Lo si può comunque giustificare pensando al fatto che la carta igienica è ritenuta, da tutti, come un bene di primaria importanza. Farne a meno in bagno è impossibile, e la paura della corsa ai supermercati deve aver spinto molte persone a farne incetta, per evitare l’esaurimento scorte. Una sorta di cane che si morde la coda, perché in effetti il timore di non trovarla ha concretizzato l’esaurimento dei pacchi in brevissimo tempo. Questo spiega anche l’aumento esponenziale degli acquisti di carta igienica online, seguendo la scia di quanto accaduto presso i supermercati fisici. In realtà la carenza di carta igienica è durata poco, non più di qualche giorno, perché l’Italia è uno dei maggiori produttori al mondo, al punto che la produzione sovrasta la domanda del 50% circa (in condizioni di normalità). Un altro motivo potrebbe essere il seguente: gli italiani si sono ispirati ai video esteri, dove in effetti la carta igienica era un prodotto che scarseggiava, per via della capacità produttiva inferiore di altri stati. La corsa alla carta igienica in Italia, dunque, potrebbe essere stata stimolata dai servizi televisivi e dalle riprese presso i supermercati stranieri.


La carta igienica come simbolo di valori

Alcuni psicologi reputano la carta igienica come una specie di coperta di Linus, un bene in grado di donare sicurezza e tranquillità al consumatore. Questo per via di un fatto: quando l’abbiamo a disposizione quasi non ce ne accorgiamo, dato che la usiamo tutti i giorni e la compriamo spendendo pochi euro. Quando manca, invece, ecco che si palesa un grande disagio, perché ci si rende conto del comfort che soltanto la carta igienica può dare. Questo giustifica dunque la corsa alla carta igienica, completata da tutti gli altri fattori analizzati poco sopra. Un vero e proprio fenomeno di isteria di massa rivelatosi, in seguito, una bolla di sapone, dato che questo prodotto è tornato fra gli scaffali in pochissimo tempo, calmando la situazione.

Articoli correlati
Città Metropolitana di VeneziaMarca TrevigianaMogliano VenetoSlide-main

Confindustria Veneto Est: il Consiglio generale elegge Mirco Viotto e Loredano Grande Vicepresidenti

1 minuti di lettura
Subentrano a Vincenzo Marinese, eletto Vicepresidente di Confindustria, e a Silvia Bolla, candidata alle elezioni europee MOGLIANO VENETO (TV). Il Consiglio Generale…
CulturaItaliaSlide-main

Premio Rosa Camuna 2024 a suor Anna Monia Alfieri La prestigiosa onorificenza della Regione Lombardia

6 minuti di lettura
La libertà di scelta educativa delle famiglie e l’autorevolezza dei docenti nei confronti dei ragazzi. A sour Monia Alfieri il Premio “Rosa…
Rosso d'InvernoSlide-main

Milano, leggera

5 minuti di lettura
Benvenuti nella sezione dedicata ai racconti del Concorso Letterario Nazionale “ROSSO D’INVERNO”, giunto quest’anno alla X edizione con il tema della “Leggerezza”, ispirato…