Home / Regione  / Coronavirus e criminalità. Il pericolo di “shopping mafioso” nel turismo del Covid è da allarme rosso

Coronavirus e criminalità. Il pericolo di “shopping mafioso” nel turismo del Covid è da allarme rosso

«Era il 13 maggio. Quando ho emesso il primo comunicato nel quale lanciavo l'allarme per il possibile “shopping mafioso” ai danni delle imprese venete nel turismo, nel commercio e nella ristorazione, fiaccate dalla crisi del

«Era il 13 maggio. Quando ho emesso il primo comunicato nel quale lanciavo l’allarme per il possibile “shopping mafioso” ai danni delle imprese venete nel turismo, nel commercio e nella ristorazione, fiaccate dalla crisi del Coronavirus. Sono passati esattamente due mesi. E le cifre che arrivano dai controlli della Guardia di Finanza dimostrano che, purtroppo, i miei timori non erano infondati e che la situazione è molto seria». A dirlo è Erika Baldin, consigliera regionale veneta del Movimento 5 Stelle, riferendosi all’indagine-analisi della Guardia di Finanza sulle imprese nate in Veneto nei due mesi di pieno lockdown, dal 7 marzo al 7 maggio.

 

«Prevenire le infiltrazioni della criminalità organizzata nell’economia veneta al tempo del Covid deve diventare un argomento all’ordine del giorno, come i tamponi e le mascherine. Facciamone un impegno totalizzante, dalle istituzioni alle associazioni di categoria, altrimenti le difficoltà dei nostri imprenditori aumenteranno la possibilità che il “welfare mafioso” faccia shopping nel turismo veneto, inquinandolo senza rimedio».

 

I dati sospetti

«Quindi – sferza la politica veneziana – togliamo le residue fette di prosciutto dagli occhi e leggiamo i numeri. Bastano quelli a far venire i brividi. Sulle 2.700 imprese nate in Veneto in due mesi di lockdown – una cifra incredibilmente alta – 900 sono gestite da persone con precedenti penali. Di questi, 200 sono pregiudicati per reati specifici: mafia, usura, frode fiscale e riciclaggio. Numeri da allarme rosso, sperando che i controlli delle forze dell’ordine riescano a contenerne l’espansione».

 

«Invito quindi ancora una volta – ribadisce con forza la consigliera M5S – la Regione a coordinare le associazioni di categoria dei comparti a rischio. Urge siglare accordi con Prefettura e Guardia di Finanza, per fare controlli preventivi sull’eventuale compratore e affidarsi soltanto ai canali di finanziamento ufficiali. Anche se ci sono scartoffie da compilare, teniamo lontani gli affaristi sospetti, che si presentano con la valigetta dei contanti in mano e il tirapugni in tasca».

Commenta la news

commenti

RIMANI SEMPRE AGGIORNATO SULLE ULTIME NEWS
ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER!

Notizie da Venezia, Treviso, Mogliano e dintorni