MargheraSlide-mainTurismo

Controllate numerose strutture alloggiative. Elevate sanzioni amministrative per un totale di 18.000 euro

1 minuti di lettura

Con l’arrivo della bella stagione e l’incremento del turismo aumenta anche il fenomeno degli affittacamere occasionali che esercitano abusivamente un’attività normata precisamente dal legislatore.
 
Negli ultimi mesi il Commissariato di Marghera ha intensificato i controlli incrociando i dati delle strutture alberghiere note con le inserzioni sul web e controllando la richiesta di documenti relativi alla permanenza sul territorio nazionale di cittadini stranieri con le dichiarazioni di ospitalità presentate nel territorio di competenza.
 
Dai controlli massicci effettuati sono state individuate 2 strutture completamente abusive che si facevano pubblicità sia tramite annunci su internet, sfruttando i portali di ricerca più noti agli utenti sia tramite avvisi appesi nei luoghi pubblici di Mestre e Marghera, sono stati trovati infatti annunci negli ambienti di lavoro. 
 
Sono stati effettuati circa 50 controlli in case e appartamenti per verificare la regolarità della presenza degli inquilini.
 
In tali occasioni, sono stati segnalati all’Autorità Giudiziaria quattro persone: 2 titolari di strutture ricettive, uno italiano e uno straniero, segnatamente 2 affittacamere, per aver omesso di trasmettere le generalità degli ospiti. Altri due cittadini stranieri sono stati denunciati per aver favorito la permanenza di cittadini stranieri non in regola con il permesso di soggiorno e per falso ideologico.
 
Inoltre sono state elevate 33 sanzioni amministrative per l’irregolarità delle strutture ricettive, per la mancata presentazione della dichiarazione di ospitalità. 
Nel complesso sono state elevate sanzioni per 18.000 euro.
 
Preziosa in questa attività di controllo è stata la collaborazione dei cittadini che con circostanziate segnalazioni hanno aiutato la Polizia a individuare le strutture alloggiative illegali. Non sono mancate le segnalazioni di cittadini stranieri che hanno denunciato situazioni di grave affollamento e carenza di igiene in appartamenti anche con presenza di minori, come nel caso di un appartamento in cui coabitavano 12 stranieri. 
Le situazioni più gravi sono state segnalate sia agli Uffici locali che alla Guardia di finanza per gli aspetti di competenza.

Articoli correlati
CulturaSlide-mainSocialeSpettacoloVenezia

Concerto "Donatori di Vita" al teatro Toniolo

1 minuti di lettura
Giovedì 27 giugno, il Teatro Toniolo di Mestre ospiterà il concerto “Donatori di Vita” in occasione della Giornata Mondiale del Donatore di…
NewsSlide-mainSocialeVeneto

Baby Gang in Veneto: stretta contro i giovani fuorilegge

1 minuti di lettura
Luca Zaia affronta il crescente fenomeno delle baby gang, ribadendo l’importanza di un patto sociale forte per tutelare i giovani onesti e…
Marca TrevigianaSlide-mainSociale

L’educativa di strada per prevenire il disagio giovanile

3 minuti di lettura
L’esperienza del camper di “Sconfinamenti” tra i comuni di Treviso, Casale sul Sile, Casier e Silea Un camper tra i comuni di…