Home / Cultura  / Ambiente  / Come sarà Venezia alla fine del secolo? Le previsioni sono catastrofiche

Come sarà Venezia alla fine del secolo? Le previsioni sono catastrofiche

Il futuro di Venezia e della laguna è a forte rischio a causa del costante e inesorabile aumento del livello del mare. Secondo lo studioso Luigi D’Alpaos dell’Università di Padova, l’attuale trend di innalzamento medio del

Il futuro di Venezia e della laguna è a forte rischio a causa del costante e inesorabile aumento del livello del mare.

Secondo lo studioso Luigi D’Alpaos dell’Università di Padova, l’attuale trend di innalzamento medio del mare (5 millimetri l’anno) resterà costante, ma le peggiori previsioni pongono il limite molto più in alto: in 100 anni si produrrà un innalzamento delle acque di 50 cm.

 

Questa situazione imporrà la chiusura della laguna per giorni interi, con gravissime conseguenze ambientali e sulla portualità.

 

A Venezia oltre a questo va sommato l’aggravarsi del fenomeno dell’acqua alta, che sono una conseguenza – sempre secondo Luigi D’Alpaos – dell’aumento del livello del mare, dovuto ai cambiamenti climatici, alla subsidenza, abbassamento del suolo, e all’erosione dei fondali e della barene. Quest’ultime in un secolo si sono ridotte da 158 km agli attuali 47 km.

 

In aggiunta, la costruzione dei moli alle bocche di porto del Lido, di Malamocco e di Chioggia ha causato una prevalenza del fenomeno del reflusso su quello del flusso, con continua conseguente perdita di sedimenti verso il mare.

 

Negli ultimi 100 anni tutti questi fenomeni hanno provocato un aumento medio del mare di circa 30 cm e il trend è confermato, nella migliore delle ipotesi, anche per il futuro.

 

Nella peggiore delle ipotesi prospettate, il livello del mare si innalzerà entro la fine del secolo sino a un massimo di 1,4 metri nel delta del Po e nella Laguna di Venezia, con la conseguente sommersione di gran parte di Venezia e di molte zone della terraferma veneziana.

 

Uno studio dell’ENEA prevede che Venezia tra 100 anni sarà sommersa. Fabrizio Antonioli dell’ENEA afferma: “Il massimo aumento del livello delle acque è atteso nel Nord Adriatico, dove la somma del mare che sale e della costa che scende raggiungerà valori compresi tra i 90 e i 140 centimetri.”

 

La costa cui si riferisce lo studioso è quella tra Trieste e Ravenna, che include naturalmente Venezia.

Commenta la news

commenti

RIMANI SEMPRE AGGIORNATO SULLE ULTIME NEWS
ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER!

Notizie da Venezia, Treviso, Mogliano e dintorni