Home / Slide-main  / Chioggia: controlli estivi antispaccio. Arrestato un italiano

Chioggia: controlli estivi antispaccio. Arrestato un italiano

Rimane costante anche nella stagione estiva l’impegno della polizia nel contrasto allo spaccio di sostanze stupefacenti.

Rimane costante anche nella stagione estiva l’impegno della polizia nel contrasto allo spaccio di sostanze stupefacenti.

 

Nel pomeriggio di venerdì 5 luglio, a seguito di uno specifico servizio finalizzato al contrasto dell’uso e spaccio di sostanze stupefacenti, gli Agenti del Commissariato di P.S. di Chioggia hanno tratto in arresto per detenzione ai fini di spaccio P.R., italiano del ‘53.

 

In particolare, l’uomo veniva osservato fare la spola da un bar di viale San Marco a un magazzino nella zona adiacente ai “Murazzi”, muovendosi con una bicicletta elettrica all’interno delle callette che attraversano la zona vecchia di Sottomarina Lido, percorso ottimale per spostarsi in maniera discreta; questo comportamento, considerati i precedenti del soggetto, ha subito insospettito i poliziotti, che hanno iniziato a seguirlo. 

 

Poco dopo l’uomo è stato visto intrattenersi con un paio di avventori per pochi secondi, con modalità tipiche assimilabili ad uno scambio di stupefacenti. Per tale motivo, subito dopo, è stato bloccato dagli agenti. L’uomo ha messo allora in essere una breve resistenza, cercando inoltre di disfarsi di due dosi di cocaina, gettate dentro un tombino; tentativo reso vano dagli operatori di Polizia. 

 

La successiva perquisizione domiciliare e del magazzino permetteva poi di rinvenire altre 25 dosi di cocaina, per un peso di quasi 13 grammi, confezionate e pronte per lo spaccio. Nel corso del controllo si è altresì rinvenuto del denaro contante, frutto dell’attività illecita posta in essere da P.R..

 

L’uomo è stato dichiarato in arresto per detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente e accompagnato dapprima presso il Commissariato di PS di Chioggia e, una volta avvisato il magistrato di turno di quanto accaduto, è stato sottoposto alla misura degli arresti domiciliari.

 

Nella mattinata di ieri, sabato 6 luglio, si è svolta l’udienza del processo per direttissima presso il Tribunale di Venezia. Il Giudice Monocratico, convalidato l’arresto, ha disposto per P.R. la misura dell’obbligo di dimora a Chioggia, in attesa dell’udienza prevista per il prossimo settembre.

Questo giornale è gratuito ma, se vuoi, puoi sostenerlo donando un piccolo contributo di 1 euro al mese, impostando un pagamento periodico a questo link.

Commenta la news

commenti

RIMANI SEMPRE AGGIORNATO SULLE ULTIME NEWS
ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER!

Notizie da Venezia, Treviso, Mogliano e dintorni