Città Metropolitana di VeneziaSlide-mainVeneto

Cavallino Treporti: gioiello del turismo veneto

2 minuti di lettura

Il successo senza precedenti di Cavallino Treporti, che si piazza al vertice delle destinazioni turistiche venete e conquista il quinto posto a livello nazionale, è un trionfo del lavoro di squadra e della visione a lungo termine.

VENEZIA. L’eccellenza turistica di Cavallino Treporti, incastonata tra il mare e la laguna, è un trionfo di successo che riverbera oltre i confini regionali, affermandosi come un’irresistibile meta balneare nell’Alto Adriatico.

Cavallino Treporti non solo si erge al primo posto delle destinazioni balneari venete, ma scala anche le classifiche nazionali, attestandosi al quinto posto, un risultato straordinario reso possibile dall’impegno congiunto degli operatori, degli amministratori e dei residenti.

“Il desiderio di vacanza e l’alta fedeltà per una destinazione si traducono in presenze turistiche, grazie alle quali Cavallino Treporti, capitale dei campeggi e del turismo open air dell’Alto Adriatico, si conferma la prima località balneare di Italia superando la spiaggia di Rimini. Ma non solo, perché questo lembo di spiaggia, ricco di natura, tra mare e laguna, scala la classifica delle destinazioni turistiche e si posiziona al quinto posto nazionale dietro le grandi città e i centri d’arte. Un risultato importante che premia il lavoro di una grande squadra: operatori, amministratori e residenti che hanno saputo costruire un’offerta al passo con i tempi e capace di rispondere ai bisogni di un turista evoluto e attento ai temi della sostenibilità”.

Così il presidente della Regione del Veneto plaude al successo della spiaggia veneta di Cavallino Treporti che si conferma prima spiaggia veneta, seguita a ruota da Rimini, Bibione, Jesolo, Caorle e Lignano Sabbiadoro.

“Se ai 6,8 milioni di presenze Cavallino Treporti sommiamo i dati delle spiagge di Jesolo, Eraclea, Caorle, Bibione abbiamo una Costa veneta con numeri da capogiro. Un litorale di 120 km sul quale sventolano bandiere blu e verdi, che confermano la grande attenzione nei confronti dell’ambiente, un’alta qualità dell’acqua, dei servizi e di pulizia degli arenili – prosegue il Governatore -. Ed è grazie anche a queste eccellenze che il Veneto si distingue a livello nazionale confermandosi prima destinazione di Italia per numero di presenze, che nel 2023 hanno superato quelle record del 2019. E forti di questi 72milioni presenze affrontiamo un avvio di stagione positivo, consapevoli che per continuare a crescere bisogna destagionalizzare, con un’offerta capace di catalizzare l’interesse anche nei mesi a monte e a valle, così come stanno facendo molte destinazioni venete diventando attraenti 365 giorni all’anno”.

Articoli correlati
MondoSlide-mainSociale

Giornata Mondiale dei Bambini: riflessioni e impegni per un futuro migliore

2 minuti di lettura
Il Coordinamento Nazionale dei Docenti della Disciplina dei Diritti Umani (CNDDU), in occasione della Prima Edizione della Giornata Mondiale dei Bambini, propone…
AttualitàItaliaSlide-main

L'ipotesi del servizio civile o militare obbligatorio

1 minuti di lettura
Due opzioni, a scelta, per sei mesi: impegno civile o formazione militare. La Lega ha avanzato una nuova proposta di legge per…
Città Metropolitana di VeneziaSlide-mainVenezia

Nuove strade a Venezia: tra i nomi Giulia Cecchettin e Don Armando Trevisiol

2 minuti di lettura
La Giunta comunale ha deliberato dieci nuove intitolazioni di strade, rotonde e parchi, onorando figure significative che hanno lasciato un’impronta indelebile nella…