Home / Slide-main  / CartaCarbone Festival. Il Diario di Adamo ed Eva di Mark Twain

CartaCarbone Festival. Il Diario di Adamo ed Eva di Mark Twain

Nell’ambito della rassegna “Festival dei Festival”, proposta dall'amministrazione comunale e accolta dalla Rete dei Festival culturali della Città di Treviso, questa sera alle ore 21.30, CartaCarbone porta in scena “Il Diario di Adamo ed Eva”

Nell’ambito della rassegna “Festival dei Festival”, proposta dall’amministrazione comunale e accolta dalla Rete dei Festival culturali della Città di Treviso, questa sera alle ore 21.30, CartaCarbone porta in scena “Il Diario di Adamo ed Eva” interpretato dal talento istrionico di Vasco Mirandola e Martina Pittarello che daranno vita all’incontro tra i due prototipi sentimentali dell’umanità, come li definisce Mark Twain in questo suo scritto a due voci, caricati di tutti gli stereotipi dell’uomo moderno.

 

Nel bel mezzo dell’estate trevigiana, CartaCarbone Festival regala l’anteprima della settima edizione che quest’anno esplorerà il tema “Amore e Eros”. Dal 15 al 18 ottobre 2020 CartaCarbone indagherà l’amor cortese delle nostre origini e quel genere di nutrimento che scorre come linfa tra i sensi, e che bel oltre i confini territoriali si esprime attraverso un linguaggio universale.

 

Twain,  fingendo di credere al mito, trasforma il primo capitolo della storia biblica, in un esercizio di umorismo che tratteggia le figure di un uomo e di una donna “universali” con i loro pregi, ma soprattutto i loro difetti, in cui è difficile non riconoscersi. Una lettura scenica che dà vita ad un mirabile esempio di equilibrio tra ironia e cronaca fantastica, immersa nel fascino della prima struggente storia d’amore del mondo.

In un’epoca in cui l’amore eterno sembra dissolversi, sia come mito romantico che come sogno adolescente, attraverso le voci e la presenza complice e succosa di Mirandola e Pittarello, lo scrittore statunitense ne rinnova il valore trovando nella tolleranza e nell’accettazione delle reciproche spesso fastidiose diversità, una visione ben lontana dal tenero idillio, e  molto vicina ad una laboriosa, emozionate conquista.

“Domenica (EVA): Ieri pomeriggio, di lontano, ho seguito l’altro Esperimento, volevo capire a che cosa potesse servire. Ma non ci sono riuscita. Credo sia un uomo. Non ne avevo mai visto uno, ma quell’essere gli somigliava…

Lunedì (ADAMO): Questo nuovo animale dalla lunga criniera comincia a scocciarmi. Mi è sempre tra i piedi e mi segue dappertutto. Non mi va, non sono abituato a stare in compagnia. Vorrei che se ne restasse con le altre bestie…”

Commenta la news

commenti

RIMANI SEMPRE AGGIORNATO SULLE ULTIME NEWS
ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER!

Notizie da Venezia, Treviso, Mogliano e dintorni