Home / Slide-main  / Campionato italiano moto d’acqua 2019: seconda tappa a Caorle – Duna Verde, dal 17 al 19 maggio 2019

Campionato italiano moto d’acqua 2019: seconda tappa a Caorle – Duna Verde, dal 17 al 19 maggio 2019

Il Campionato Italiano Moto d’Acqua 2019, organizzato dalla Federazione Italiana Motonautica tramite la propria società affiliata Radical Riders ASD, vedrà la partenza della sua seconda tappa “2°Gran Premio Città di Caorle” da venerdì 17 maggio

Il Campionato Italiano Moto d’Acqua 2019, organizzato dalla Federazione Italiana Motonautica tramite la propria società affiliata Radical Riders ASD, vedrà la partenza della sua seconda tappa “2°Gran Premio Città di Caorle” da venerdì 17 maggio a domenica 19 maggio dalle ore 10 alle ore 18 a Caorle – Duna Verde (VE); nello specchio d’acqua antistante il Centro vacanze Villaggio San Francesco.

 

Prevista anche la I Tappa del Campionato Femminile, alla sua seconda edizione, con le Moto Sea Doo Spark,  più piccole, più leggere, potenza massima 60 cavalli e che raggiungono le 40 miglia di  velocità. A differenza della scorsa edizione, questa specialità si svolgerà su più tappe a seconda degli accordi tra la Commissione sportiva FIM e i COL.

 

I piloti delle 12 categorie diverse che formano il Campionato 2019 di questa disciplina, saranno chiamati a misurarsi nelle due manches previste; la prima al sabato e la seconda alla domenica.

 

L’attività

 

L’indiscussa preparazione atletica e tecnica dei piloti sarà anche quest’anno l’elemento fondamentale per avere successo in questa disciplina sportiva. La moto d’acqua è considerata una delle più significative, attraenti e divertenti attività della motonautica in tutto il mondo. Un settore giovane, in costante espansione, in cui forza fisica e grinta del pilota, purché sempre espresse nel rispetto dell’avversario, dominano e guidano il mezzo.

 

I tipi di moto d’acqua che partecipano nelle diverse categorie sono due: SKI e RUNABOUT; ognuna delle quali si divide in classi e discipline diverse a seconda delle modifiche apportate alla moto ed al motore, secondo quanto previsto dai Regolamenti vigenti.

 

Le categorie previste

 

SKI CIRCUITO – Moto d’acqua che si guidano in piedi; sono sicuramente le più tecniche da guidare, occorre un eccellente allenamento fisico e tanto equilibrio per essere un talento. Velocità oltre 100 km/h.

 

RUNABOUT CIRCUITO – Moto d’acqua decisamente più grandi e potenti che si guidano da seduti. Sono le più diffuse in quanto utilizzabili anche da due persone, ovviamente solo nell’uso diportistico.

Velocità oltre 130 km/h.

 

FREE STYLE – Il vero spettacolo del settore, evoluzioni sempre più incredibili da parte dei piloti più esuberanti di tutto il Campionato; la loro esibizione raccoglie migliaia di persone sia dal vivo sia sui social.

 

ENDURANCE – Questa è la più dura delle discipline, i piloti si sfidano con moto d’acqua da 130 km/h in circuito basato esclusivamente sulla velocità e sulla durata; partecipano a questa categoria i piloti più allenati e pronti a resistere contro ogni avversità.

 

Le caratteristiche

 

Una delle peculiarità del Campionato Italiano Moto d’Acqua, è la maggiore attenzione alla qualità; anche la tappa di Caorle sarà un evento spettacolare in un contesto di assoluto pregio ed al cospetto di tanti spettatori attesi oltre che degli ospiti del Centro vacanze.

 

Dopo il successo dello scorso anno, la categoria Runabout F4, una categoria importantissima dati i costi contenuti  di acquisto e di manutenzione  della moto, quest’anno vede raddoppiare il numero dei partecipanti,.

 

Cosa aspettarsi

 

Nel corso del Campionato anche quest’anno si potranno cimentare in pista le giovani leve del Campionato Italiano giovanile; che nel 2018 hanno potuto usufruire delle 10 Seadoo Spark di proprietà della Federazione Italiana Motonautica e date in utilizzo alle Società che ne hanno fatto richiesta. La necessità di far crescere nuovi atleti (non solo di Moto d’Acqua ma anche delle altre discipline) è da sempre uno degli obiettivi più importanti che il Consiglio Federale della Fim si è dato fin dal suo insediamento nel 2016.

 

Un’altra grande novità del Campionato 2019 è rappresentata dalla maggiore attenzione che si è voluta dare al lavoro dei giudici di Gara. Oltre ai giudici di boa, già dotati di propria telecamera dallo scorso anno, quest’anno vi sarà la presenza di due ulteriori telecamere dedicate alle fasi di partenza, ma anche alle altre fasi della gara. Come dimostrato anche negli sport maggiormente praticati, l’ausilio video può essere molto utile per gli Ufficiali di Gara a dirimere in maniera più oggettiva eventuali reclami sportivi.

 

I piloti

 

Tra i piloti in gara, anche quest’anno vi sarà la presenza di campioni italiani ed internazionali fra i quali:

 

Lorenzo Benaglia campione italiano categoria Runabout F1 2018, Roberto Mariani, pilota Free Style, anche lui campione italiano ed europeo  in carica. Stefano Castronovo, campione Italiano in carica per la categoria Runabout F2.

 

Molti gli iscritti al campionato 2019, che si prospetta davvero ricco di atleti provenienti non solo dall’Italia ma anche dall’estero.

 

La Federazione Italiana Motonautica è un organismo istituzionale che governa l’intera attività motonautica sul territorio nazionale, ivi compresa la disciplina sportiva delle Moto d’acqua; il suo obiettivo è quello di organizzare manifestazioni sempre più attraenti per il grande pubblico, non tralasciando l’aspetto fondamentale della sicurezza.

 

Dopo Caorle, il Campionato Italiano Moto d’Acqua approderà il 19-21 luglio all’Idroscalo di Milano, per poi concludersi il 6- 8  settembre ad Anzio (Roma). La Tappa della Sardegna prevista dal 7 al 9 giugno, dovrà essere sostituita in luogo e data da definirsi a breve; a causa della sopraggiunta impossibilità del Comune di Olbia ad ospitare la gara.

Commenta la news

commenti

RIMANI SEMPRE AGGIORNATO SULLE ULTIME NEWS
ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER!

Notizie da Venezia, Treviso, Mogliano e dintorni