IstruzioneItalia MondoSlide-mainSostenibilitàVenezia

Ca’ Foscari e Radoff insieme nella lotta contro l’inquinamento indoor

2 minuti di lettura

La startup aderisce al programma di Co-Innovazione di VeniSIA (Venice Sustainability Innovation Accelerator). Il progetto di Radoff presentato all’ambasciatore francese in Italia.

L’Università Ca’ Foscari di Venezia e una startup fianco a fianco nella lotta all’inquinamento indoor. Obiettivo: combattere, attraverso dispositivi altamente tecnologici, i principali agenti inquinanti che respiriamo ogni giorno e che hanno pesanti ripercussioni sulla salute, dalla Co2 alle polveri sottili, dai batteri ai virus fino ad arrivare al Radon, un gas radioattivo cancerogeno che per l’OMS (l’Organizzazione Mondiale della Sanità) è la seconda causa di tumore polmonare.

È questo il frutto della partecipazione di Radoff, startup innovativa fondata nel 2018 e che può già vantare quattro brevetti internazionali, al primo programma di Co-Innovazione di VeniSIA (Venice Sustainability Innovation Accelerator), l’ecosistema di innovazione sostenibile di Università Ca’ Foscari di Venezia nato da un’idea del professore ordinario Carlo Bagnoli.

Il progetto ha l’obiettivo di fare di Venezia ”la più antica città del futuro”, e unisce l’importanza della sostenibilità all’innovazione tecnologica e a uno scopo sociale che combacia perfettamente con i valori di Radoff. Guidati dal professor Bagnoli, docente visionario che vanta anni di esperienza nel campo, Radoff ha adottato un nuovo modello di business innovativo che sta potenziando e valorizzando l’azienda.

A testimoniarlo il workshop avvenuto presso l’Università Ca’ Foscari Venezia in collaborazione con l’Università Iuav di Venezia, unico ateneo in Italia interamente dedicato al campo delle discipline progettuali: Architettura, Pianificazione e Urbanistica, Design e Arte. Ricercatori e designer hanno presentato un nuovo concept di design dei dispositivi Radoff che usciranno a breve sul mercato.

Un lavoro meticoloso che è riuscito a coniugare la componente estetica moderna e minimale con i valori della sostenibilità e dell’intelligenza artificiale. Il risultato è uno strumento altamente innovativo in grado di rendere le persone libere di vivere gli spazi chiusi come luoghi aperti. A margine del workshop, Radoff ha avuto l’opportunità di presentare il proprio progetto a Christian Masset, Ambasciatore di Francia in Italia, con l’obiettivo di portare i dispositivi Radoff nelle scuole di Parigi a tutela della salute di tutti gli studenti.

INQUINAMENTO INDOOR

Mission dell’azienda è quella di realizzare dispositivi smart ed efficaci in grado di abbattere il gas Radon e gli altri principali inquinanti indoor che vengono respirati quotidianamente nelle private abitazioni, sui luoghi di lavoro, negli edifici pubblici come scuole, ospedali, etc. Il Radon, un gas nobile, all’aria aperta si disperde rimanendo ‘innocuo’ ma all’interno degli edifici può raggiungere concentrazioni elevate diventando una minaccia per chi lo respira.

L’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), ha infatti classificato il Radon come gas cancerogeno di grado 1. Il 10% dei tumori polmonari sono dovuti all’inalazione di gas Radon nel lungo periodo che causa ogni anno migliaia di decessi in tutto il mondo: 4.500 solo in Italia; 20mila in tutta Europa; 21mila negli Stati Uniti. I dispositivi realizzati da Radoff tuttavia combattono l’inquinamento indoor a 360 gradi e offrono un’azione efficace anche contro altri inquinanti come le polveri sottili: un grande pericolo per la salute, responsabili solamente In Italia di circa 70mila decessi l’anno. Infine, tra i nemici invisibili che si nascondono in ambienti chiusi, c’è l’anidride carbonica. Viene considerata un ottimo indicatore generale della qualità dell’aria indoor perché è un parametro che aumenta in modo esponenziale rispetto agli altri inquinanti favorendo la diffusione di virus e batteri.

Articoli correlati
JesoloSlide-main

Sicurezza, a Jesolo avviata la discussione sul controllo di vicinato

1 minuti di lettura
L’amministrazione ha iniziato gli incontri con i comitati cittadini. Calendarizzato un appuntamento congiunto a dicembre. Obiettivo: definire un regolamento. L’amministrazione comunale ha…
SaluteSlide-mainVeneto

Covid. Nuovo piano di sanità pubblica in Veneto

2 minuti di lettura
La Giunta regionale, su proposta dell’Assessore alla Sanità, Manuela Lanzarin, ha approvato un ulteriore aggiornamento del proprio Piano di Sanità Pubblica dal…
AmbienteIstruzioneSlide-mainVenezia

Ri-Party-Amo dalle università: il 1° dicembre a Ca' Foscari

3 minuti di lettura
A Venezia il quarto degli 8 workshop nelle Università italiane previste dal progetto Ri-Party-Amo. Prosegue il calendario delle attività per formare i…

RIMANI SEMPRE AGGIORNATO SULLE ULTIME NEWS
ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER!

Newletter Il Nuovo Terraglio