MargheraMestreSlide-mainVenezia

Biblioteca Vez e Archivio Giacomelli: dal 4 dicembre prende vita la mostra fotografica “Ri-locazioni

1 minuti di lettura
Le trame volubili del paesaggio” per raccontare le trasformazioni della città con le immagini     Il 4 dicembre 2021, a partire dalle ore 12.00, la Biblioteca civica VEZ apre al pubblico la mostra fotografica “Ri-locazioni. Le trame volubili del paesaggio”, un’iniziativa di VEZ – Rete Biblioteche di Venezia a cura dell’Ufficio Archivi Fotografici e digitali. Un agile percorso espositivo propone l’accostamento fra 12 immagini di paesaggi urbani del primo ‘900 tratte dal Fondo Giacomelli e 12 rifacimenti odierni delle medesime inquadrature, realizzati da Giorgio Bombieri. A far da “ponte”, l’interposizione di un livello infografico intermedio che ne coglie e tratteggia, in modo essenziale, discontinuità e persistenze. “Il Fondo Fotografico Giacomelli testimonia più di ogni altro i cambiamenti novecenteschi della città e la mostra Ri-locazioni, ospitata nell’affascinante cornice della biblioteca civica di Villa Erizzo, luogo emblematico della nostra storia moderna, ci racconta in modo efficace anche dal punto di vista espositivo, alcune delle più rilevanti trasformazioni della Venezia d’acqua e di terra” commenta l’assessore alla coesione sociale, Simone Venturini. Entrano in gioco, nel titolo della mostra, i due significati complementari del latino locare: da una parte l’assegnazione di un oggetto a un “luogo”, con l’alterazione della sua percezione fisica nello spazio; dall’altra, il “locare” estrae i luoghi dal paesaggio e li assimila a un contesto antropico, li imbriglia in un tessuto d’usi e convenzioni. In tal modo le Ri-locazioni, applicate alle trasformazioni del tessuto urbano, vorrebbero proporre all’osservatore entrambi i versanti, il colpo d’occhio d’insieme e gli indizi di una mutata interazione umana con quegli stessi luoghi; terreno suggestivo di raccolta, la Città storica e la Terraferma veneziana, setacciate dall’Agenzia Giacomelli per documentare, nei primi decenni del secolo scorso, alcuni assetti urbanistici destinati di lì a poco a profonde trasformazioni. Sullo sfondo, l’interazione di quelli che la sociologia ama definire, da alcuni decenni, luoghi e nonluoghi: i primi a marcare scenari produttivi di identità e relazioni umane, sedimentati in un tratto armonicamente evolutivo del paesaggio urbano; i secondi a infiltrare altri segni, più o meno evidenti, in quell’orizzonte “sovramoderno” di usi e di transiti indifferenziati così caro a Marc Augé. La mostra è visitabile in orario di apertura della Biblioteca VEZ, fino al 5 gennaio 2022. informazioni sugli ingressi e sulle mostra , www.comune.venezia.it/it/content/ri-locazioni-le-trame-volubili-paesaggio
Articoli correlati
JesoloSlide-mainVenezia

Jesolo candidata "Città Europea dello Sport 2025"

2 minuti di lettura
La presidenza di ACES Italia ha accolto la candidatura avanzata dall’amministrazione comunale, riconoscendo le potenzialità logistiche della città ma anche le capacità…
MargheraSlide-mainVenezia

Via libera dalla Giunta alla variante per la realizzazione del nuovo Distretto socio sanitario Ulss 3 a Marghera

1 minuti di lettura
La Giunta comunale, riunitasi oggi, ha licenziato, su proposta dell’assessore all’Urbanistica Massimiliano De Martin e dell’assessore alle Politiche Sociali Simone Venturini, la…
PreganziolSlide-main

Preganziol. Progetto "Qui si Legge", volontari cercasi

1 minuti di lettura
“Qui si legge” è un grande progetto di promozione della lettura e delle biblioteche, vincitore del bando “Città che legge 2020”, presentato…

    RIMANI SEMPRE AGGIORNATO SULLE ULTIME NEWS
    ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER!